aaa

MAGGIE'S FARM

SITO ITALIANO DEDICATO A BOB DYLAN

2016 Nobel Prize in Literature

created by Michele "Napoleon in rags" Murino                                                  managed by Mr.Tambourine

                                                                                                                                  

                                                                                                                           

invia le tue e-mail a : spettral@alice.it
il presente sito, amatoriale, non riveste alcun carattere commerciale, ma intende solo onorare l'artista cui è dedicato. I testi delle canzoni e le immagini che appaiono in questo sito sono coperti da copyright © ed appaiono a solo scopo illustrativo e di studio (diritto di citazione), appartenendo ogni titolo di proprietà e di utilizzo ai rispettivi autori ed editori. Gli aventi diritto potranno richiedere la rimozione delle pagine qualora si sentano lesi. Nella nostra personale convinzione che questo sito, come altri simili, non possa che costituire di riflesso un veicolo promozionale. Ove possibile verranno riportate le fonti.

send your e-mail to : spettral@alice.it
this amateur site has no commercial character, but will only honor the artist which is dedicated. The lyrics and images that appear on this site are copyrighted © and are for illustration purposes only and study (right to quote), and belong to each title and use to their respective authors and publishers. Rightholders can request removal of pages if they feel damages or injuried. Is our personal conviction that this site, as similar ones, can only be a reflection of a promotional vehicle. Where possible the sources will be listed.
This is an unofficial fan page, and is not affiliated with Bob Dylan

IL "GREENWICH VILLAGE" DI BOB DYLAN

a
Martedì 26 Settembre 2017

Talkin' 10229 - dinve56

Buongiorno Mr. Tambourine,
grazie fortissimamente per la traduzione delle liner notes di "bringing it all back home", che ho già trascritto, letto e riletto. Spero di rintracciare, sul sito, seguendo le tue indicazioni sempre preziose, le altre note a margine delle raccolte di canzoni; se sarò in difficoltà, ti chiederò ancora aiuto. Una sola, breve considerazione su queste liner notes: Dylan afferma in tempi lontani dall'assegnazione del Nobel che alcuni, non lui, affermano che egli sia un poeta. Sosterrà questa linea anche nel discorso di accettazione del Nobel. Tra gli "alcuni" che l'hanno definito poeta ricordiamo Fernanda Pivano, la prof. di inglese che si laureò, nel lontano 1972, con una tesi che sosteneva che quel cantautore americano allora trentenne era un poeta, uno dei tanti musicisti colleghi di Dylan, Mark Knopfler che disse - più o meno, sto citando a memoria - "capimmo fin dall'inizio che le canzoni di Dylan non erano solo musica, ma poesia". Dylan, insomma, non si definisce, ma sceglie di essere "colui che mi si crede". La non definizione della propria identità, anzi la vera polverizzazione della stessa in mille identità diverse è già presente in "Tarantula", nelle decine di nomi con cui l'Autore firma le brevi lettere che concludono i vari episodi del libro; la dichiarazione poetico musicale del non essere dell'identità individuale è in "Jokerman", canzone bellissima in cui la spersonalizzazione del protagonista arriva a confonderlo con la natura e le forze in essa presenti. Vado avanti nell'ascolto e, per ora, non mi sono mai annoiata. Grazi e lunga vita! Carla.

Ciao Carla, vedo che Dylan sta riempiendo le tue giornate e questo mi può solo far piacere. Come qualcuno ha detto: "prima c'erano le canzonette, poi è arrivato Dylan a dar loro un senso e farle diventare canzoni". Mi sento di condividere in pieno questa affermazione, la trasformazione che i testi di Dylan hanno portato nel mondo della musica è stata gigantesca, difficile da narrare correttamente. I Beatles hanno cambiato la società dal punto di vista materiale, Dylan invece ha saputo dare alla gente un senso morale con le sue parole. Se poi sia veramente poesia, letteratura o chissà cos'altro non ha una fondamentale importanza, in qualunque modo sia stata definita l'opera di Dylan è strata troppo importante ed influente per essere liquidata come "opera di un songwriter". Io, e moltissima gente come me, penso che Dylan sia oltre, oltre cosa non saprei definire bene, certamente, per dirla alla Star Trek, si è spinto nell'universo "alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno uomo è mai giunto prima". I risultati gli hanno dato ragione, Bob è andato oltre la musica, oltre i testi, oltre la letteratura ed oltre la poesia, le sue parole hanno condizionato, influenzato ed indirizzato il mondo verso un'idea di vita che non riusciva ancora a staccarsi dalle terribili banalità sociali della società ottocentesca. Allora il mondo era diviso, un pò come oggi, in superricchissimi e miserabili che nuotavano nel mare della povertà che è più grande dei famosi sette mari messi assieme, solo che ai tempi non si poteva dirlo apertamente, chi protestava era punito in modo diversi, chi si metteva contro il potere "finiva sul rogo" tanto per fare un'allegoria presa pari pari da una passata spaventosa realta. Dylan pare che abbia aperto gli occhi a tutti, poi è andato avanti per la sua strada seguendo il suo pensiero, incurante se noi avevamo capito o recepito, la comprensione e le conseguenti misure di correzione erano un problema nostro e non suo, lui aveva la sua vita e la sua mente da gestire, a noi toccava di fare la stessa cosa con la nostra. Molti ci sono riusciti e molti no, ma questo è nell'ordine delle cose, le persone intelligenti ci saranno sempre così come allo stesso tempo la mamma degli stupidi è sempre incinta. E' vero che la Pivano è stata la prima a dirci che era arrivata l'ora di smettere di ascoltare "Arriva il direttore", "Cirillino-Ci", "Aveva un bavero", "La colpa fu", "Papaveri e Papere", "Piripicchio e Piripicchia ", "Il pericolo numero uno", "Le trote blu", "Musetto (La più bella sei tu)", "Ci ciu cì (Cantava un usignol)", "La casetta in Canadà" (scusa se ho citato questi titoli ma è solo per far capire la differenza) di spendere del tempo per ascoltare il nuovo che avanzava sotto il nome di Bob Dylan. Ad intuire che Dylan era al di sopra di tutti sono stati i migliori artisti della sua generazione, McCartney, Lennon, Harrison, Ringo, Jagger, Van Morrison, Bruce Springsteen, Roger McGuinn, Simon, Cohen, e migliaia d'altri artisti che dopo Dylan han cambiato il loro stile per rimanere al passo con lui. Tutti cominciarono a capire l'importanza fondamentale del testo in una canzone, prima il testo serviva solo per accompagnare la melodia evitando di cantare solo "La la la la la....", Dylan stravolse tutto, facendo capire che il testo era più importante della musica. Per fare un esempio terra-terra, prova ad immaginare le canzoni di Battisti con i testi scritti da un altro paroliere al posto di Mogol, sarebbero rimaste le stesse (senza frasi come " Domandarsi perchè quando cade la tristezza in fondo al cuore, come la neve non fa rumore) canzoni che abbiamo ancora tutti in mente anche oggi? Credo proprio di no, Battisti scriveva delle bellissime canzoni ma senza i testi di Mogol non avrebbero lasciato una traccia indelebile come invece hanno fatto. Con Battisti e Mogol il mondo della musica italiana è cambiato, invece Bob ha fatto tutto da solo, però su scala mondiale. 

Visto che hai citato Jokerman ti consiglio di leggere questo saggio intitolato "Chi é Jokerman":

http://www.maggiesfarm.eu/comewriterssss/jokermanbis.htm

Probabilmente troverai delle curiosità che magari non conoscevi, il saggio è davvero molto interessante e consiglio la lettura o la rilettura anche ai nostri amici Farmers, che da buoni dylanfans sanno che c'è sempre qualcosa da aggiungere a quello che già si sa! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Lunedì 25 Settembre 2017

Talkin' 10228 - naxela56

Ciao Mr. Tambourine,
potrei sbagliare e a anzi ne approfitto per sapere da qualche Maggiesfarmer se il mio timore è fondato:
non è che ordinando "Trouble No More" ed. deluxe dall'America si rischi di non vedere il dvd per via dei codici regionali?
ti seguo sempre assiduamente.
saluti, Wolf

Ciao Alex, giro la tua domanda ai Farmers, ma personalmente non credo che questo possa avvenire perchè penso sia automatico che venendo l'ordine dall'Italia certamente ti manderanno il DVD con il codice regionale 2 che è quello per l'Europa. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10227 - calabriaminimum

Ciao Mr.T., c'è una postilla da aggiungere alla mia mail per la Farm (Talkin' 10224), eccola:
Ho visto che il documentario è presente anche in rete su raiplay.it
basta accedere registrandosi (gratuitamente) tramite twitter o facebook
Ecco il link:

http://www.raiplay.it/video/2017/07/FOO-FIGHTERS---SONIC-HIGHWAYS-cd35613a-0f51-4e42-af2b-cf30d1f9caf6.html

Per chi fosse interessato c'è tutta la serie di documentari.
Saluti! :o)

Grazie Dario, certamente molti Farmers trarranno piacere dalla tua informazione. Alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

"Wish I Know Now What I Knew Then"- Ringo Starr with Bob Dylan

  

https://www.youtube.com/watch?v=qR7CdSYzJOE

14 aprile 1987: Dylan ha partecipato ad una sessione di registrazione di Ringo Starr ai Three Alarm Studio di Memphis, Tennessee, nella canzone "Wish I Know Now What I Knew Then". A Ringo non è piaciuto il risultato ed ha citato in giudizio successo il produttore Chips Moman per non pubblicare il materiale. È stato riferito che Dylan ha testimoniato per conto di Starr.
La canzone è stata scritta da Bob Craig e Vince Gill, Bob suona l'armonica per Ringo in questa canzone per un album che non è mai stato pubblicato. Bob canta anche sui cori e anche un paio di righe della canzone.
Anche Dundas ed Heylin riferiscono che il 14 aprile 1987 Bob ha suonato l’armonica per Ringo Starr ai Three Alarm Studio di Chip Studio di Chips Moman a Memphis, TN. Comunque l'album non è mai apparso. Heylin riferisce che Ringo pensava che era troppo "sotto l'influenza delle bevande" al momento, e sentiva che anche Bob stava andando un po' in quella direzione.
Comunque, l'album "perso" di Ringo è apparso su un bootleg dell’etichetta Voxx col titolo di "Lost And Found". Il CD1 è il "Memphis 1987 LP" di Ringo ed Il CD2 consiste in alcune out-takes tratte da "Cloud Nine" di George Harrison.

Ringo ha ricambiato il favore a Dylan, questa volta in un concerto del Never-Ending Tour a Frejus, in Francia, durante la stagione estiva, quando Starr era tornato on stage con la sua All-Starr Band. Ringo è salito sul palco con Bob durante il concerto di Dylan del 13 giugno per suonare la batteria sugli ultimi due pezzi prima degli encore 'Highway 61 Revisited' e 'Like A Rolling Stone'.

