MAGGIE'S FARM - SITO ITALIANO DI BOB DYLAN

             

           

SITO ITALIANO DEDICATO A BOB DYLAN

created by Michele "Napoleon in rags" Murino                                                              managed by Mr. Tambourine

                                                                                                                         

 

                                                                                                              

invia le tue e-mail a : spettral@alice.it
il presente sito, amatoriale, non riveste alcun carattere commerciale, ma intende solo onorare l'artista cui è dedicato. I testi delle canzoni e le immagini che appaiono in questo sito sono coperti da copyright © ed appaiono a solo scopo illustrativo e di studio (diritto di citazione), appartenendo ogni titolo di proprietà e di utilizzo ai rispettivi autori ed editori. Gli aventi diritto potranno richiedere la rimozione delle pagine qualora si sentano lesi. Nella nostra personale convinzione che questo sito, come altri simili, non possa che costituire di riflesso un veicolo promozionale. Ove possibile verranno riportate le fonti.

send your e-mail to : spettral@alice.it
this amateur site has no commercial character, but will only honor the artist which is dedicated. The lyrics and images that appear on this site are copyrighted © and are for illustration purposes only and study (right to quote), and belong to each title and use to their respective authors and publishers. Rightholders can request removal of pages if they feel damages or injuried. Is our personal conviction that this site, as similar ones, can only be a reflection of a promotional vehicle. Where possible the sources will be listed.
This is an unofficial fan page and is not affiliated with Bob Dylan

THE  BEATEN  PATH

THE DYLAN'S PAINTINGS AND THE REAL PLACES

a
Sabato 18 Gennaio 2020

Talkin' 10818 - lucadelandi

Oggetto: Blood on the tracks

Dylan ha scritto sul suo libro biografico che blood on the tracks si basa sui racconti di Anton Cechov. Pensavo stesse mentendo e stesse depistando chi metteva in relazione quelle canzoni al divorzio.
Ho trovato però una versione inglese di un romanzo di cechov che si chiama La steppa,e riporto l'inizio:

EARLY one morning in July a shabby covered chaise, one of those antediluvian chaises without springs in which no one travels in Russia nowaday (.....)

Il romanzo inizia con la stessa frase che inizia l'album. È una coincidenza?
La storia parla di un viaggio attraverso il deserto ucraino, non vedo molte affinità con l'opera di Dylan ma potrebbe aver effettivamente attinto a frasi o suggestioni per la composizione dei testi e quindi ha sempre detto la verità negando sempre ogni attinenza delle canzoni con quello che gli capitava in famiglia.
Chiedo il suo parere è se conosce altri riferimenti tra blood on the tracks e il grande scrittore russo.
Grazie per l'attenzione, saluti.

Caro Luca, personalmente penso che l’inizio di Blood, cioè la canzone Tangled Up In Blue: Early one mornin', e nota che nel libro è scritto “morning” mentre Dylan è uso a togliere sempre la “g” nei suoi testi, sia solamente una mera coincidenza, e come me tantissimi altri la pensano allo stesso modo, ma questo però non vuol dire che abbiamo ragione!. E’ vero, la dichiarazione di Dylan che dice che il disco si basa su una serie di racconti di Checov è probabilmente un depistaggio, forse perchè non era pronto a parlare liberamente della sua crisi con Sara e del suo matrimonio fallito. Lo stesso figlio più piccolo di Bob e Sara, Jakob, aveva dichiarato che ascoltare l’album gli riportava alla mente le discussioni dell’epoca tra i suoi genitori, anche se Bob si è sempre speso nel negare ogni elemento autobiografico nel disco in questione, usando invece l’alibi che ad ispirare il disco fossero stati principalmente alcuni racconti di Čechov.
E’ un classico di Dylan dire una cosa e poi dopo un pò di tempo dire l’esatto contrario, non per stupidità ma solo per evitare che la critica scrivesse e pensasse di lui sempre le stesse cose. L’esempio classico è quello del famoso incidente motociclistico per il quale si disse di tutto e di ogni calcando la mano sulle condizioni fisiche che andavano dalla vicinanza alla morte al rimanere sfigurato e via con idiozie di questi genere. La verità, o meglio la presunta verità, la dissero alcuni amici vicinissimi a Bob, con in testa Jerry Garcia dei Grateful Dead che disse chiaramente che l’incidente era solo una grossa panzana per permettere a Bob di ritirarsi dalle scene per un tempo indeterminato per disintossicarsi da tutte le porcherie che assumeva a quel tempo e che probabilmente lo avrebbero ucciso se avesse continuato, ma anche questa è una voce difficile da verificare, l’unica cosa certa è che quando Dylan riapparve in pubblico non aveva il minimo sfriso in nessun aparte del corpo, tantomenno sul viso, non zoppicava, non era claudicante ma era in perfetta forma fisica.
Suggerisco perciò a te, ma anche agli altri lettori, questo bellissimo saggio di Riccardo Bertoncelli su Blood On The Tracks:

https://www.musicajazz.it/blood-on-the-tracks-bob-dylan/?sa=X&ved=2ahUKEwj56fjj4YvnAhVBfZoKHYMaBLYQFjAMegQICBAB

e quest’altro di Vittorio Command:

https://www.thewisemagazine.it/2018/10/27/blood-on-the-tracks-album-dylan-film/

Spero che i due saggi ti dicano tutto quello che c’è da sapere sul disco, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Venerdì 17 Gennaio 2020

New York, NY - Beacon Theatre - November 23, 2019

di Roland Pabst

Era il mio 51° concerto di Dylan. Il mio primo fu a Locarno, in Svizzera. Quello era il concerto che menziona nel suo libro Chronicles. Quella sera lui ha ritrovato la sua voce e lo scopo di esibirsi. Ogni stadio della sua carriera è stato grandioso, ma il modo in cui si esibisce in questo tour autunnale è molto speciale. Non riesco a credere che il Beacon 2019 sia molto diverso dal Beacon 2018. È incredibile vedere come Dylan e la band possano riordinare le canzoni alla perfezione in questo tour. Adoro davvero la band. Dylan è il leader sul palco. Il suo canto, il piano e l'armonica sono probabilmente i migliori che ho sentito. Ha così tanta energia e sembra che gli piaccia davvero tanto ciò che sta facendo. Superbo vederlo alla chitarra e anche durante la presentazione della band. I miei preferiti? Ne ho avuti molti. Girl From The North Country, Not Dark Yet, Lenny Bruce e Masterpice sono alcuni di questi. Per quanto bello sia il Beacon, non ho mai avuto una buona esperienza sonora. Forse in platea è meglio, ma in loggione ho avuto difficoltà ad ascoltare i testi. Le canzoni lente e tenere andavano bene. Nel complesso, non vedo l'ora che arrivi il mio secondo concerto venerdì.
Roland Pabst

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

di Peter Smith

Mentre ero sulla strada per lo spettacolo di stasera, non ho potuto fare a meno di pensare a quanto siamo fortunati ad avere Dylan ancora con noi, e ancora così forte. I compagni di The Band dei primi tempi sono ormai scomparsi (Richard Manuel all'età di 42 anni nel 1986, Rick Danko 55 nel 1999, Levon Helm 71 nel 2012). Nell'ultimo mese ci siamo divertiti con le recensioni entusiastiche degli spettacoli nelle varie città. Le radici del suo albero musicale sono più forti che mai. Il suo spettacolo dal vivo ispira ancora il pubblico a ballare o muoversi nei loro posti. E la sua voce è davvero migliorata negli ultimi anni. Detto questo, stasera c'era la sensazione di un ritorno a casa per le vacanze come quando Dylan fece l'ennesimo ritorno il giorno del Ringraziamento al Beacon. Il teatro, come altri locali vintage che Dylan ha selezionato negli ultimi anni, è una brillante gemma restaurata in oro con grandi linee di vista e acustica. Penso che Dylan stesso sia felice di essere arrivato qui dopo le sue 8 settimane di tour attraverso il paese. Alla sua età, non può essere facile viaggiare così tanto in così poco tempo. Deve essere un lavoro fatto con amore. La troupe del suono di Dylan è stata chiamata al primo spettacolo di questa notte. Hanno chiaramente scritto la ricetta per un ottimo mix qui. Mi è piaciuto molto il ritorno dell'introduzione orchestrale quando le luci si sono attenuate e sono stato felice di sentire Dylan presentare la sua bella band. Nel loro abbigliamento in grigio, Dylan con la sua giacca bianca, pantaloni neri con striscia bianca estivali bianchi. I capelli sembrano giusti, ancora senza cappello. Avevo cercato di capire perché suonasse un pianoforte verticale invece del pianoforte a coda dei tour passati. La risposta mi è arrivata come l' ho sentito. La base sono le radici del rock, più Little Richard, meno Elton John. Funziona. Inoltre Dylan si sposta da esso. Lui sta al piano, passa al microfono centrale del palco per cantare, suonare la chitarra e l'armonica. L’esecuzione è sempre appassionata, impeccabilmente professionale ed efficiente. In evidenza Simple Twist of Fate con un nuovo testo su qualcosa di "strano", Masterpiece con una nuova lirica. Anche a Lenny Bruce e Gotta Serve Somebody hanno una nuova vita e funzionano bene. Non è lo stesso per Can't Wait, IMHO.
Bob al Beacon, dovremmo essere tutti grati che ritorna sempre alla faccia dei suoi 78 anni, e dovremmo considerare che a quell’età le cose che fa non sono poi così scontate.