13 Giugno 1989 Arènes de Frejus, Fréjus, France

setlist:

1. Hey La La (Hey La La) (Ernest Tubb cover)
2. Most Likely You Go Your Way and I'll Go Mine
3. You're a Big Girl Now
4. All Along the Watchtower
5. Just Like a Woman
6. I Don't Believe You (She Acts Like We Never Have Met)
7. The Lakes of Pontchartrain ([traditional] cover)
8. Gates of Eden
9. Knockin' on Heaven's Door
10. In the Garden
11. Highway 61 Revisited (Ringo Starr on drum)
12. Like a Rolling Stone (Ringo Starr on drum)

encore

13. Boots of Spanish Leather
14. Peace in the Valley (Thomas A. Dorsey cover)
15. Man Gave Names to All the Animals (First time live since 198
1)
16. Maggie's Farm

 

 
Sabato 23 Settembre 2017

Talkin' 10226 - lucaborrelli68

Oggetto: Alcune sregolate considerazioni

Passavo gli interi pomeriggi ad ascoltare Bob Dylan,soprattutto in quei primi anni,1984-86, i primi dischi quelli acustici, magari in compagnia di qualche joint, fantasticavo e godevo insieme al mio eroe.
Subito dopo comprai una Ibanez acustica, la mia prima chitarra Folk, e da li in poi, (studiare non se ne è mai parlato ) a provare e a riprovare i primi accordi, le tablature recuperate in qualche modo, i fingerpicking delle prime ballads, mamma mia com’era difficile fare Don’t think twice, da eseguire bene, cantarci sopra e suonarci pure l’armonica (che è in tecnica cross harp), facevo pure tutti i talking blues, Corrina Corrina, ma non ho mai imparato a fare bene Baby please don’t go, ma sapevo anche fare bene One too many mornings e Girl from the north country (che sono poi uguali, tipo Scarbourough fair) e quelle in accordatura aperta. Addirittura c’è stato un tempo quando ancora le sigarette non mi avevano rovinato la gola che riuscivo a tenere lo yodel di Freight train che alla fine fa yuuu uuu e di All i really want to do.
A 14 anni ascoltavo Bennato, Battiato e Alberto Camerini e e non so se ve li ricordate, i Tempi duri di Cristiano De Andrè, ecco quello è stato il mio primo orecchio musicale, in seguito sono arrivati tutti gli altri…DeGregori, DeAndre, Guccini, ecc, dopodiché lo ricordo ancora come fosse ieri, vidi una sera d’estate il film Pat Garrett (su RAI 3) e sentii per la prima volta quella voce..mmm.. ancora oggi se devo dire la cosa che mi prende e mi ha preso maggiormente, piu’ di tutte, dico la voce di quest’uomo, arrivo a dire ancora prima dei testi e di tutto quanto.
Era l’84 e in quell’estate manco a farlo apposta il mio eroe veniva in Italia per la prima volta, non andai a Verona ma a San Siro si, con altri due fedelissimi, entrammo senza pagare alle 6.30 di mattina e restammo dentro allo stadio fino alla fine del concerto, con un caldo pazzesco vedendo il sound check di un certo Pino Daniele (GRANDE ANIMA) in zucculet bianchi, lo ricordo come se fosse ieri. Poi entro’ Dylan con uno spolverino nero e da li in poi non ho piu’ ricordi, solo con Santana alla fine che insieme duettavano sulle note di Blowing in the wind. Era la tournee di Infidels.
In tutti questi anni, da quell’84 ho visto Dylan tutte le volte che è venuto in Italia, in certe occasioni anche due volte per tournee. Ricordo Genova ’92 credo alle commemorazioni di Colombo con Fortis come opener e Villafranca ’96 con Bubola anche lui come opener, tutti e due bravissimi.
Che dire, per me Dylan resta ancora il numero 1, io sono partito da li e grazie a lui ho fatto un percorso musicale bello e ricco, dal blues al folk al country al bluegrass, ma sono sempre tornato li. Il fatto è semplice: Dylan non mi stanca, mi è sempre capitato di ascoltarlo molto, in macchina in particolar modo, dato il mio lavoro, eppure e cosi’, ascolto Van Morrison che forse tra tutti è quello che mi stanca meno, ma dopo un po’ devo cambiare, con Dylan non è necessario, in questo periodo per esempio sto ascoltando tutto il periodo evangelico sia in studio che live, e devo dire che quello era un grandissimo Dylan. La gente puo’ non capire, oggi lo capisco, perché Dylan non è facile da digerire, tutti si sono sempre fermati/spaventati dalla voce e dal modo in cui si pone. Superfluo dire che sono tutti gli aspetti che me l’hanno sempre fatto amare. Comunque ultime due parole per il Nobel (secondo me Dylan potrebbe aver letto Osho quando attacca in maniera durissima Madre Teresa e certa sua ipocrisia in tutta quella faccenda del suo premio Nobel): per me è stata una scelta precisa ANTISISTEMA.
E per i i dischi sinatriani: a me non piacciono, Dylan non ha quella voce, non puo’ cantare in quel modo, ancora ancora sulle ballads e li la voce rende tutto sommato benino ma in generale non è affar suo e speriamo che molli il colpo con sta storia perché ha rotto. Non capisco chi ha paura di criticare sua maestà, se un disco fa schifo si ha tutto il diritto di dirlo per rispetto del denaro e dell’artista. Dylan stesso in un’intervista nella tournee folle del 65-66 lo disse a una fan che se non ti piace una cosa devi dirlo con tutta la tua forza e non aver paura. E poi magari come dice spesso Mr.Tambourine lui legge internet e cambia scalette e dischi. Mah speriamo.

GRAZIE MR.TAMBOURINE per l’immane lavoro che fai, forse non tutti si rendono conto di cosa significhi tutti i giorni aggiornare la pagina del sito, e quindi onore a te.
Un caro saluto a tutti e ..… niente .... queste parole che mi sono uscite di getto cosi senza grande ordine e senza precisione (letteraria intendo), le dedico a te e a tutti i fans del nostro.
Che Dio vi benedica.

LUCA 68

Caro Luca, grazie per aver espreso il tuo pensiero e per le belle parole nei miei confronti e del mio lavoro per il sito. Credo sia giusto per un vero fan come sei tu avere il diritto ed il dovere di dire quello che ti piace ed allo stesso modo quello che non ti piace. Anch'io ho più volte detto che i dischi sinatriani non hanno niente a che vedere con il lavoro e l'opera di Dyulan, non mi piacciono, li trovo noiosi e senza senso. Un artista come Bob dovrebbe stare lontano da queste operazioni, come possiamo definirle, commerciali? Revival? Memories of the past? Sinceramente non saprei come inquadrarli nell'opera dylaniana, personalmente preferisco ignorali e pensare che Dylan abbia inciso questi 5 dischi per motivi che noi non sappiamo immaginare. Non trovo altra spiegazione logica, ma devo precisare, non mi ha dato fastidio che Bob abbia inciso questi dischi, avrà avuto i suoi buoni motivi per farlo, ma la cosa non mi disturba. Il mio rispetto per la grandezza artistica di Bob è rimasto immutato anche se nella sua lunga carriera ha avuto momenti bassissimi, anche prima di incidere insulsaggini come "Christmas in the heart" e questo filotto di mainstream songs in maggioranza portate al successo da Sinatra. Certamente Frank sarà piaciouto moltissimo a Bob ed avrà pensato di renderegli omaggio nell'unico modo col quale si sentiva capace di fare, incidere dischi come tributo al grande artista ed amico. Anche Frank aveva moltissima stima di Bob e ricordo a tutti che alla festa del suo 80° compleanno (1995) nella quale molti artisti famosi eseguivano sue canzoni, lui chiese a Dylan di cantare una canzone tratta dal proprio repertorio e Bob scelse di cantare la bellissima ballata "Restless Farewell", e fu l'unico ad avere tale onore.

  

https://www.youtube.com/watch?v=F44DBpIyAh0

RESTLESS FAREWELL
words and music by Bob Dylan

da "The Times They Are A-Changin'"

INQUIETO ADDIO
parole e musica Bob Dylan

Tutto il denaro che nella mia intera vita ho speso,
mio a ragione o a torto,
l'ho lasciato scivolare nelle mani dei miei amici
per costringere il tempo a fermarsi
Ma le bottiglie sono vuote
ce le siamo scolate tutte
e le tavole sono piene e traboccanti.
Ed il cartello all'angolo
Dice che è tempo di chiudere,
così dirò addio e sarò sulla strada.

Ogni ragazza ch'io ho abbia mai toccato,
non l'ho fatto per ferirla.
Ed ogni ragazza ch'io abbia mai ferito,
non l'ho fatto consapevolmente.
Ma per rimanere amici e fare ammenda
C'è bisogno di tempo e di rimanere indietro.
E siccome i miei piedi sono adesso veloci
E puntano lontano dal passato,
dirò addio e me ne andrò per la mia strada.

Ogni nemico ch'io abbia mai affrontato,
la causa era lì prima del nostro arrivo.
Ed ogni causa per la quale io abbia mai combattuto,
l'ho sempre fatto senza pentimento o vergogna.
Ma l'oscurità morirà
Non appena il sipario sarà tirato e gli occhi di qualcuno
Dovranno incontrare l'alba
E se io vedrò il giorno
Non potrò che restare,
così dirò addio nella notte e me ne andrò.

Ogni pensiero che si annoda nella mia mente,
avrei potuto diventare pazzo se non avessi potuto scioglierlo.
Ma non è per restare nudo sotto occhi sconosciuti,
è per me e per i miei amici che le mie storie sono cantate.
Ma il tempo non è molto,
e tuttavia è dal tempo che dipendiamo, e nessuna parola è posseduta
da un amico speciale.
Ed anche se il verso è tronco,
non è ancora proprio la fine,
dirò solo addio finche non ci rincontreremo.

Un falso orologio prova a fermare il mio tempo
A rovinarmi, distrarmi, seccarmi.
Ed il fango del pettegolezzo mi soffia in faccia,
e la polvere delle chiacchiere mi ricopre.
Ma se la freccia è diritta,
e la punta è affilata,
può penetrare nella polvere non importa quanto spessa.
Così dirò anch'io la mia
E rimarrò come sono
E dirò addio e non me ne importerà niente.

RESTLESS FAREWELL
words and music by Bob Dylan

Oh all the money that in my whole life I did spend,
Be it mine right or wrongfully,
I let it slip gladly past the hands of my friends
To tie up the time most forcefully.
But the bottles are done,
We've killed each one
And the table's full and overflowed.
And the corner sign
Says it's closing time,
So I'll bid farewell and be down the road.

Oh ev'ry girl that ever l've touched,
I did not do it harmfully.
And ev'ry girl that ever I've hurt,
I did not do it knowin'ly.
But to remain as friends and make amends
You need the time and stay behind.
And since my feet are now fast
And point away from the past,
I'll bid farewell and be down the line.

Oh ev'ry foe that ever I faced,
The cause was there before we came.
And ev'ry cause that ever I fought,
I fought it full without regret or shame.
But the dark does die
As the curtain is drawn and somebody's eyes
Must meet the dawn.
And if I see the day
I'd only have to stay,
So I'll bid farewell in the night and be gone.

Oh, ev'ry thought that's strung a knot in my mind,
I might go insane if it couldn't be sprung.
But it's not to stand naked under unknowin' eyes,
It's for myself and my friends my stories are sung.
But the time ain't tall,
Yet on time you depend and no word is possessed
By no special friend.
And though the line is cut,
It ain't quite the end,
I'll just bid farewell till we meet again.

Oh a false clock tries to tick out my time
To disgrace, distract, and bother me.
And the dirt of gossip blows into my face,
And the dust of rumors covers me.
But if the arrow is straight
And the point is slick,
It can pierce through dust no matter how thick.
So I'll make my stand
And remain as I am
And bid farewell and not give a damn.

Copyright © 1964; renewed 1992 Special Rider Music

Che Dylan abbia voluto a suo modo omaggiare il ricordo di Sinatra è cosa nobile ed onorevole, anche se a me ed a qualcun altro quei dischi non piacciono. Bisogna certamente mettere in un angolo il Dylan guastatore e sabotatore di melodie, quello che siamo abituati a conoscere, quello che strapazza le sue canzoni fino a renderle quasi irriconoscibili, con Sinatra invece si è impegnato a fondo, canta e rispetta le melodie originali senza strapazzarle, sembra amarle, le ripropone con la sua roca, ghiaiosa, fangosa e malmessa voce da artista over 70.
«Sono canzoni che amo» ha raccontato Dylan nell’unica intervista concessa alla rivista americana A-ARP, dedicata prevalentemente ai pensionati (ma con 35 milioni di lettori, da qui nasce il sospetto dell'operazione commerciale ben pensata ed orchestrata), «Non potrei mancare di rispetto. Rovinarle sarebbe un sacrilegio. Tutti noi le abbiamo sentite rovinate, e ci siamo abituati. In un certo senso ho voluto riparare il torto che hanno subito riportandole alla memoria, dando loro nuova vita».

Detto questo penso che Bob abbia chiuso il suo ciclo sinatriano e che in futuro passerà ad altre cose, che potremo apprezzare o meno, ma non dimentichiamo mai che Bob ha 76 anni ed una vita ricchissima di straordinari avvenimenti alle spalle, fatti per i quali potrebbe sentire una nostalgia molto forte. Giusto che faccia ciò che sente di fare, non saremo noi a denigrarlo, noi continueremo a rispettarlo aspettando da lui cose più affini alla nostra esperienza che alla sua. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

___________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10225 - n_emo

Oggetto: Trouble no more

Ho fatto una simulazione di acquisto di "Trouble no more" dal sito ufficiale e in Italia lo inviano.