 

 
Giovedì 16 Gennaio 2020

New York, NY - Beacon Theatre - November 23, 2019

di Laurette Maillet

Sentimenti contrastanti .... Sono arrivata a New York giusto in tempo per il soundcheck. Niente di straordinario. Ovviamente impossibile avvicinarsi a Bob. Stava sgattaiolando dentro .... in incognito! Ho visto tutti i musicisti però. Anche loro tipo-incognito tranne Charlie a cui sembra piacere un po' di notorietà. Corro a fare il check-in al mio ostello a Brooklyn. Sembra un’ area "colorata". Molta animazione. Ma l'ostello è pulito e per ora ho una stanza privata. Di nuovo al Beacon con la metropolitana M e poi una delle linee rosse, 1 2 o 3. Facile. Provo a far cambio coi miei quadri per un biglietto. Attirano l’attenzione di alcuni fans ma non tanto come previsto. La gente vuole solo entrare per vedere Bob Dylan e la sua band.Tuttavia un gentilissimo gentiluomo mi dà un biglietto. All'inizio non voleva il mio quadro ma poi ha cambiato idea e ne ha preso uno. Il mio posto è un pò sul retro del teatro ma il Beacon è piccolo, quindi la mia vista è buona. Il palcoscenico è molto indietro, quindi Bob è lontano dalla prima fila. Iniziano con quindici minuti di ritardo. Dove sono io il suono non è così buono. La voce di Bob è ovattata.Tutti i miei amici Bobcats hanno detto che lo spettacolo è stato fantastico. Bene! Quindi ... probabilmente era il mio umore a non essere troppo alto. Nessun cambiamento nella scaletta. Potrebbero essere 10 spettacoli uguali. "Pay in blood" è stata l’highlight (per me). Un bello spettacolo ma l'atmosfera oggi non era la mia ideale. Controllo bene la porta del backstage dopo la fine dello show. Alcuni fans si stanno accumulando intorno al tour-bus. So che Bob non salirà in questo modo. Troppo ovvio e non abbastanza sicuro. Non vedo nessuna macchina in attesa di lui. Niente Barron. Domani è domenica. Vedremo cosa porta. Buona notte da New York.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

di Caitlin Hawke

Molte recensioni dei concerti del NET dell'autunno 2019 che mi hanno entusiasmato molto mi hanno portato qui stasera. E infatti, la Beacon Night #1 ha trovato Bob Dylan in buona forma, con una grande voce e rilassato ed a proprio agio. Il Beacon si adatta a questa band come un guanto. Molti piccoli cambiamenti. Nuovi volti. I ragazzi della band sono tutti vestiti in abiti grigi abbinati con svolazzi luccicanti. Dylan invece aveva un abito simile ma bianco con accessori neri... luccicanti. Hai la sensazione che gli piaccia questa band. Iniziato in ritardo lo show, ha però presentato ogni membro con una menzione speciale al nuovo batterista Chamberlain per "alzarsi in modo che le persone potessero vederlo". Dylan ha trascorso la maggior parte del tempo in cui non era alla tastiera al centro coi musicisti, sempre in asse con Charlie e Donnie, facendo contatto visivo qua e là mentre Tony e Bob Britt lo fissavano da dietro. Quando era alla tastiera, suonava e tintinnava, spesso in piedi per i pezzi honky tonky. Ma ha continuato a sostenere la band, a volte con l’armonica in mano. Ha suonato due volte la chitarra. Le ballate erano le canzoni che spiccavano. "Lenny Bruce" ha catturato l'attenzione della folla, con il violino di Donnie che reggeva la canzone. Sul tema delle ballate penso che presentando questo arrangiamento di "Girl from the North Country"- e cantato così magnificamente - aveva qualcosa a che fare con il suono di Nashville Skyline, non proprio nel tono della voce di Nashville ma cantando tutto allo stesso modo, abbastanza magnificamente. L'arrangiamento di “Not Dark Yet” era da evidenziare. Non ho capito bene cosa era successo in tutto lo show, la band non era abbastanza impennata, quello stato di grazia che ho sperimentato occasionalmente altre volte. Stasera era timida. Detto questo, Dylan offre costantemente un livello che raramente si vede - in particolare senza espedienti, Sinatra se ne è andato da tempo, e il canto di Bob è fluido e semplicemente carino come non era prima di fare il crooner. Lo spettacolo al Beacon dell'anno scorso è stato un evento più complesso, meraviglioso e una completa esperienza, se devo fare il confronto con questo. Nel Novembre del 2018 era stato uno spettacolo oscuro che sembrava un commento sullo stato del mondo. Lo spettacolo di questa sera ha caratterizzato un Dylan più leggero, ma più interno, più romantico e ben distaccato dal mondo esterno. "Non è buio ancora, ma sta arrivando".Vediamo come si evolvono queste prossime due settimane.

 

 
Mercoledì 15 Gennaio 2020

THANK GOD  - Recorded by Bob Dylan (with Tom Petty on bass, Mike Campbell on guitar, Stan Lynch on drum), June 1986 for the Chabad anti-drugs Telethon TV show Sept 14 1986.
 