Grazie n_emo, mi sembrava strano, forse l'amico Gianluca coo coo bird ha sbagliato qualcosa nella procedura d'ordine del box. Riprova Gianluca, stavolta di certo riuscirai! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

___________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10224 - calabriaminimum

Ciao Mr T.
oggi ho due segnalazioni.
La prima è la traccia audio di Bob Dylan - When You Gonna Wake Up (Oslo, Norway - July 9, 1981) tratta da Trouble no more per la 13esima uscita delle Bootleg series:

https://www.youtube.com/watch?v=oerPhBas2ko

La seconda è un documentario dal titolo "Foo Fighters: Sonic Highways".
Sonic Highways è una serie di documentari diretta e ideata da Dave Grohl, frontman del gruppo musicale alternative rock Foo Fighters. Ogni episodio si svolge in una città diversa, descrivendone la scena musicale e mostrando interviste con le personalità che ne hanno fatto parte. Nell'episodio dedicato a New York, quello cioè sull'evoluzione della musica nella Grande Mela c'è un bel po' di spazio sia su Bob Dylan che su Woody Guthrie, con diversi interventi della figlia di Guthrie, Nora.
Lo stanno trasmettendo in chiaro su Rai 5 in seconda e terza serata anche in replica.
Saluti da Dario Twist! :o)

Grazie per la preziosa segnalazione caro Twist Of Fate, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Venerdì 22 Settembre 2017

Talkin' 10223 - gianlucacarlini

Cari amici della Farm,
chi mi sa aiutare?
Con l'uscita di "Trouble no more" ho subito provato a pre-ordinare la versione deluxe dal sito ufficiale bobdylan.com per ricevere anche i 2 cd omaggio con il live 1979 a San Diego.
Infatti il sito dice che questi 2 cd live si possono avere soltanto da loro e solo fino ad esaurimento scorte... politica già utilizzata in passato da bobdylan.com per alcuni gadgets in omaggio acquistando direttamente da loro... ma, ahimè, questa volta, andando avanti nelle procedure di pre-ordine il sito mi dice che non è possibile spedire alla mia destinazione! Non spediscono più in italia? (temo che sia così).
Qualcuno ha notizie o idee per aiutarmi a non perdere i 2 cd live 19979 a San Diego?
Grazie! A presto, Gianluca coo coo bird.

Ciao Gianluca, senbra strano che non spediscano in Italia, ma non ho potuto verificare. Giro la tua domanda ai nostri Farmers per trovare una soluzione a questo problema. Io te ne suggerisco una, se hai qualche amico che abita in USA fallo ordinare da loro e poi, quando avranno ricevuto il cofanetto te lo fai mandare a casa tua. Spero che qualcuno possa suggerirti qualcosa meglio di me. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

___________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10222 - dinve56

Oggetto: La faccia del carnefice è sempre nascosta

Buongiorno mr. Tambourine,
grazie del chiarimento. La canzone da cui è tratta la frase è una di quelle che mi riprometto di trascrivere, ovviamente tradotta, essendo tra i testi ritenuti "profetici" del nostro Bob. Non so chi sia Dylan, in fondo, e forse tutte le definizioni che tu hai dato sono vere. Ascoltando "Highwai 61 Revisited", "Bringing it all back home", "Another side of Bob Dylan" e "John Wesley Harding", ho scoperto che, nel cofanetto, accanto al CD della Columbia, vi sono degli opuscoletti, contenenti note e passi poetici scritti da Dylan. Non so se siano stati tradotti e, se no, meriterebbe farlo. A me sembra di capire che, forse, si tratta di pause parlate da Bob durante le registrazioni e, sempre forse, successivamente trascritte a latere delle registrazioni musicali. L'ultima frase di queste note che accompagnano "Bringing It All Back Home" è : "some people say that /I am a poet". Chi ne sa qualcosa di più? Più ascolto e più apprezzo. Più frequento il sito e più comprendo ed apprezzo il senso della libertà di ricercare e capire. Lunga vita! Carla.

 

La frase completa è : "a poem is a naked person . . . some people say that I am a poet" - Liner notes di Bringing It All Back Home che ti ho trascritto sotto:

Bringing It All Back Home
liner notes by Bob Dylan

Son lì a guardare la parata /
sto avvertendo una combinazione di indolenti john estes.
jayne mansfield. humphrey bogart / morti-
mer snurd. murph the surf e così via /
un autostoppista erotico con addosso un lenzuolo
giapponese. attira la mia attenzione chiedendomi
se non m’aveva visto a questa hootenanny giù
a puerto vallarta, messico / io dico no
ti sbagli. ero uno dei
Supremi / allora si strappa via il lenzuolo
e d’un tratto diventa un farmacista di mezza età.
in corsa per la carica di procuratore distrettuale. inizia a gridar-
mi sei tu. sei tu quello
che provocava tutte quelle sommosse laggiù in
vietnam. subito si gira verso un gruppo di
persone e dice che se sarà eletto mi giustizierà
pubblicamente sulla sedia elettrica il quattro
luglio seguente. do un’occhiata in giro e tutte le persone
cui sta parlando hanno in mano dei cannelli /
inutile dirlo, me la filo e torno svelto nella
dolce e tranquilla campagna. sto scrivendo
COOOSA? sul mio muro preferito quando chi
passa di lì a bordo di un jet se non il mio tecnico
di registrazione “sono venuto a prender te e le tue
ultime opere. ti serve aiuto per qualcosa?”
(pausa)
le mie canzoni le scrivo con il timpano
in mente / un tocco d’un qualche colore ansioso.
innominabile. ovvio. e forse alla gente
piace un cantante brasiliano dolce... l’ho
piantata col voler cercare a tutti i costi la perfezione /
il fatto che la casa bianca sia piena di
dirigenti che non sono mai stati all’ apollo
theatre mi sconvolge. il perchè allen ginsberg non sia
stato scelto per leggere poesie all’inaugurazione
fa sussultare la mia mente / se qualcuno pensa che norman
mailer sia più importante di hank williams,
sta bene. non ho argomenti e
non bevo mai latte. preferirei modellare im-
pugnature per armonica piuttosto che discutere di antropologia azteca /
letteratura inglese. o storia delle nazioni
unite. io accetto il caos. non sono sicuro che
lui accetti me. so che ci sono persone terrorizzate
dalla bomba. ma ci sono altre persone terrorizzate
dall’idea di essere viste in possesso di una rivista di cinema moderno.
l’esperienza insegna che il silenzio terrorizza la gente
più d’ogni altra cosa... sono convinto che tutte le anime abbiano
qualcuno di superiore con cui avere a che fare / come il
sistema scolastico, un circolo invisibile a cui nessuno
è in grado di pensare senza consultare qualcuno / di
fronte a questo, responsabilità / sicurezza. il successo
non significa proprio nulla... io non vorrei
essere bach. mozart. tolstoy. joe hill. gertrude
stein o james dean / sono tutti morti. i
Grandi libri sono stati scritti. i Grandi verbi
sono stati tutti pronunciati / sto per farVi
uno schizzo di quello che succede qui attorno tal-
volta. anche se io stesso non capisco bene
quello che stia succedendo veramente. so
per certo che tutti moriremo un giorno o l’altro e che nessuna
morte ha mai fermato il mondo. le mie poesie
sono scritte in un atto di distorsione non poetica /
divise da orecchie perforate. false ciglia / sot-
tratte da gente che si tortura continuamente
a vicenda. con una linea melodica di vuotezza
descrittiva che fa le fusa – vista a volte attraverso occhiali da sole scuri
ed altre forme di esplosione psichica. una canzone è
qualcosa che può camminare da sola / sono
uno scrittore di canzoni. una poesia è una persona nuda... alcuni
dicono che sono un poeta
(fine della pausa)
allora rispondo al mio tecnico di registrazione
“sì. beh potresti darmi una mano a mettere
questo muro sull’aereo”

(Bob Dylan)


Liner notes:

Produced by Tom Wilson
Photography by Daniel Kramer

i'm standing there watching the parade/
feeling combination of sleepy john estes.
jayne mansfield. humphry bogart/morti-
mer snerd. murph the surf and so forth/
erotic hitchhiker wearing japanese
blanket. gets my attention by asking didn't
he see me at this hootenanny down in
puerto vallarta, mexico/i say no you must
be mistaken. i happen to be one of the
Supremes/then he rips off his blanket
an' suddenly becomes a middle-aged druggist.
up for district attorney. he starts scream-
ing at me you're the one. you're the one
that's been causing all them riots over in
vietnam. immediately turns t' a bunch of
people an' says if elected, he'll have me
electrocuted publicly on the next fourth
of july. i look around an' all these people
he's talking to are carrying blowtorches/
needless t' say, i split fast go back t' the
nice quiet country. am standing there writing
WHAAT? on my favorite wall when who should
pass by in a jet plane but my recording
engineer "i'm here t' pick up you and your
lastest works of art. do you need any help
with anything?''

(pause)

my songs're written with the kettledrum
in mind/a touch of any anxious color. un-
mentionable. obvious. an' people perhaps
like a soft brazilian singer . . . i have
given up at making any attempt at perfection/
the fact that the white house is filled with
leaders that've never been t' the appollo
theather amazes me. why allen ginsberg was
not chosen t' read poetry at the inauguration
boggles my mind/if someone thinks norman
mailer is more important than hank williams
that's fine. i have no arguments an' i
never drink milk. i would rather model har-
monica holders than discuss aztec anthropology/
english literature. or history of the united
nations. i accept chaos. I am not sure whether
it accepts me. i know there're some people terrified
of the bomb. but there are other people terrified
t' be seen carrying a modern screen magazine.
experience teaches that silence terrifies people
the most . . . i am convinced that all souls have
some superior t' deal with/like the school
system, an invisible circle of which no one
can think without consulting someone/in the
face of this, responsibility/security, success
mean absolutely nothing. . . i would not want
t' be bach. mozart. tolstoy. joe hill. gertrude
stein or james dean/they are all dead. the
Great books've been written. the Great sayings
have all been said/I am about t' sketch You
a picture of what goes on around here some-
times. though I don't understand too well
myself what's really happening. i do know
that we're all gonna die someday an' that no
death has ever stopped the world. my poems
are written in a rhythm of unpoetic distortion/
divided by pierced ears. false eyelashes/sub-
tracted by people constantly torturing each
other. with a melodic purring line of descriptive
hollowness -- seen at times through dark sunglasses
an' other forms of psychic explosion. a song is
anything that can walk by itself/i am called
a songwriter. a poem is a naked person . . . some
people say that i am a poet

(end of pause)

an' so i answer my recording engineer
"yes. well i could use some help in getting
this wall in the plane"

-- By Bob Dylan

 

Per quanto riguarda le altre Liner Notes di altri album una buona parte è già presente nel sito in questa pagina:

http://www.maggiesfarm.eu/testietraduzioni22015.htm

Fai scorrere la pagina fino dopo le traduzioni dei testi e dopo troverai: poesie, liner notes, i discordi di Bob durante i concerti , scritti vari. Le liner notes sono presenti nella maggior parte, sto preparando le pagine che ancora non sono elencate e conto di metterle online a breve. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Giovedì 21 Settembre 2017

Talkin' 10221 - calabriaminimum

Ciao Mr T.
ti segnalo questa nuova uscita:
"Trouble-no-more - the bootleg series vol. 13 -1979-1981" in uscita il 3 Novembre
Un abbraccione! :o)

Talkin' 10220 - mario_rizzo

"Trouble No More - The Bootleg Series Vol. 13 / 1979-1981" showcases one of the richest periods of Bob Dylan’s career. Available November 3.
Ciao.

Un grande grazie a Dario "twist of fate" ed a Mario Rizzo per la tempestiva segnalazione con la quale vi siete guadagnati il diritto di dare la notizia ai nostri Farmers. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

"TROUBLE NO MORE - THE BOOTLEG SERIES VOL. 13 / 1979-1981"

Disponibile dal 3 Novembre

DELUXE EDITION: 8 CD + 1 DVD

Disc 1: Live
1. Slow Train (Nov. 16, 1979)
2. Gotta Serve Somebody (Nov. 15, 1979)
3. I Believe in You (May 16, 1980)
4. When You Gonna Wake Up? (July 9, 1981)
5. When He Returns (Dec. 5, 1979)
6. Man Gave Names to All the Animals (Jan. 16, 1980)
7. Precious Angel (Nov. 16, 1979)
8. Covenant Woman (Nov. 20, 1979)
9. Gonna Change My Way of Thinking (Jan. 31, 1980)
10. Do Right to Me Baby (Do Unto Others) (Jan. 28, 1980)
11. Solid Rock (Nov. 27, 1979)
12. What Can I Do for You? (Nov. 27, 1979)
13. Saved (Jan. 12, 1980)
14. In the Garden (Jan. 27, 1980)

Disc 2: Live
1. Slow Train (June 29, 1981)
2. Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Unreleased song – Apr. 24, 1980)
3. Gotta Serve Somebody (July 15, 1981)
4. Ain’t No Man Righteous, No Not One (Unreleased song – Nov. 16, 1979)
5. Saving Grace (Nov. 6, 1979)
6. Blessed Is the Name (Unreleased song – Nov. 20, 1979)
7. Solid Rock (Oct. 23, 1981)
8. Are You Ready? (Apr. 30, 1980)
9. Pressing On (Nov. 6, 1979)
10. Shot of Love (July 25, 1981)
11. Dead Man, Dead Man (June 21, 1981)
12. Watered-Down Love (June 12, 1981)
13. In the Summertime (Oct. 21, 1981)
14. The Groom’s Still Waiting at the Altar (Nov. 13, 1980)
15. Caribbean Wind (Nov. 12, 1980)
16. Every Grain of Sand (Nov. 21, 1981)

Disc 3: Rare and Unreleased
1. Slow Train (Soundcheck – Oct. 5, 1978)
2. Do Right to Me Baby (Do Unto Others) (Soundcheck – Dec. 7, 1978)
3. Help Me Understand (Unreleased song – Oct. 5, 1978)
4. Gonna Change My Way of Thinking (Rehearsal – Oct. 2, 1979)
5. Gotta Serve Somebody (Outtake – May 4, 1979)
6. When He Returns (Outtake – May 4, 1979)
7. Ain’t No Man Righteous, No Not One (Unreleased song – May 1, 1979)
8. Trouble in Mind (Outtake – April 30, 1979)
9. Ye Shall Be Changed (Outtake – May 2, 1979)
10. Covenant Woman (Outtake –February 11, 1980)
11. Stand by Faith (Unreleased song – Sept. 26, 1979)
12. I Will Love Him (Unreleased song – Apr. 19, 1980)
13. Jesus Is the One (Unreleased song – Jul. 17, 1981)
14. City of Gold (Unreleased song – Nov. 22, 1980)
15. Thief on the Cross (Unreleased song – Nov. 10, 1981)
16. Pressing On (Outtake – Feb. 13, 1980)

Disc 4: Rare and Unreleased
1. Slow Train (Rehearsal – Oct. 2, 1979)
2. Gotta Serve Somebody (Rehearsal – Oct. 9, 1979)
3. Making a Liar Out of Me (Unreleased song – Sept. 26, 1980)
4. Yonder Comes Sin (Unreleased song – Oct. 1, 1980)
5. Radio Spot January 1980, Portland, OR show
6. Cover Down, Pray Through (Unreleased song – May 1, 1980)
7. Rise Again (Unreleased song – Oct. 16, 1980)
8. Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Unreleased song – Dec. 2, 1980)
9. The Groom’s Still Waiting at the Altar (Outtake – May 1, 1981)
10. Caribbean Wind (Rehearsal – Sept. 23, 1980)
11. You Changed My Life (Outtake – April 23, 1981)
12. Shot of Love (Outtake – March 25, 1981)
13. Watered-Down Love (Outtake – May 15, 1981)
14. Dead Man, Dead Man (Outtake – April 24, 1981)
15. Every Grain of Sand (Rehearsal – Sept. 26, 1980)

Disc 5 – Live in Toronto 1980
1. Gotta Serve Somebody (April 18, 1980)
2. I Believe In You (April 18, 1980)
3. Covenant Woman (April 19, 1980)
4. When You Gonna Wake Up? (April 18, 1980)
5. When He Returns (April 20, 1980)
6. Ain’t Gonna Go To Hell For Anybody (Unreleased song – April 18, 1980)
7. Cover Down, Pray Through (Unreleased song – April 19, 1980)
8. Man Gave Names To All The Animals (April 19, 1980)
9. Precious Angel (April 19, 1980)

Disc 6 – Live in Toronto 1980
1. Slow Train (April 18, 1980)
2. Do Right To Me Baby (Do Unto Others) (April 20, 1980)
3. Solid Rock (April 20, 1980)
4. Saving Grace (April 18, 1980)
5. What Can I Do For You? (April 19, 1980)
6. In The Garden (April 20, 1980)
7. Band Introductions (April 19, 1980)
8. Are You Ready? (April 19, 1980)
9. Pressing On (April 18, 1980)

Disc 7 – Live in Earl’s Court, London – June 27, 1981
1. Gotta Serve Somebody
2. I Believe In You
3. Like A Rolling Stone
4. Man Gave Names To All The Animals
5. Maggie’s Farm
6. I Don’t Believe You
7. Dead Man, Dead Man
8. Girl From The North Country
9. Ballad Of A Thin Man

Disc 8 – Live in Earl’s Court – London – June 27, 1981
1. Slow Train
2. Let’s Begin
3. Lenny Bruce
4. Mr. Tambourine Man
5. Solid Rock
6. Just Like A Woman
7. Watered-Down Love
8. Forever Young
9. When You Gonna Wake Up
10. In The Garden
11. Band Introductions
12. Blowin’ In The Wind
13. It’s All Over Now, Baby Blue
14. Knockin’ On Heaven’s Door

Disc 9: Bonus DVD
Trouble No More – A Musical Film

DVD EXTRAS:
Shot of Love
Cover Down, Pray Through
Jesus Met the Woman at the Well (Alternate version)
Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Complete version)
Precious Angel (Complete version)
Slow Train (Complete version)

Set 4 LP oppure 2 CD

Disc 1: Live
1. Slow Train (Nov. 16, 1979)
2. Gotta Serve Somebody (Nov. 15, 1979)
3. I Believe in You (May 16, 1980)
4. When You Gonna Wake Up? (July 9, 1981)
5. When He Returns (Dec. 5, 1979)
6. Man Gave Names to All the Animals (Jan. 16, 1980)
7. Precious Angel (Nov. 16, 1979)
8. Covenant Woman (Nov. 20, 1979)
9. Gonna Change My Way of Thinking (Jan. 31, 1980)
10. Do Right to Me Baby (Do Unto Others) (Jan. 28, 1980)
11. Solid Rock (Nov. 27, 1979)
12. What Can I Do for You? (Nov. 27, 1979)
13. Saved (Jan. 12, 1980)
14. In the Garden (Jan. 27, 1980)

Disc 2: Live
1. Slow Train (June 29, 1981)
2. Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Unreleased song – Apr. 24, 1980)
3. Gotta Serve Somebody (July 15, 1981)
4. Ain’t No Man Righteous, No Not One (Unreleased song – Nov. 16, 1979)
5. Saving Grace (Nov. 6, 1979)
6. Blessed Is the Name (Unreleased song – Nov. 20, 1979)
7. Solid Rock (Oct. 23, 1981)
8. Are You Ready? (Apr. 30, 1980)
9. Pressing On (Nov. 6, 1979)
10. Shot of Love (July 25, 1981)
11. Dead Man, Dead Man (June 21, 1981)
12. Watered-Down Love (June 12, 1981)
13. In the Summertime (Oct. 21, 1981)
14. The Groom’s Still Waiting at the Altar (Nov. 13, 1980)
15. Caribbean Wind (Nov. 12, 1980)
16. Every Grain of Sand (Nov. 21, 1981)

 

 
Mercoledì 20 Settembre 2017

Talkin' 10219 - calabriaminimum

Caro Mr Tambourine,
approfitto di questa missiva per salutare tutti gli amici della Fattoria, e in special modo te e Sir Eglamore, il quale mi cita in una sua invettiva sul sito da te curato. Io più che se-dicente poeta, mi sono sempre definito baccelliere di periferie silenziose. Non ho mai aspirato a diventare un punto di riferimento, nemmeno per questo Sito. Di sicuro sono stato blogger, questo è vero. Di sicuro sono stato molto presente sulle pagine di Maggie's Farm, e anche questo non posso negarlo. Già però come esegeta o appassionato di Dylan, sono risultato più volte poco ortodosso, non convenzionale, o se preferite: strano. Però questo è uno strano mondo. Un mondo che premia addirittura un personaggio come Dylan con il Nobel. Fate attenzione, dunque, agli stravaganti. Non lo è Dylan stesso? Non lo siamo un po' tutti? E i poeti, quelli veri, suvvia, non scherziamo!
Vostro umile blogger affezionatissimo,
Dario "scherzo del destino" Greco

Ciao Dario, felice di leggerti di nuovo. D'accordissimo con te che questo mondo è veramente strano, anche noi, ognuno a modo suo siamo, non dico degli stravaganti al 100%, ma delle case uniche delle quali non c'è replica nell'intero universo, questo coi nostri pregi e coi nostri difetti. Quando si legge Dylan si aggrotta sempre la fronte, naturalmente per motivi diversissimi, ma nessuno può fare a meno di farsi delle domande. E' un genio? E' un poeta? E' un  letterato? E' un furbo? E' un visionario? E' un drogato? E' uno sbandato? E' questo....E' quello.......ma forse.....però.........bha! Certo il Nobel ha generato, oltre ai numerosissimi elogi, reazioni,  contestazioni, disapprovazioni e critiche soprattrutto da parte di coloro che un Nobel non lo vinceranno mai, ma tant'è, l'invidia del successo e dell'intelligenza altrui è una cosa che cova continuamente sotto la cenere del nostro cervello, pronta a riprendere fuoco in qualsiasi momento. Io personalmente, da appassionato dylaniano che molto ha letto e riflettuto sui testi di Bob, penso che il Nobel l'abbia meritato tutto, anzi, a mio avviso avrebbero dovuto premiarlo anni fa e non aspettare tutto questo tempo. Allo stesso modo però non sono certo che il mio giudizio sull'avvenimento sia quello giusto, la mia modesta cultura non mi permette di andare a scovare nella mia mente elucubrazioni che possano darmi ragione. Certo invece è il fatto che se il mondo accademico ha deciso che Dylan meritasse di essere onorato con il Nobel avrò avuto certamente le sue buone ragioni, anche se arrivato in ritardo e quasi fuori tempo massimo. Nel corso degli anni, dalla sua fondazione ad oggi, il Premio Nobel è stato assegnato, in diversi campi, a persone che hanno suscitato polemiche e contestazioni, quindi non vedo perchè la nomina di Dylan avrebbe dovuto far eccezione. Una cosa è certa, Il Premio Nobel 2016 per la letteratura è stato assegnato a Bob Dylan, punto e basta! Tu hai un pregio caro Dario, scrivi quello che ti sembra giusto o sbagliato con il tuo personale metro di giudizio, fregandotene giustamente se qualcuno non la pensa come te. Però è vera la tua supposizione che siamo tutti un pò stravaganti ed io dico meno male, pensa che noia se al mondo fossimo tutti uguali nell'agire e nel pensare, non sarebbe certamente dolce il naufragar in quel mare ! Live long and propser, Mr.Tambourine, :o)    

__________________________________________________________________________________________________________________

Film: "Don't look back", domani sera alle 22,15 su Rai5                         clicca qui

 

 
Martedì 19 Settembre 2017

Talkin' 10218 - dinve56

Buongiorno mr. Tambourine,
va benissimo non prendere nessuno troppo sul serio... nemmeno se stessi, ma qui è il bello del sito! Un po' sul serio e un po' no, si impara comunque molto. Se traduci e interpreti la frase che chiude il tuo ultimo intervento, ti sono grata. Lunga vita! Carla.

Cara Carla, la frase era "the executioner's face is always well hidden" che tradotta vuol dire "la faccia del carnefice è sempre ben nascosta", tratta da "A Hard Rain A-Gonna Fall" : http://www.maggiesfarm.eu/testiA+numeri/ahardrainsagonnafall.html . La frase era riferita a Sir Eglamore che si manifesta sempre sotto celate spoglie, come se non volesse farci sapere la sua vera identità. In realtà credo che a nessuno di noi importi sapere chi sia in realtà Sir Eglamore, l'importante è che continui a deliziarci e stuzzicarci con le sue ironiche mail alle quali è sempre stimolante rispondere. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_________________________________________________________________________________________________________________
 

Tutta la storia e i segreti di "The Freewhelin’ Bob Dylan"                     clicca qui

 

 
Lunedì 18 Settembre 2017

Talkin' 10217 - dinve56

Buongiorno Mr. Tambourine,
il dibattito sul sito è sempre vivace e interessante; tu sei, come sempre, il giusto punto di equilibrio. Superfluo ribadire che nessun essere umano è onnisciente; giusto ricordare che su Dylan è stato scritto moltissimo e che, anche tra i Farmers, qualcuno conosce di più e qualcuno di meno; altrettanto doveroso ricordare che il sito consente a tutti di arricchire le proprie conoscenze su Bob Dylan e di esprimere le proprie opinioni, più o meno fantasiose, più o meno condivisibili. Spero che il sedicente laureando dica la verità... se no, ha avviato il dibattito sull'immaginario americano rintracciabile nelle canzoni di Bob.
Ho solo tentato, nel mio passato intervento, di individuare alcune immagini che, per me, vanno intese come simboli. Non so se la canzone dedicata a George Jackson sia tra le più insignificanti, può anche darsi; a me sembra che l'ultima strofa contenga un'immagine molto forte, che va intesa come simbolo di angoscia e paura dell'errore e della pena conseguente, una delle componenti, forse, dell'immaginario americano.Sono orgogliosa di essere, su Dylan, un' autodidatta che cerca di saperne di più sul premio Nobel per la letteratura più discusso di sempre e che si documenta, leggendo libri su Dylan, ascoltando le sue canzoni, leggendone, di qualcuna, il testo tradotto, facendo tesoro degli interventi di chi, come Mr. Tambourine ed altri Farmers, conosce e pratica da più tempo il variegato e controverso universo dylaniano.
Grazie ancora per il sito e lunga vita a tutti! Carla.