 


THANK GOD
(Fred Rose)

There’s a road that’s straight and narrow
That the saints have travelled on
Paved with all the tribulations
Of the martyrs that have gone
If you’re grateful for their vict’ries
And for showin’ us the way
Then give thanks for all your blessin’s
Get on your knees and pray.
C'è una strada dritta e stretta
che i santi han percorso
E' lastricata con tutte le tribolazioni
dei martiri che son morti
Se sei grato per le loro vittorie
e per averci mostrato la strada
allora ringrazia per tutte le tue fortune
Inginocchiati e prega


Thank God for ev'ry mountains and the seas
Thank God for ev’ry flower and each tree
Thank God for givin’ life to you and me
Wherever you may be, thank God.
Grazie Dio per le montagne e per i mari
Grazie Dio per ogni fiore ed ogni singolo albero
Grazie Dio per aver dato la vita a te e me
Dovunque tu possa essere, grazie Dio


In this world of grief and sorrow
Filled with selfishness and greed
There remains the glory fountain
To supply our every need
You can find it at the temple
With a welcome on the door
But be sure to count your blessin’s
Before you ask for more.
In questo mondo di afflizione e di dolore
Colmo di egoismo e cupidigia
Resta sempre una fontana di gloria
per soddisfare ogni nostro bisogno
Puoi trovarla in una chiesa
con la scritta "sii il benvenuto" sulla porta
Ma assicurati di contare le tue fortune
prima di chiederne altre


Thank God for ev’ry flower and each tree
Thank God for ev'ry mountains and the seas
Thank God for givin’ life to you and me
Wherever you may be, thank God.
Grazie Dio per ogni fiore ed ogni singolo albero
Grazie Dio per le montagne e per i mari
Grazie Dio per aver dato la vita a te e me
Dovunque tu possa essere, grazie Dio

 

 
Martedì 14 Gennaio 2020

Philadelphia, Pennsylvania - The Met Philadelphia - November 21, 2019

di David Steinert

Io e mia moglie siamo andati a Filadelfia dal New Jersey per vedere Bob per la prima volta in questo tour! Che spettacolo ha fatto Dylan stasera! Questo è stato il nostro primo spettacolo con la nuova band ed è stato fantastico. (Premesso che ci manca George) Bob è stato incredibile, il mio highlight Girl from the north country con solo il piano, la band di sottofondo e Bob che canta una delle migliori prestazioni che abbia mai visto. Ho visto persone con le lacrime agli occhi. La voce di Bob era bellissima. Re romani ottima.
Pay in blood è una melodia piuttosto graziosa e Bob l' ha cantata come lui intendeva, sputando il testo come una vendetta. Il Met è un luogo magnifico per il suono del locale, Bob è fantastico su tutta la linea. L'intero pubblico, anche i fan occasionali, si sono alzati e hanno rallegrato le ultime due canzoni. La gente mi chiede da un sacco di tempo come posso andare a tanti spettacoli di Dylan? Dico che se potessi vedere Monet dipingere, gli starei accanto e lo guarderei dipingere tutto il giorno. Se potessi vedere Edgar Allan Poe scrivere, sarei sempre alla sua scrivania. Stasera ho visto il più grande artista creativo dei tempi moderni e la sua arte. Strabiliante. Ci vediamo al Beacon!

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

di Adam Dean

Emozioni miste, gioia e tristezza, anticipazione, eccitazione e senso di perdita - Bob Dylan e la sua band erano ieri sera al The Met, una semplicemente fantastica sala da concerti nel centro di Filadelfia, ma purtroppo Peter Stone Brown non c’era; recentemente l’ abbiamo perso dopo una lunga malattia, ma Bob Dylan era lì e ha messo su un grande show, molto elegante e professionale. Questa volta trovo Bob in modalità "crooner" migliorato, dopo aver eliminato le “sinatriane” dalla set list, si accovaccia accanto alla batteria, microfono in mano, quindi salta al centro della scena per cantare testi pungenti come Not Dark Yet, Can't Wait e Pay In Blood. C'è anche il "piano man" in Bob che canta chiaramente bellissime ballate come Girl from the north country, It ain’t me baby, Tryin’ to get to heaven e Soon after midnight. E c’è "rocker" Bob che dà dei calci alla chitarra intorno al palcoscenico con Things have changed e Ballad of a thin man. I musicisti con Bob sono, come sempre, "alcuni dei migliori musicisti del country" e Charlie Sexton e Tony Garnier alimentano le canzoni più forti come Highway 61, Early Roman Kings, Honest With Me.
Interessanti allestimenti scenici, scomparsi i tappeti e l'incenso – ci sono tre manichini vestiti con l'eleganza degli anni 1920 (tipo Grande Gatsby) sul retro del palco. Il mio momento clou personale è stata Lenny Bruce, una canzone che non avevo mai ascoltato in 45 anni di spettacoli di Dylan, ed è stato eseguita come una bella ballata, con le parole chiare ed eloquenti - ricordando il caro defunto Peter anche Lenny Bruce non c'è più. Ma Bob continua il Never Ending Tour ed è così sempre un grande brivido vederlo. Le luci si spengono alle 20:02, niente introduzione e niente intervalli. Come dicono gli annunci pubblicitari, "Don't You Dare to Miss It" e non fate tardi!

_____________________________________________________________________________________________________________________

Meglio cominciare da piccoli!

First Aid Kit - It Ain't Me Babe

  

 

 
Lunedì 13 Gennaio 2020

In uscita "Jumping Red Spiders" primo brano da "Raven Waltz"                           clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________


Paul McCartney svela che a metterlo in soggezione è proprio Bob Dylan              clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Quando Dario Fo diede uno schiaffo all’élite italiana con Mistero Buffo                clicca qui

 

 
Sabato 11 Gennaio 2020

Talkin' 10817 - alessandro.sottoriva

Oggetto: Ottimo bluegrass

Ciao Mr Tambourine,
ben ritornato, ho, visto il video postato "meglio incominciare da piccoli"... te ne invio uno per far da seguito... per poi proseguire! Come dire, le nuove leve promettono bene!! Molto bravi davvero! Eh già, Dylan lascia e lascerà sempre il segno!
Ciao, e che sia (speriamo) un nuovo anno pieno di eventi! Ale '65.

  

Grazie Ale, bel videoclip anche questo, segno che Bob lascia il segno anche sui giovanissimi, meglio di così cosa vogliamo??? Tutti speriamo in un anno prospero di dylanite!!! Alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

______________________________________________________________________________________________________________________________________

Going Electric: Timothée Chalamet vestirà i panni di Bob Dylan                                  clicca qui

______________________________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan, la leggenda del rock sempre sulla cresta dell’onda                                    clicca qui

______________________________________________________________________________________________________________________________________

Buon compleanno a Joan Baez, la prima musa di Bob Dylan                                       clicca qui

 

 
Venerdì 10 Gennaio 2020

Nuovo film su Bob Dylan                                                                                          clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan e la canzone rubata                                                                                 clicca qui

 

 
Giovedì 9 Gennaio 2020

Talkin' 10816 - newmorning

Oggetto: Talkin' 10813

Dylan la canta nel disco la strofa che manca sul sito.

Ti credo sulla parola, ma mi chiedo perchè sul sito di Bob ci sia la versione con la strofa mancante e non quella da te segnalata. Non ho sottomano World Gone Wrong per poter togliermi lo sfizio di sentirla anch'io, ma sono certo che qualcuno dei nostri Maggiesfarmers lo farà e ci darà conferma, dopodiche quando avrò un attimo di tempo, aggiungerò la strofa alla pagina di Love Henry della Fattoria. Comunque grazie ancora, alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10815 - benede

Timothée Chalamet diventerà Bob Dylan | Vogue Italia https://www.vogue.it/news/article/timothee-chalamet-diventera-bob-dylan-film

Saluti Benedetto.


Grazie Benedetto, la notizia sta circolando sui siti da pochi giorni, quindi a te l'onere della primizia!!! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan: scelto l'attore che lo interpreterà nel biopic Going Electric                   clicca qui

Timothée Chalamet sarà (anche) Bob Dylan                                                               clicca qui

 

 
Mercoledì 8 Gennaio 2020

Talkin' 10814 - claden06

Mr. Tamburino,
guarda un po' qua? Conoscevi già?
https://www.youtube.com/watch?v=PIQ_Eem5cbA
Si tratta di His Bobbyness che canta e suona il flauto (!!) in un'esibizione a fianco di Peter Himmelman (marito di sua figlia Maria) e Harry Dean Stanton.

Da Bob Dylan Encyclopedia:
"...Dylan fans can judge how Himmelman comports himself on the only known occasion when he and Dylan undertake a shared public performance, which took place live on the CHABAD TELETHON television programme ‘L’Chaim - To Life’ in LA on September 24, 1989. It’s a hilarious ten minutes, in which Himmelman, Dylan and HARRY DEAN STANTON perform together on three songs:
‘Einsleipt Mein Kind Dein Eigalach’, ‘Adelita’ and ‘Hava Negilah’ (truly). On the first of these, Dylan surprises everyone, not least his fellow-performers, by choosing to play the flute. On the second, he plays the recorder and shares vocals with Stanton.
On the third song, he plays harmonica. The entire event, bizarre enough merely for its line-up and song choice, is made the more so by Dylan’s eccentricity and spontaneity, which is unusually out-on-a-limb even by his standards…".
Enjoy.
Claudio Ghostofelectricity.