Secondo il metro di Sir Eglamore io sono classificato come inaffidabile e persona che si arrampica sui vetri, quindi attenta in futuro quando ti verrà di dire qualcosa di positivo su di me e quando leggerai ciò che scrivo non prenderlo troppo sul serio! Io giudico Eglamore in modo positivo riconoscendogli la capacità di stimolare interessanti scambi di idee. Credo che nessuno dei Farmers si offenda per il suo modo di esprimersi nei loro riguardi, la sua satira è, a mio parere, un segno di stima nei loro confronti. Pensando ad Eglamore mi viene in mente una frase di Bob: "the executioner's face is always well hidden", chissà perchè....! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o) 

___________________________________________________________________________________________________________________

Bianca Guariglia: «44 anni fa fui derisa per la tesi su Dylan»                  clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Pink Floyd, le visioni della generazione che reinterpretava il mondo     clicca qui
___________________________________________________________________________________________________________________

Marc Bolan, 40 anni fa moriva il genio incompreso del glam                  clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

NICO, 1988/ La seconda vita di Christa Päffgen                                        clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan: la canzone  per la campagna presidenziale di Trump            clicca qui

 

 
Sabato 16 Settembre 2017

Talkin' 10216 - duluth49

Oggetto: Punti di vista

Ho ascoltato parecchi live di Bob dei concerti del 2017 , secondo il mio ascoltare mi e' sembrato parecchio piu' bravo al piano , che abbia preso delle lezioni? ........
Vorrei sapere dagli amici della fattoria un loro parere.
Grazie, un saluto a tutti, Marcello

Caro Marcello, Dylan ha sempre pling-plongato il piano fin dai suoi inizi musicali, tentò anche di entrare nella band di Bobby Vee che verso la fine degli anni 50 era alla ricerca di un pianista. Vee incontrò quel giovane musicista che al tempo si faceva chiamare Elston Gunn ma che in realtà era proprio Robert Zimmerman. I due suonarono insieme solo per poche date ma Vee dovette "licenziare" Bob perchè non poteva permettersi di comperagli un pianoforte, così la carriera di pianista di Bob finì nel giro di poche date. Dylan ha sempre mostrato riconoscenza verso l'artista che nel 1961 portò nelle classifiche internazionali Take good care for my baby: "La persona più bella con la quale io abbia mai condiviso il palco", disse Dylan nel 2013 parlando del suo vecchio amico. Fu proprio Dylan, tra le altre cose, a consigliare a Bobby di accorciare il suo cognome da Velline a Vee. Comunque Bob continuò a suonare il piano soprattutto in fase ritmica, non è mai stato un pianista in grado di fare parti da solista, e se ben ricordo, a Barolo tu eri proprio di fianco a me ed hai potuto sentire la caterva di note sbagliate che Bob ci propinò quella sera. Ora pare che usi il piano quasi esclusivamente in fase ritmica, opzione nella quale se la cava discretamente, forse consigliato da qualcuno del suo staff o forse perchè ha letto le recensioni dei concerti nella quali si parlava apertamente di pling-plong piano. Naturalmente, ora che sono diversi anni che usa solo quello strumento, ci avrà preso sicuramente più dimestichezza, non commette più errori evidenti perchè sicuramente l'allenamento conta più di qualunque altra cosa, quindi un pianista mediocre col tempo può diventare accettabile se non ricade nei vecchi errori. Se qualcun'altro vuole esprimere il suo parere su quest'argomento da te proposto, questa pagina è sempre a disposizione. Un saluto sentito a te e tua moglie, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10215 - paulclayton

Oggetto: La tesi

Caro Tommaso,
la avverto che qui in questo sito siamo tutti piuttosto irascibili e insofferenti. Vada quindi coi piedi di piombo, perché gli insolenti siamo abituati a defenestrarli senza inutili convenevoli.
Lord Thomas, lei sostiene di essere prossimo alla laurea. Non possiamo che fidarci, ma non siamo degli stupidi: sappiamo bene quanti studenti, più portati al calcestruzzo che al libro, costruiscano, prigionieri delle loro bugie, le più improbabili geometrie, pur di allontanare nel tempo il giorno della verità che, quando implacabile arriverà, trascinerà lo studente smidollato (o il professionista impostore) in una rovina tanto più disastrosa quanto più aggrovigliato era il garbuglio di menzogne (ubris), fino alle estreme conseguenze: la vergogna, la miseria, il carcere e il cappio.
E poi perché solo tre anni, cinque fa troppa fatica? E che impiego penserebbe di trovare con la laurea in scienze della comunicazione?
Comunque, nella improbabile eventualità che questa tesi non sia una patetica messinscena, provo a darle soccorso.

La sacerdotessa Carla dice “Girl from the North Country” (scusi ma la frontiera è quella scozzese o americana?) e cita George Jackson che è uno dei testi più insignificanti scritti dal nostro perfido giullare; non so che dire… è un’ottima persona, ma è autodidatta e ha una fervida fantasia. Servirebbe il prode Miscio, lui è colto e intelligente, ma è molto pigro e dubito che lei riesca a convincerlo ad alzarsi dal divano. Poi, certo, c’è il nostro Zeus, il Prof. Carrera, ma è sull’Olimpo. Di Tamburino non si fidi, si arrampica sui vetri. Il proprietario del sito, Napoleone si chiama, invece è sparito e comunque era molto antipatico. Non parliamo dei se-dicenti poeti (il cognato di Bubola e quel Dario scherzo del destino)… sono strani, stia attento.

Io sono solo il buttafuori, non saprei cosa proporle. Per quanto riguarda la vecchia frontiera, mi vengono in mente: I Pity the Poor Immigrant, God on Our Side e tutta la faccenda Billy The Kid, oltre al ricco filone delle ballate tradizionali americane (che essendo americane valgono poco) sui fuorilegge, da Jesse James a Hiram Hubbard (Dylan ha scritto John Wesley Harding). La nuova non la conosco.
In bocca al lupo, Sir Eglamore

Ciao Eglamore, bentornato su queste pagine nelle quali elargisci in quantità indistriale la tua, a volte pleonastica ed inane, a volte prolissa, a volte noiosa, a volte significativa, a volte avvincente ed intrigante, a volte stimolante, a volte perfino piacevole ed utile, saccenza.
Per correttezza penso che la parola "Ubris" così come l' hai scritta tu sia stata una svista. Secondo me volevi dire "Hybris" (ˈhyːbris, in greco antico: ὕβϱις, hýbris) che è un topos (tema ricorrente) della tragedia greca e della letteratura greca, presente anche nella Poetica di Aristotele. Significa letteralmente "tracotanza", "eccesso", "superbia", “orgoglio” o "prevaricazione". Credo che Tommaso apprezzerà i tuoi consigli e le tue minacce ed i tuoi dubbi sulle sue intenzioni e sulle sue scelte, ma questo potrà dircelo solo lui.

La sacerdotessa Carla D’inverno, per quanto tu voglia sottovalutarla, pur essendo certamente meno ferrata di te su qualunque argomento, (per chi avesse dei dubbi, specifichiamo e rendiamo noto a tutti che migliore di te ed onnisciente come te - l'onniscienza è un fenomeno paranormale e parapsicologico, si tratta in sostanza della facoltà di essere a conoscenza di tutto ciò che è accaduto in passato, che sta accadendo al presente e che accadrà nel futuro - non c’è nessuno), ma però ha il sacrosanto diritto alle sue opinioni, anche se a te sembrano superficiali e fantasiose. Concordo con te nel pensare che Carla sia un’ottima persona. Credo inoltre che sia autodidatta proprio come te (a meno che tu non abbia una laurea in Dylanologia) ed in questo non ci vedo niente di male, tutti siamo autododatti su Bob Dylan , nessuno è depositario della verità ed ognuno di noi studia Bob e trae le sue conclusioni in modo autonomo, voglio dire che io posso leggere mille libri su Dylan, trarre spunto da essi, ma poi l’idea finale su Dylan me la faccio da solo, contento di essermela fatta in completa autonomia e libertà.

Il prode Miscio sarebbe in grado di contrastarti bellamente con la sua intensa, luminosa, smagliante, splendente, scintillante, sfavillante, chiara, nitida e vivida intelligenza e cultura, speriamo che questa volta riesca a vincere la sua ignavia ed accidia per una degna risposta ai tuoi paralipomeni. Il verbo di Miscio potrebbe chiarire alcuni punti della tua e-mail difficili da interpretare, sempre che ritega il farlo cosa utile.

Per quanto riguarda Zeus credo che in questo caso sia meglio non tediarlo e lasciarlo tranquillo ai suoi doveri olimpici.

Di me concordo con te, meglio non fidarsi di uno che si aggrappa a ragioni insostenibili, senza alcun fondamento, che tenta invano giustificazioni assurde, in parole povere un gretto miserabile.
Forse sarà per questa mia inettitudine che fatico a dare un significato alla tua espressione “vecchia frontiera” in quanto la frontiera americana è sempre stata in movimento spostandosi continuamente fin dai tempi della corsa all'Ovest nel 1850, evolvendosi verso nuovi obiettivi (va bene anche la grafia “obbiettivi”) nella sua evoluzione. "I Pity The Poor Immigrant" tratta il tema dell’immigrazione di tanti disperati alla ricerca della realizzazione dei loro sogni, ma non so se questo argomento potrebbe rientrare nel termine “vecchia frontiera”. Idem per “With God On Our Side” (questo è il titolo esatto della canzone) che non è proprio una creazione dylaniana per quanto riguarda la musica che è una adattamento derivato da “The Patriot Game” di Dominic Behan, che probabilmente Dylan aveva sentito cantare dai Clancy Brothers durante le sue frequentazioni con Suze Rotolo della "White Horse Taver" al Greenwich Village. A sua volta Behan aveva ripreso una melodia comune a vari traditional: "The Grenadier and the Lady", "The Nightingale" e "Paddington Green". La canzone descrive proprio la frontiera in movimento, partendo dal massacro dei nativi americani per passare dalla guerra Ispano-Americana, proseguendo poi per la prima guerra mondiale (la ragione per combatterla non l’ho mai capita dice Dylan) e per la seconda guerra mondiale con l’ironia e lo stupore di un giovane di origine ebrea che deve constatare che ora l’America è diventata amica dei tedeschi (ne hanno cotti sei milioni nei forni dice Dylan ,e anche loro adesso hanno Dio dalla loro parte), prosegue con la guerra fredda e gli insegnamenti ad odiare i Russi, passa poi al momento quando qualcuno schiaccerà un bottone facendo saltare il mondo intero, si chiede poi se il Nazareno sia stato tradito con un atto d’amore, se Giuda aveva Dio dalla sua parte mentre vendeva Gesù, chiudendo con la speranza che se veramente Dio sia dalla parte degli americani fermerà la prossima guerra, quindi la “vecchia frontiera” in questo caso è solo il punto di partenza per una nuova.

La faccenda Billy The Kid è solo la colonna sonora di un film che si avvale di una melodia di sicura presa e, a mio parere, una serie di testi abbastanza scontati e non significativi, potrebbe essere un episodio della “vecchia frontiera” ma non vedo nessun collegamento con essa.

Jesse James non è una canzone di Bob Dylan quindi non la considero parte dell’argomento, Hiram Hubbard è un traditional riarrangiato da Dylan, perciò anch’essa non la farei rientra nel discorso.

Invece per quanto concerne il sito il proprietario del dominio maggiesfarm.eu sono proprio io. Napoleone era il titolare di maggiesfarm.it, dico era perchè ora credo non sia più lui il detentore del dominio. Comunque sia forse Napoleone ti era antipatico, ma in materia e competenza dylaniana dava facilmente dei punti a tutti.

Per quanto concerne i se-dicenti “Ardez” (cognato di quel grande songwriter e poeta che è Massimo Bubola) e l’amico Dario Twist of Fate sta a loro decidere se risponderti o ignorarti.

Scusami se mi son permesso di fare delle piccole precisazioni ma mi è sembrato necessario. Alla prossima, il Tamburino arrampicatore, :o)

 

 
Venerdì 15 Settembre 2017

Talkin' 10214 - tom.coluzzi

Oggetto: Tesi di laurea

Salve, vi ho scritto la scorsa settimana per sapere se potevate aiutarmi con delle info che potrebbero essere fondamentali per la mia scrittura della tesi, vi ringrazio tanto per l'attenzione e vorrei rinnovarvi la richiesta di aiuto. Grazie ancora!
Tommaso.