Grazie per la segnalazione caro Claudio, conoscevo questa esibizione ma ad essere sincero non mi è mai piaciuta molto, per questo non l'ho mai postata sulla Fattoria. Alla prossima, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________


Ithaca, New York - Ithaca College, Athletics and Events Center (A&E Center) - November 17, 2019

di Chris Lyons

Spettacolo eccezionale. La band è più calda che mai e Bob sembra concentrato sull' affinamento di ogni brano nella migliore iterazione (corrente) possibile.
La sede dello spettacolo, l'Ithaca College Athletics and Events Center, è una struttura relativamente nuova e la qualità del suono non era all'altezza dei luoghi più moderni, con distorsioni troppo frequenti e un mix che era un pò caotico, con la voce che va e viene, impercettibile Donnie a volte ecc.
Detto questo, lo spettacolo è stato fantastico. L'elenco dei brani di questa tappa del tour sembra scelto in parte per enfatizzare la voce di Dylan, che era flessibile, forte e potente dappertutto. Melodie come Lenny Bruce e Make you You Feel My Love non avrebbero potuto essere efficaci se cantate con il rauco ringhio di alcuni tour precedenti. La band era eccezionale, anche rispetto alle uscite più recenti di Dylan. Il nuovo batterista Matt Chamberlain ha avuto una serata fantastica, portando delicatezza e fuoco nelle dinamiche rock and roll delle canzoni. Dai tempi di Winston Watson un batterista non aveva più portato così tanta energia contagiosa alla band.
Ma il vero VIP del concerto è stato Charlie Sexton. Ha offerto un corso di livello di chitarra da maestro, una fusione apparentemente senza sforzo di blues, surf, rock britannico e stili country in perfetto accompagnamento per ogni canzone.

Note sull'effetto complessivo delle esibizioni:
Things Have Changed inizia lo spettacolo con un perfetto esempio di cosa aspettarsi: un sorprendente arrangiamento di una canzone familiare, facendovela sentire in un modo completamente nuovo ma con bellissimi echi dell'originale. Dylan butta con una scrollata di spalle il tag alla fine di ogni verso: “Ma ...Le cose sono cambiate".

It Ain’t Me Babe è allo stesso modo musicalmente disorientante, ma come nell’opener mantiene un forte legame con l'originale, rendendolo facile da seguire e apprezzo i cambiamenti. Proprio amabile. Bob suona forse il suo miglior piano della notte.

Highway 61 strappa il tetto dalla venue, mi riporta al blues che Bob avrebbe potuto pensare quando ha cantato per la prima volta la canzone, pur essendo nel 2019 sembrava totalmente nuova.

Twist of Fate, come con la maggior parte delle canzoni di stasera i testi sono chiaramente udibili e sono stati modificati e migliorati in queste versioni. Assolo di armonica breve e disciplinato, il primo dei tre di stasera.

Can't Wait è stato un altro successo, una canzone che sembrava un peso per Time Out Of Mind, qui è esplosa con una bruciante intensità. La migliore voce della notte.

A questo punto l'energia dello spettacolo è leggermente diminuita, per essere ripresa di nuovo più tardi nel proseguio della notte.
Masterpiece non è stata una delle preferite in questa notte, forse il nervoso ritmo a dondolo del resto dello spettacolo rende il ritmo in questo caso un po' goffo. Splendide riscritture dei testi.

Honest With Me ha offerto un altro grande riarrangiamento, ma la musica era troppo simile alla precedente Highway 61 (e ha sofferto il confronto).

Tryin’ to Get To Heaven aveva un ritmo shuffle veloce e un vocal molto buono. Sembrava più diretta e più allegra rispetto al malinconico tono dell'originale.

Make You Feel My Love mi è sembrata veramente sincera, riscattando una canzone che di solito tendo a saltare. Arrangiamento eccellente, dinamico e bella voce.

Pay In Blood srotolata con la potenza, ma con le palle che mancavano su Tempest - e ha riportato l'intensità dello spettacolo su, molto in alto.

Lenny Bruce ha mantenuto l'intensità, ma con una canzone più tranquilla. E’ sempre stata una delle mie preferite. Non avrei mai pensato di sentirla dal vivo, e Bob l' ha eseguita con una grazia amorevole, non esagerata o melodrammatica ma semplice e commovente..

Early Roman Kings, altra prestazione da far rizzare i capelli, sorprendente la chitarra, Bob al centro della scena squarcia la folla cantando con precisione.

Girl From The North Country presentava un arrangiamento per pianoforte molto simile ad un suono di tipo spagnolo. È la lingua amorevole degli anni '70 ed è stata affascinante nella sua tristezza, riflesso di un amore perduto.

Not Dark Yet, cullato, sostituendo il lento ritmo del disco, di nuovo una grande partenza che ha offerto nuove intuizioni nel significato della canzone.

Mantenendo l'atmosfera dell' uptempo, Thunder On The Mountain è stato per me un forte miglioramento rispetto alla versione su Modern Times, sostituendo l'originale locomotiva a vapore con un treno proiettile a levitazione magnetica di 200 mph. Suono da hot rock britannico degli anni '60. Spero che questa versione venga pubblicata un giorno.

Soon After Midnight ha oscillato come su Tempest, bel piano e voce.

Gotta Serve Somebody aveva un testo quasi completamente nuovo - per me un enorme miglioramento rispetto all'originale. Altri suoni hot rock e ottima chitarra, eccezionale per chiudere il main set.