Forse ti sarà sfuggito ma ti ho risposto il giorno 11 Settembre con la Talkin' 10210. La Fattoria non dimentica nessuno e men che meno snobba qualcuno, è pur vero che la tesi di laurea la devi fare tu, e in questo gli archivi del sito ti possono essere molto utili. Leggi le interviste e ti farai un'idea del pensiero dylaniano, leggi i saggi scritti su Bob e troverai spunti interessantissimi, leggi le traduzioni dei testi delle sue canzoni e troverai migliaia di frasi che fanno al caso tuo, ma solo tu potrai scegliere cosa usare di tutto questo. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

___________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10213 - dinve 56

Oggetto: L'immaginario americano

Buongiorno Mr. Tambourine,
volevo fare i complimenti e gli auguri al giovane laureando che si cimenta con un argomento arduo ma molto interessante. Mi associo alla tua considerazione che la consultazione del sito gli sarà utile. Mi permetto di suggerirgli una ricerca di simboli più che di parole oggettive e realistiche. L'opera di Bob Dylan è, a mio modesto avviso, una foresta simbolica che fa impallidire la ricchezza multiforme dell'universo simbolico del nostro Dante. Suggerirei al giovane laureando di vedere il testo di "Girl from the north country" per il tema della frontiera (tenga però presente il testo inglese e interpreti il significato della parola usata nell'originale, che noi in italiano traduciamo con "frontiera" o "confine"); suggerirei ancora, relativo al tema dello spazio aperto associato all'idea di libertà spirituale il testo di "I shall be released"; infine, per contrapposizione all'immagine frontiera-spazio aperto-libertà, suggerirei di vedere la simbologia dell'ultima strofa della canzone dedicata a George Jackson. Poi, mi rivolgo ancora al laureando per il tuo tramite, Mr. Tambourine, dovrà, secondo me, focalizzare la sua attenzione su un limitato numero di testi, e, ove possibile, tentare una contestualizzazione degli stessi. I testi delle canzoni sono sul sito in ordine alfabetico. Grazie del sito. Buona fortuna al giovane di buona volontà. Spero che scopra anche lui, oltre la sua tesi, l'originalità del linguaggio poetico di Dylan. A presto. Lunga vita, Carla.

Concordo perfettamente con le tue parole, Dylan è una leggenda monumentale e va studiato attentamente per coglierne tutte le sfumature del suo pensiero. Lasciami aggiungere che sono d'accordo che i testi originali inglesi rendono meglio l'idea del pensiero di Bob, la traduzione, per quanto perfetta, perde sempre il sapore originale, tanto per capirci, un piatto di spaghetti fatto in America non avrà mai il sapore di quelli fatti a Napoli. Il Prof. Carrera ha spiegato questo problema chiaramente, in una traduzione letterale si perde molto del senso dylaniano, certe frasi in uso americano vogliono dire una cosa, tradotte letteralmente rischiano di non significare un bel niente, ed in questo si perde anche l'idea del senso dylaniano. Per contro si potrebbe fare una traduzione che si attenga più al senso ed al significato del testo ma in questo caso la traduzione letterale andrebbe a farsi benedire. Ci sono parole tipo "baby" che assumono un significato diverso a seconda del modo e del contesto in cui sono usate, la parola può esprimere gioia, amore, rispetto e molte volte anche ironia, ma se la traduciamo sempre con "piccola" i concetti ed i significati molte volte vanno a farsi benedire. Questa è una difficoltà da non sottovalutare perchè si rischia di andare fuori strada e di scrivere cose poco aderenti con quello che voleva esprimere Dylan. Una tesi su Dylan, a mio personale parere, è sempre una cosa da affrontare con le pinze e con il triplo della massima attenzione, come se si affrontasse una tesi sulla poesia di Dante o sulla letteratura di Shakespeare. Chiunque, quando si parla di Dylan, deve leggere e rileggere ed a volte correggere per fare in modo di dare il miglior senso di chiarezza a quello che vuole esprimere. Dylan non è un argomento facile, non per niente sono stati consumati fiumi di inchiostro per cercare di descriverlo, ma non è nemmeno impossibile, solo ci vuole tantissima attenzione, proprio come quando si legge la Divina Commedia per capire terzina per terzina la grandezza del poeta. Quindi auguro anch'io a Tommaso di fare un buon lavoro, se poi conosce bene la lingua inglese avrà meno difficoltà nell'interpretare Dylan e trovare le parole giuste per spiegarlo nella sua tesi. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)  

___________________________________________________________________________________________________________

GABRIELLE - "RISE"

  

https://www.youtube.com/watch?v=na93MI5NFy0

Rise è una canzone di Gabrielle, e dà il titolo al secondo album della cantante inglese.
Scritta da Gabrielle, Ollie Dagois, Ferdy Unger-Hamilton e Bob Dylan e prodotta da Johnny Dollar, la canzone ha raggiunto la vetta della classifica inglese nel gennaio 2000. Rise è uno dei pochi casi in cui Bob Dylan ha concesso il campionamento di un proprio pezzo. Infatti la canzone prende una parte del brano Knockin' on Heaven's Door.

Gabrielle, nome completo Louise Gabrielle Bobb (Londra, 16 aprile 1970), è una cantante britannica. Il suo singolo di debutto Dreams ha raggiunto il 1º posto della classifica inglese nel giugno 1993 rimanendovi per tre settimane. Dopo altri singoli di successo come Going Nowhere, Give Me A Little More Time, Walk on By e If You Ever cantata in duetto con gli East 17, Gabrielle ottiene nel 2000 il secondo numero uno inglese con il singolo Rise che contiene un sample di Knockin' on Heaven's Door di Bob Dylan. Anche l'album omonimo raggiunge la vetta e rimane in classifica per 87 settimane.

"Rise"
(BOB DYLAN / LOUISE BOBB / FERDY UNGER-HAMILTON / OLLIE DAGOIS)
Rise lyrics © Sony/ATV Music Publishing LLC, Universal Music Publishing Group, BMG RIGHTS MANAGEMENT US, LLC


I know that it's over
But I can't believe we're through
They said that time's a healer
And I'm better without you
It's gonna take time I know
But I'll get over you
So che è finita
Ma non riesco a credere che siamo finiti noi
Dicono che il tempo è guaritore
E che io sto meglio senza di te
Ci vorrà tempo lo so
Ma ti supererò


[Chorus:]

Look at my life
Look at my heart
I have seen them fall apart
Now I'm ready to rise again
Look at my hopes
Look at my dreams
I'm building bridges from these scenes
Now I'm ready to rise again
Guarda la mia vita
Guarda il mio cuore
Li ho visti spezzarsi
Ora sono pronta a risorgere
Guarda alle mie speranze
Guarda ai miei sogni
Sto costruendo ponti da questi scenari
Ora sono pronta a risorgere

Caught up in my thinking, yeah
Like a prisoner in my mind
You pose so many questions
But the truth was hard to find
I better think twice I know
That I'll get over you
Presa nel mio pensiero (yeah)
Come una prigioniera nella mia mente
Tu poni talmente tante domande
ma la verità era difficile da trovare
Lo so che farei meglio a pensarci due volte
Ma ti supererò


[Chorus]

Much time has passed between us
Do you still think of me at all?
My world of broken promises
Now you won't catch me when I fall
Molto tempo è passato tra di noi
Pensi proprio ancora a me?
Il mio mondo di promesse spezzate
Ora non mi prenderai quando cadrò


[Chorus]

 

 
Giovedì 14 Settembre 2017

Mavis Staples special guest in 19 date del Fall Tour 2017

17 Ottobre 2017 Salt Lake City, UT - Eccles Theater - with special guest Mavis Staples
18 Ottobre 2017 Salt Lake City, UT - Eccles Theater - with special guest Mavis Staples
21 Ottobre 2017 Denver, CO - 1STBANK Center - with special guest Mavis Staples
23 Ottobre 2017 Omaha, Nebraska - CenturyLink Center - with special guest Mavis Staples
24 Ottobre 2017 Ames, IA - Stephens Auditorium - with special guest Mavis Staples
25 Ottobre 2017 Saint Paul, MN - Xcel Energy Center - with special guest Mavis Staples
27 Ottobre 2017 Chicago, IL - Wintrust Arena - with special guest Mavis Staples
28 Ottobre 2017 Grand Rapids, MI - Van Andel Arena - with special guest Mavis Staples
29 Ottobre 2017 Bloomington, IN - IU Auditorium - with special guest Mavis Staples
1 Novembre 2017 Detroit, MI - Fox Theatre
3 Novembre 2017 Akron, OH - E.J. Thomas Hall5 NOV 2017 Columbus, OH - Palace Theatre
5 Novembre 2017 Columbus, OH - Palace Theatre - with special guest Mavis Staples
6 Novembre 2017 Pittsburgh, PA - Heinz Hall - with special guest Mavis Staples
8 Novembre 2017 Uniondale, NY - Nassau Coliseum - with special guest Mavis Staples
10 Novembre 2017 Richmond, VA - Coliseum - with special guest Mavis Staples
11 Novembre 2017 Philadelphia, PA - Tower Theatre - with special guest Mavis Staples
12 Novembre 2017 Philadelphia, PA - Tower Theatre - with special guest Mavis Staples
14 Novembre 2017 Washington, DC - The Anthem - with special guest Mavis Staples
16 Novembre 2017 Boston, MA - Agganis Arena - with special guest Mavis Staples

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10212 - devilinthedust

Ciao,
È da anni che sto cercando un video, anche amatoriale, del concerto svoltosi a Modena con Tom Petty e Barry McGuire una trentina di anni fa.
Sarò eternamente grato a chi mi potrà fornire delle informazioni al riguardo...Livio Horrakh.

Ciao Livio, certtamente ti sarai confuso, Barry McGuire non ha mai suonato con Dylan e Petty, invece nel 1986 Dylan suonò con Tom Petty e gli Heartbreakers per la festa dell'umità che si tenne all'Autodromo di Modena il 12 Settembre 1987 per l'organiuzzazione di David Zard. Sotto puoi leggere i relativi articoli dell'annuncio e della cronaca della serata:

DYLAN, TOM PETTY, MCGUINN DOMANI A MODENA IL VERO ROCK:
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1987/09/11/dylan-tom-petty-mcguinn-domani-modena-il.html

Quando Bob arrivò, suonò e se ne andò subito via schivo (da Modena):
http://www.notemodenesi.it/2016/quando-bob-arrivo-suono-e-se-ne-ando-subito-via-schivo-da-modena/

Non fu registrato nessun video perchè la Rai ebbe l'autorizzazione di filmare solo un paio di canzoni nel concerto seguente tenutosi al palasport di Torino. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Martedì 12 Settembre 2017

FALL TOUR 2017: 21 NUOVE DATE

13 Ottobre 2017 Valley Center, CA - Harrah’s Resort SoCal – The Events Center
14 Ottobre 2017 Las Vegas, NV - The Cosmopolitan Hotel – The Chelsea Theatre
17 Ottobre 2017 Salt Lake City, UT - Eccles Theater
18 Ottobre 2017 Salt Lake City, UT - Eccles Theater
21 Ottobre 2017 Denver, CO - 1STBANK Center
23 Ottobre 2017 Omaha, Nebraska - CenturyLink Center
24 Ottobre 2017 Ames, IA - Stephens Auditorium
25 Ottobre 2017 Saint Paul, MN - Xcel Energy Center
27 Ottobre 2017 Chicago, IL - Wintrust Arena
28 Ottobre 2017 Grand Rapids, MI - Van Andel Arena
29 Ottobre 2017 Bloomington, IN - IU Auditorium
1 Novembre 2017 Detroit, MI - Fox Theatre
3 Novembre 2017 Akron, OH - E.J. Thomas Hall5 NOV 2017 Columbus, OH - Palace Theatre
5 Novembre 2017 Columbus, OH - Palace Theatre
6 Novembre 2017 Pittsburgh, PA - Heinz Hall
8 Novembre 2017 Uniondale, NY - Nassau Coliseum
10 Novembre 2017 Richmond, VA - Coliseum
11 Novembre 2017 Philadelphia, PA - Tower Theatre
12 Novembre 2017 Philadelphia, PA - Tower Theatre
14 Novembre 2017 Washington, DC - The Anthem
16 Novembre 2017 Boston, MA - Agganis Arena


Credo che con queste date si chiuda il Tour 2017, quindi, avendo già fatto il tratto europeo, per quest'anno non avremo il piacere di vedere Bob sui nostri palchi. Dobbiamo aver pazienza, tutto arriva a chi sa aspettare!
________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10211 - dinve56

Oggetto: Dylan, le donne, l'amore

Buongiorno Mr. tambourine,
grazie delle informazioni. Hai ridato ad ognuna delle artiste da me citate il giusto posto, perchè possiedi una grande quantità di informazioni e conoscenze che metti a disposizione di tutti noi e di questo ti sono davvero grata. Mi sembra che, dalle tue parole, esca comunque un po' ridimensionata l'immagine di un Dylan a priori crudele con le donne. Il suo canzoniere è pieno di tenerezza e melanconia e, forse, questa è una delle componenti del fascino dylaniano. Sto ascoltando "New morning". Prima di individuare le canzoni che mi colpiscono maggiormente, devo ascoltare più volte. Fin qui l'ascolto è stato piacevole ; mi affascina particolarmente l'armonica, come capitava anche a Suze, che nel suo libro dice - non riesco a trovare il passo per citarlo alla lettera - che era rapita dal suono dell'armonica. Il libro di Suze è impresso nella mia mente e nel mio cuore. E' così denso di ricordi, emozioni, grandi e piccole storie, che una sola lettura non basta per afferrarlo tutto. La Rotolo, pochi anni prima di lasciare questo mondo, ha fatto un grande regalo alla generazione degli anni sessanta, perchè le ha dato una dignità e un'importanza come mai era stato fatto prima. Forse è per questa ragione che non mi sento toccata più di tanto dal dibattito sulle corde vocali di Dylan o sull'artrite alle mani che gli impedirebbe di suonare la chitarra. Per me ascoltarlo dal vivo vorrebbe ancora significare rendere omaggio, anche in modo acritico rispetto al Dylan attuale, al portavoce della generazione che, come ricorda Suze nelle ultime battute del suo libro bellissimo "parlava una lingua di ricerca e curiosità e ribellione nei confronti della cultura politica e sociale opprimente e repressiva del decennio che l'aveva preceduta". Alla prossima e lunga vita. Carla.

Cara Carla, in fondo, pur essendo una persona geniale, Dylan era un uomo come tanti, con i pregi ed i difetti tipici degli uomini. Le donne alle quali ha voluto veramente bene le ha trattate nel giusto modo, altre le ha solo strapazzate un pò come in fondo facciamo spesso e volentieri noi uomini, senza preoccuparci più di tanto del dispiacere o del dolore che lasciamo dietro di noi. Io son certo che Dylan ha amato veramente Suze anche se lei aveva una personalità ben delineata e non ci stava a fare "la ragazza di quello che suona la chitarra". Nel suo bellissimo libro lo dice chiaramente: "Non ho mai voluto essere una corda della sua chitarra". Naturalmente l'incontro con Dylan è stato, per tutti e due, una cosa veramente importante, fu un rapporto breve e significativo che però è continuato con stima e amicizia anche dopo la fine della loro storia d'amore. Tutti e due hanno sofferto molto ma naturalmente trovarsi al fianco di una persona che dalla sera alla mattima diventa un'icona per la quale tutti impazziscono deve essere stata una convivenza  proprio impossibile. Molto tempo dopo la fine della loro storia Bob telefonerà a Suze e la inviterà a fare un giro in macchina nella notte newyorkese, ed in quell'occasione cercherà in qualche modo di giustificare il suo comportamento, di spiegare a Suze il senso, il peso, la difficoltà, l'ingombro di una popolarità improvvisa che rischia di schiacciarti e di ammazzarti. In  qualche modo fu come chiedere scusa a Suze per non essere stato capace di portare avanti il loro sincero legame, ma ormai anche Dylan aveva forse perso ogni senso di identità personale pur mantenedo quella artistica, Robert Zimmermann era diventato qualcosa che nemmeno lui avrebbe saputo immaginare, una specie di marionetta divinizzata con i fili tirati da gente con pochi scrupoli il cui solo scopo nella vita era quello di accumulare più denaro possibile, in contrasto con la necessità artistica di Dylan. C'è un pezzo di una lettera che Bob scrisse a Suze quando lei era a Perugia per frequentare l'università che fa capire la sensibilità di una persona che sentiva che stava per diventare una Star e che cercava disperatamente di rimanere se stesso: "Mi sa che non succede molto qui, Bob Shelton aspetta Jean, i cani aspettano di uscire, i ladri aspettano una vecchietta, i bambini aspettano di andare a scuola, la guardia aspetta di picchiare qualcuno, quegli sporchi barboni aspettano i soldi, Grove Street aspetta Bedford Street, chi è sporco aspetta di essere pulito, tutti aspettano un tempo più fresco, e io semplicemente aspetto te". Davvero una fantastica dichiarazione d'amore espressa con una semplicità disarmante. Era l'estate del 1962, Dylan aveva pubblicato solo il primo album che portava il suo nome, ma già il mondo della musica parlava di lui, e qualche mese dopo, nel maggio del 1963, la pubblicazione di "The Freewheelin' Bob Dylan" porterà quei due giovani sulla copertina del disco a diventare volti familiari per gli occhi di tutti gli americani. Bob diventerà un mito che più grande non si poteva, "la ragazza della copertina di Freewheelin' " si ritirerà in silenzio alla ricerca di Suze Rotolo. La vita di Suze non è stata facile, ti trovi di colpo al centro dell'attenzione del mondo e non riesci più a trovare la dimensione esatta di te stesso. Credo che la vita di Suze sia stata meravigliosa e drammatica allo stesso tempo, la conoscenza e la frequentazione di una personalità grande come quella di Bob sconquasserebbe la vita di chiunque. Suze ha avuto il buon gusto di starsene in silenzio per una cinquantina d'anni, per poi lasciarci quersta piccola perla di ricordi qualche anno prima di andersene per sempre. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Aspettando gli Stones: i grandi vecchi del rock “rotolano ancora”          clicca qui

 

 
Lunedì 11 Settembre 2017

Talkin' 10210 - tom.coluzzi

Oggetto: Tesi di laurea

Buongiorno, mi chiamo Tommaso Coluzzi e vi contatto in quanto sto scrivendo la mia tesi di laurea triennale in scienze della comunicazione ed ho in mente un progetto sull’immaginario americano. Nello specifico il tema è “la frontiera”, ho deciso però di descriverla con delle tappe e snodi importanti letti dal punto di vista della musica. Per tornare al motivo per cui vi contatto: avrei bisogno di più informazioni possibili sul rapporto tra Bob Dylan ed il concetto di frontiera, nello specifico sia per quanto riguarda la frontiera storica, sia qualsiasi metafora sulla libertà dello spazio, ma anche qualsiasi riferimento alla Nuova Frontiera di cui parlava Kennedy. Vanno bene testi di canzoni, interviste, documenti. Qualsiasi cosa abbiate o vogliate condividere con me ne sarò felicissimo. Mi dareste una mano enorme.
Intanto vi ringrazio per la cortese attenzione nella speranza che possiate aiutarmi.
Grazie, Tommaso.

Tema interessantissimo per una tesi, ma cercare riferimenti dylaniani su quest'argomento è cosa molto difficile. Metaforicamente qualsiasi tipo di futuro si può identificare con la "Nuova frontiera" ma poi dipende da come si tratta l'argomento e soprattutto da quali basi si parte. Kennedy intendeva un'America diversa da quella nella quale era vissuto fino al momento della sua elezione, quell'America, come già quando fu eletto F.D.Roosvelt, che aveva bisogno uno scatto in avanti da quella del "New Deal" Roosveltiano che si era occupata soprattutto di se stessa, mentre l'America di Kennedy, dopo aver cercato di risolvere o perlomeno intralciare il più possibile il problema della Mafia (che però aveva fatto comodo al giovane presidente che per essere eletto chiese l'aiuto di Sinatra e di coloro che reggevano lo sporco mondo del businnes americano, le grandi famiglie che avevano potere sulle masse operaie. E' ormai cosa nota a tutti il legame che accumunava John Kennedy a Frank Sinatra, al mafioso Sam Giancana che aveva portato i voti di due stati basilari per la vittoria di kennedy, a Marilyn Monroe che passava dal letto di John a quello del di lui fratello Bob, allora Ministro della Giustizia americana, che aveva rapporti di frequentazione con Sinatra e Giancana che mettevano in grande pericolo l'apparato di sicurezza americana. John,Kennedy, Bob Kennedy, Marilyn Monroe Sam Giancana, quattro personaggi che finiranno accumunati da un comune destino finendo tutti assassinati. Kennedy aveva anche il problema razziale da risolvere, affare non di poco conto, ma soprattutto voleva che l'America diventasse il "Faro" del mondo libero contro il pericolo comunista che veniva dalla Russia, la guerra per la conquista dello spazio ne fu un eclatante esempio. Ma tutto questo era politica e businnes legati al concetto di "Nuova Frontiera", mentre invece Dylan, che si staccherà completamente dall'immagine di politico di protesta e di voce di una generazione nel 1964 abbandonando la musica folk e la regina delle cantanti di protesta politica Joan Baez per instradarsi su una nuova via che si staccava completamente da suo seppur breve passato quando la gente lo aveva eletto paladino delle loro esigenze di protesta politica. Dylan non accettò mai questa "etichetta" e fece di tutto per riuscire a cancellarla. Aveva anche lui la sua "Nuova Frontiera", il rock & Roll elettrico, ma era una frontiera personale che raccontava dei suoi bisogni, del suo quotidiano, dei suoi desideri, dei suoi sentimenti e delle sue necessità viste dal punto di vista dell'artista e non da quello del politico. I politici di ogni nazione hanno quasi un linguaggio universale, ripetono tutti con lingue diverse le stesse cose, invece Dylan raccontava quello che c'era dentro di lui che era valido per lui e poteva trovare proseliti che la pensavano allo stesso modo senza magari la stessa capacità di esprimere i concetti. Dylan aveva già "dato" agli affamati folk-politici due canzoni che erano la frontiera per eccellenza, Blowin' in the wind e The Times They Are A-Changin', due canzoni che parlavano di desideri, di speranze future, ma senza il tono teatrale del politico che spaventa la gente per avere il loro appoggio, con invece la tranquillità di uno che spera con ottimismo nel cambiamento necessario. Dylan farà letteratura e poesia e lascerà sempre la politica a chi aveva voglia di intraprendere quel percorso, un artista ed un politico difficilmente possono avere qualcosa in comune, uno è schiavo dell'arte e l'altro è schiavo dell'inganno. Per questo non saprei come aiutarti, potresti trovare centinaia di riferimenti al futuro nelle canzoni di Dylan, ma sono soltanto cose personali e non politiche. In tutta la sua vita non assumerà mai una posizione politica per nessuno, lui sarà solo per se stesso e per la sua arte. Negli archivi del sito puoi trovare bellissimi saggi su Bob Dylan e le traduzioni delle principali interviste da lui rilasciate, tutti i testi delle sue canzoni tradotti in italiano che probabilmente ti aiuteranno a trovare i riferimenti da collegare al tuo ragionamento, ma questo è un lavoro che puoi fare solo tu, perchè se io, o qualunque altro amico di Maggie's Farm ci mettessimo a scrivere la stessa tesi (ammessso di averne le capacità) scriveremmo tesi completamente diverse. Spero che il sito ti sia di grande aiuto per la tua tesi, Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Venerdì 8 Settembre 2017

Talkin' 10209 - dinve56

Oggetto: Il fascino di Dylan

Buongiorno Mr. Tambourine,
hai ragione in modo assoluto: ciascuno di noi ha amato ed ama Dylan... abbiamo tutta la vita per cercare di capirne la ragione. Le parole di Sam sono le mie stesse parole; forse l'unica diversità è nel rintracciare nella memoria le origini dell'interesse per Bob. Sam dice che la sua conoscenza è arrivata tramite ragazzi più grandi; io ricordo bene, invece, i primi anni settanta e il collegamento Dylan-Baez-impegno contro la guerra del Vietnam. Poi un lunghissimo periodo di "ignoranza musicale" su tutta la linea e, folgorante, la notizia dell'assegnazione del Nobel. Da qui è ripartito un interesse, dapprima letterario (ho letto "Tarantula" e una valanga di testi di canzoni), poi, grazie alla frequentazione del sito e alla guida di Mr. Tambourine, è iniziata una sorta di alfabetizzazione musicale e, adesso, sono nel vortice dell'ascolto e mi trovo a provare le stesse emozioni di Sam che, probabilmente, ascolta Dylan da molto più tempo. Sul rapporto di Dylan con le donne, lasciami fare, Mr. Tambourine, una considerazione che non è allineata con la tua opinione: Dylan avrà amato alcune donne più, altre meno, le avrà amate a modo suo, ma una cosa mi sento di dirla con convinzione e cioè che, sul palco, le ha valorizzate in modo egregio. Scarlet Rivera, Joan Baez, le Queens of rhythm, Patti Smith, Norah Jones saranno state tutte bravissime, ma quando si sono esibite con Dylan, hanno acquistato, secondo me, un valore aggiunto che, da sole, non avevano. Grazie e lunga vita! Carla.