Una lunga pausa prima di tornare per gli encore.

Bob ha ripreso la sua chitarra per Thin Man. Sorride e affronta il pubblico con "Non sai di cosa si tratta, vero?"

Takes A Lot To Laugh di nuovo un rock di fumante intensità. Un ottimo finale per una notte meravigliosa.

Bob sembra essere più forte che mai in questo set di spettacoli, e spero che continui così per sempre. Spero anche che ad un certo punto questo spettacolo o uno simile diventi disponibile in unh CD. Le esibizioni qui messe insieme sarebbero le mie Bob's Greatest Hits Vol 4.

 

 

Martedì 7 Gennaio 2020

E’ arrivato il momento di riprendere, passate le feste che auguro siano state ottime per tutti, la Fattoria riprende il suo umile lavoro giorno per giorno per continuare la pubblicazione di tutto ciò che riguarda Bob Dylan. Bob, reduce da un 2019 possiamo a ragione dire trionfale, si appresta a ricominciare daccapo il suo interminabile giro del mondo. Dove trovi la forza e la voglia, alla soglia degli 80 anni, è veramewnte un mistero, ma meglio così, godiamocelo ancora senza porci troppe domande e troppi perchè. Bob è sempre “on the road”, che si vuole di più? Staremo a vedere se quest’anno sarà la fotocopia dell’anno scorso oppure se Bob porterà ancora qualche miglioria al suo show, inutile fare previsioni, aspettiamo e vedremo. Certamente ognuno di noi ha i suo desiderata, set list nella quale le canzoni entrano ed escono con più frequenza, l’eliminazione di quella giusta e assurda proibizione delle foto e dei filmini che poi regolarmente finiscono su Youtube senza alcuna preoccupazione per la qualità sia del video che del sonoro. Fa bene Bob a proteggere la sua immagine di artista, certo che per noi il fatto di non poter testimoniare l’evento con qualcosa diventa cosa dura da digerire. Pazienza ragazzi, in fondo l’Artista e lui, mica noi!

____________________________________________________________________________________________________________________________________

Meglio cominciare da piccoli!

The Starbugs - Mr Tambourine Man

   

___________________________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10813 - newmorning

Ciao, ti mando testo di "Love Henry", quello sul sito è incompleto.
Ciao.

"Get down, get down Love Henry," she cried
"And stay all night with me
I have gold chains, and the finest I have
I'll apply them all to thee."

"I can't get down and I shan't get down
Or stay all night with thee
Some pretty little girl in Cornersville
I love far better than thee."

He layed his head on a pillow of down
Kisses she gave him three
With a penny knife that she held in her hand
She murdered mortal he.

"Get well, get well Love Henry," she cried
"Get well, get well," said she
"Oh don't you see my own heart's blood
Come flowin' down so free ?"

She took him by his long yellow hair
And also by his feet
She plunged him into well water, where
It runs both cold and deep.

"Lie there, lie there, Love Henry," she cried
"'Til the flesh rots off your bones
Some pretty little girl in Cornersville
Will mourn for your return."

"Hush up, hush up, my parrot," she cried
"Don't tell no news on me
Or these costly beads around my neck
I'll apply them all to thee."

"Fly down, fly down pretty bird," she cried
"And light on my right knee
The doors to your cage shall be decked with gold
And hung on a willow tree."


"I won't fly down, I can't fly down
And light on your right knee
A girl who would murder her own true love
Would kill a little bird like me."

Caro Newmorning, apprezzo veramente la tua meticolosità però ti è sfuggita una cosa, la versione riportata sul sito è identica a quella riportata sul sito ufficiale di Bob, http://www.bobdylan.com/songs/love-henry/ . La versione che mi hai mandato non è quella di Dylan ma è quella di Jolie Holland, https://genius.com/Jolie-holland-love-henry-lyrics , che comprende una strofa in più rispetto alla versione di Bob Dylan su World Gone Wrong. La strofa in più è quella che ho evidenziato in rosso, per questo motivo, pur ringraziandoti per l'attenzione dimostrata, non cambierò la versione che si trova su Maggie's Farm.

Love Henry, che è un traditional e non una canzone originale di Bob, è una murder ballad medievale sul classico triangolo amoroso, non ha come vittima la donna, ma il falso innamorato, pugnalato dall’amante gelosa, che nasconde il corpo gettandolo in un fiume/pozzo. Nel finale compare anche la figura di un uccellino nel ruolo di testimone. Della ballata, originaria della Scozia, si trovano tracce scritte risalenti al 1700, una murder ballad che si è diffusa oralmente nelle isole britanniche e in America. La ballata riprende il “tema del predatore” visto già in Lady Isobel and the Elfin Knight e questa donna uccide non per difendersi, ma per gelosia, il classico delitto passionale. E' catalogata  come Child Ballad #68 con diversi titoli e diversi testi pur mantenendo la melodia, Young Hunting, Henry Lee, Love Henry, Earl Richard, The Proud Girl.
LIve long and prosper, Mr.Tambourine, :o)


______________________________________________________________________________________________________________________


Baltimore, Maryland - University of Maryland Baltimore County, UMBC Event Center - November 12, 2019

di Todd Holden

Il nuovo centro eventi della UMBC dove si esibiva Bob è molto vicino a casa mia, quindi avevo prenotato i posto molto tempo fa per me e per il mio amico ... entrambi fans di Bob da molto tempo ... diavolo, io ho 80 anni e vado verso i 90, ma neanche lui è un pollastrello. Non mi piace guidare di notte, così ho chiamato un autista di limousine che conosco e gli ho chiesto se poteva venire a prenderci alla fattoria ... ha detto di sì e siam partiti.
Apertura con Things Have Changed, beh, Bob sta bene, voce forte, piena di emozione ... di sicuro ... e la band ... più stretta del culo di un topo...voglio dire che hanno suonato bene.
Le interpretazioni speciali per me sono state Lenny Bruce e Girl From the North Country, ricordandomi delle donne che ho amato e che mi hanno amato mentre ci coccolavamo ascoltando Bob.
Bob mi ha accompagnato in tanti amori...Not Dark Yet... mi risuona nelle orecchie mentre mi avvicino alla fine del mio grande sogno solitario.
Speciale anche Simple Twist Of Fate... anche con arrangioamenti diversi è sempre la stessa... tutto ciò che può fare la musica è arrivare nei nostri cuori e anime.. come un curativo e lenitivo.
Ballad Of a Thin Man negli encore... mi ha fatto stare sempre bene nei miei numerosi concerti di Bob ai quali ho partecipato, lui continua a ricantarla, la folla era entusiasta.
Bob potrebbe anche non passare più da queste parti...chissà... per ora, siamo io e lui e il resto del mondo rock...!

Todd Holden

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

di David Mendick

Freddo. È autunno o è inverno? Ho un brutto caso di depressione in questa stagione deprimente. E poi Bob Dylan è arrivato in città. È una città fantastica per vederlo. no spettacolo così geniale. Che brivido vederlo ancora suonare la chitarra per aprire lo spettacolo e di nuovo per il bis. Il dylancanto è fantastico.
Meglio che mai. Com'è possibile? Lenny Bruce non è mai stata una grande canzone ma stasera è stata sicuramente fantastica, seguita da una incredibilmente meravigliosa Early Roman Kings, Girl from the north e una squisita Not dark yet.
L'intero spettacolo è stato così bello che la prossima maratona al Beacon di NY è molto allettante. Howie X, Eric e Shaz saranno sicuramente lì. Ci sarò anch’io per la chiusura del tour, non vedo l'ora.
David Mendick

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

di Tim Shorrock

Bob Dylan proprio in fiamme a Baltimora e continua a dondolare a 78 anni. Il periodo sinatriano è finito; nella set list solo canzoni del suo catalogo. Le mie preferite: Girl from the north country, il suo sentito tributo a Lenny Bruce, una frizzante GOTTA SERVE SOMEBODY. Il pubblico era incantato.

Tim Shorrock, Washinton, DC

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

di John Frisch

Ho avuto la grande fortuna di vedere Dylan ogni volta che si trovava diciamo entro tre ore di macchina da Baltimora, da quando l'ho visto per la prima volta al Baltimora Civic Center nel 1978. Questo è stato uno dei più concerti più soddisfacenti, un Dylan che non vedevo da anni. Ho letto recensioni molto positive a proposito di questa tappa del tour e martedì sera ho visto Bob in ottima voce e forma. Era raggiante e il suo fraseggio era eccezionale. Oltre a questo, molti dei momenti salienti della notte sono stati eseguiti con un vero io emotivo da parte sua. It Ain't Me Babe, Girl from the North Country e Not dark yet erano tenere, malinconiche e ben indossavano la "Patina dell'età" che con la sua voce ha dato a queste canzoni una maggiore risonanza. La risposta della folla a Girl from the North Country ne è stata una testimonianza. Questo in contrasto con le versioni feroci e ringhianti di Highway 61 e Ballad of a thin man e una versione formidabile di It Takes A Lot to Laugh and a Train to Cry. Mentre non ero un fan della versione rielaborata di Can’t Wait, tutto il resto è davvero formidabile per me. Il violino e il pianoforte verticale di Bob hanno aggiunto una nuova dimensione. La band era ben stretta intorno a lui, suonando con moderazione, a volte creava anche una sorta di scoppiettante energia nascosta nella musica. Questo, e la scenografia / illuminazione (che era la migliore che abbia mai visto), hanno creato un' atmosfera piuttosto avvincente. E’ stata un’emozione vederlo con mia figlia che lo vedeva per la prima volta ed è stata veramente colpita da Bob.
John Frisch

 

PAGINA PRECEDENTE

MOTORE DI RICERCA INTERNO

cerca in maggiesfarm.eu

ARCHIVIO NEWS