Io non ho mai detto che sul palco Dylan abbia dato poca importanza alle donne che si esibivano con lui, come hai detto tu, Bob ha sempre cercato di dare loro rilevanza. Però una considerazione bisogna farla per forza di cose. Scarlet Rivera è diventata una piccola celebrità grazie a Dylan, ma dopo la fine della RTR è stata un'artista di secondo piano che ha vissuto di rendita sul nome di Dylan. Qui trovi la sua biogafia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Scarlet_Rivera

Joan Baez è stata la donna che ha saputo far puntare i riflettori sul talento di Bob, e pur non avendo bisogno di Bob si è fatta umuliare e maltrattare da Dylan e dai suoi compagni specialisti nell'umiliare le persone che gravitavano nell'ombra di Dylan, tipo Bob Newirth (col quale Janis Joplin scrisse la famosissima "Mercedes Benz". Il giovedi 1 ottobre 1970, presso lo studio di registrazione Sunset Sound Recorders di Los Angeles. Janis Joplin chiede al produttore Paul Rothchild di registrare una canzone che vorrebbe cantare. La band di supporto Full Tilt Boogie è pronta per l'azione, ma il loro supporto non sarà necessario. Joplin si avvicina al microfono e, con tono ironico, fa una breve dichiarazione: Vorrei fare una canzone di grande importanza sociale e politica, che fa così, e comincia a cantare, con la sua voce immensa piena di sentimento "Oh Signore, perché non mi compri una Mercedes-Benz? / I miei amici guidano tutti Porsche, devo correre ai rimedi... ". Mercedes Benz è un blues monodico che parla della felicità illusoria promessa (ma raramente ottenuta) dal perseguimento di beni terreni, è un rifiuto degli ideali consumistici, in perfetta sintonia con l'utopia della cultura Hippy. Janis aveva cominciato a trovare le parole del brano, mentre si trovava a New York per una tournée. Nel corso di una partita a biliardo con gli amici Rip Torn ed Emmett Grogan, i due avevano cominciato a canticchiare, storpiandone il testo, una canzone del poeta della Beat Generation Michael McClure. Per lo più quello che ricordavano era il primo verso: Oh Lord, won't you buy me a Mercedes-Benz?. A Joplin piacque molto ed iniziò a cantarla anche lei. Una volta tornati in California, Joplin e l'amico Bob Neuwirth avevano preso il frammento della poesia di McClure e ne ricavarono una canzone completa. Joplin telefonò a McClure a casa sua a San Francisco, e gli disse: «Volevo dirti che canto una canzone che ha dentro un tuo verso e che un po' ci assomiglia». McClure se la fece cantare al telefono e poi disse «Preferisco la mia canzone». Janis chiese «Ti dispiace se tengo quel verso?» «No, fai pure» fu la risposta). In parte Dylan ridiede alla Baez una parte della fama che lei aveva procurato a lui facendola partecipare con un ruolo da protagonista alla Rolling Thunder Revue ed al film "Renaldo and Clara". Dopo di allora ci sarà l'ultima collaborazione dei due insieme sul palco dal vivo nel 1984. Poi la Baez si mise con Steve Jobs e lei e Bob non ebbero più occasione di salire sul palco assieme. 

Anche le Queens of Rhythm (Debra Byrd, Elisecia Wright, Esther Marrow, Madelyn Quebec) ebbero il loro maggior momento di celebrità nel True Confession Tour dal quale fu tratto il film "Hard To Handle" registrato in Australia. Per il resto le Queens eramo soltanto delle brave coriste come ce ne sono tantissime in America che si unirono per il tour con Dylan e con quello finirono la loro collaborazione, altro non si sa di loro, oggi esiste un gruppo basato in Inghilterra che esegue cover delle grandi cantanti di colore Aretha, Tina etc...etc.... ma niente di che.

Patti Smith e Norah Jones (figlia di Ravi Shankar, uno dei migliori suonatori di Sitar al mondo e grande maestro di George Harrison) sono celebri per le loro capacità e per i loro lavori ed hanno cantato saltuariamente con Bob che non ha aggiunto niente e tolto niente a queste due grandissime artiste. Per questo non sono d'accordo con te quando dici che hanno avuto un valoro aggiunto collaborando con Bob, non la Baez, non Patti Smith, non Norah Jones, non le Queens perchè non sono mai esistite come gruppo al di fuori del tour con Dylan e per finire Scarlet Rivera è sparita dalla scena musicale dopo aver suonato con Dylan, ha solo avuto un momento di celebrità che non ha lasciato strascichi, una violinista sanza 'nfamia e sanza lodo.

Sono però veramente contento che tu abbia "riscoperto Dylan" dopo anni di lungo silenzio, non mollare, oltre che riempirti le giornate c'è sempre qualcosa da imparare con Bob. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Quella volta che Bob Dylan rubò venti dollari                                            clicca qui

_____________________________________________________________________________________________________________________

Bertoncelli “tramite” Dylan spiega la musica che cambia                          clicca qui

_____________________________________________________________________________________________________________________

“Nico 1988” un film dall’interno                                                                  clicca qui

Nico 1988, il biopic sull'icona del gothic rock                                            clicca qui

 

 
Giovedì 7 Settembre 2017

One Too Many Mornings - Bob Dylan and The Band

  

Mi permetto di sottoporvi questa perla, ma abbiate la pazienza di aspettare 20 secondi prima che la canzone (manca l'ultima strofa) inizi. Chi ha montato questo video ha aggiunto il pezzo di Lennon e Dylan in macchina che non c'entra niente con ciò che viene dopo. Avrà avuto i suoi motivi, a me impossibili da capire!

Down the street the dogs are barkin'
And the day is a-gettin' dark.
As the night comes in a-fallin',
The dogs 'll lose their bark.
An' the silent night will shatter
From the sounds inside my mind,
cause I'm one too many mornings
And a thousand miles behind.

From the crossroads of my doorstep,
My eyes they begin to fade,
As I turn my head back to the room
Where my love and I have laid.
An' I gaze back to the street,
The sidewalk and the sign,
And I'm one too many mornings
An' a thousand miles behind.

Non esiste un'interpretazione veramente corretta per la maggior parte delle canzoni di Dylan. Lui stesso ha detto di non ricordarsi esattamente quello che intendeva dire quando ha scritto alcune di esse e non è sicuro di cosa le ha ispirtate.
Io cercherò, a modo mio, di capire cosa (forse) voleva dire Dylan con "One too many mornings":

È una canzone molto intima e personale, scritta in un momento nel quale molte altre canzoni di Dylan non lo erano. La storia di base è quella di un ragazzo che parla con l'ex girlfriend con la quale ha appena rotto la relazione. Sia lui che lei sono ancora probabilmente in quella situazione emotiva nella quale non sono sicuri di aver fatto la cosa giusta. Forse avrebbero dovuto stare insieme. C'erano un sacco di motivi buoni e cattivi, e c'era sicuramente l'amore. Non è stato un rapporto in cui qualcuno ha fatto qualcosa di sbagliato, probabilmente era una di quelle cose che erano scritte nel loro destino e che loro non avrebbero voluto che accadesse.
Probabilmente è stata la ragazza a prendere la triste decisione, ma lui non è d'accordo che quella sia la cosa giusta da fare. Il tempo e il luogo letterali di questa canzone penso si riferiscano all'ultima volta che lei lascia la casa in cui vivevano insieme o che hanno trascorso la maggior parte del tempo intimo della loro relazione.

Down the street the dogs are barkin'
And the day is a-gettin' dark.
As the night comes in a-fallin',
The dogs'll lose their bark.
(In strada i cani abbaiano
Ed il giorno si sta scurendo.
Non appena la notte arriverà,
i cani smetteranno di abbaiare).

Questi versi descrivono allegoricamente una vita normale di periferia, con la quiete e l'oscurità che cade sulle strade suburbane alla fine di ogni giornata quando le persone si ritirano nelle loro calde case familiari. E’ una metafora per l'oscurità ed il dispiacere legati alla fine del rapporto. Non è terribile, non è violento, non è amaro, è semplicemente inevitabile e senza significato.

And the silent night will shatter
From the sounds inside my mind,
For I'm one too many mornings
And a thousand miles behind.
(E la silenziosa notte sarà distrutta
Dal suono nella mia mente,
perchè sono rimasto indietro per un mattino di troppo
ed un migliaio di miglia)

L'unica cosa che interferirsce con quel silenzio vuoto sono i confusi e rumorosi pensieri del ragazzo mentre cerca di afferrare mentalmente ciò che è successo nella sua vita. Lei se n’è andata e lui è ancora nella casa vuota, senza nulla che possa distrarlo dal pensiero del passato. E’ rimasto (non necessariamente letteralmente, forse vuol dire che lui aveva esagerato o preteso troppo da una situazione che non stava più in piedi) una mattina di troppo ed è rimasto al palo, forse non delle mille miglia che dice nella canzone, questa probabilmente è soltanto un’allegoria, resta il fatto che non saranno mai più insieme, quiindi l’idea della lontananza di mille miglia rende chiaramente l’idea della quantità del dolore e del dispiacere rimasto in tutti e due.

From the crossroads of my doorstep,
My eyes they start to fade,
As I turn my head back to the room
Where my love and I have laid.
An' I gaze back to the street,
The sidewalk and the sign,
And I'm one too many mornings
An' a thousand miles behind.
(Dall' incrocio sulla mia porta,
il mio sguardo incomincia a sfocare,
non appena giro la mia testa verso la stanza
dove il mio amore ed io siamo stati sdraiati.
Ed io fisso la strada,
il marciapiede ed il segnale,
e sono rimasto indietro per un mattino di troppo
ed un migliaio di miglia)

Il bivio sta ad indicare che la sua vita è cambiata rispetto alle sue intenzioni iniziali, quindi ora deve prendere nuove decisioni su dove andare da qui in poi. C'è una parte di lui che desidera che le cose fossero restate inalterate come prima, e l’altra che lo spinge a seguire la sua nuova strada. Lui la chiama ancora "il mio amore" e non "la cagna dall'inferno", nel senso che non odia la ragazza che gli ha fatto male, è sempre il suo amore e forse è vero il contrario, lui ha fatto male a lei.
Non posso fare a meno di mettere in relazione questa canzone con la fine della storia d’amore con Suze, schiacciata e travolta dall’improvvisa ed esagerata celebrità arrivata addosso a Dylan come un meteorite che ti cade a due passi da dove ti trovi spazzando via tutto il passato portando un futuro nuovo ed incerto che lui sarà costretto a seguire. Da quel momento in poi lui non sarà più completamente padrone della sua vita ma sarà vice versa, la sua vita si è impadronita di lui e lui dovrà viverla, che gli piaccia o no.
Mr.Tambourine


 

 
Mercoledì 6 Settembre 2017

Talkin' 10208 - dinve56

Oggetto: Musical di McPherson ed altro

Buongiorno Mr. Tambourine,
grazie di tutte le informazioni. Il successo del musical "Girl from the north country" dimostra, secondo me, che l'opera di Dylan ha enormi potenzialità narrative ed anche che è stato premiante ambientare la storia nel suo luogo di nascita; credo infatti che McPherson abbia centrato il cuore dell'ispirazione poetica di Dylan, che è rimasto legato alle sue origini. Ancora dopo l'assegnazione del Nobel ha raccontato infatti a Flanagan come si viveva a Duluth ed ha ripetuto, nella stessa intervista, di non aver mai dimenticato chi era e da dove veniva . Sheila Atim è una cantante notevole, come molte altre di origini non europee.
Ascoltarla mi ha fatto tornare alla mente le voci straordinarie delle "Queens of rhythm", di cui mi piacerebbe conoscere la carriera musicale dopo la collaborazione, dagli esiti musicalmente fantastici, con Bob Dylan,Tom Petty e gli Heartbreakers. Sempre a proposito di collaborazioni artistico-musicali, navigando qua e là in questa lunga pausa estiva, sono letteralmente incappata in alcune scoperte piacevoli, che mi hanno fatto capire meglio l'articolo di Tondelli e la sua affermazione "Dylan è il migliore, è il boss".Ho ascoltato una straordinaria "Don't fall apart on me tonight" interpretata con l'accompagnamento alla chitarra di Mark Knopfler; una "I shall be released" da brividi cantata con Norah Jones e, infine, una sorprendente interpretazione di "Dark eyes" cantata con Patty Smith. Dopo questi ascolti mi sembra che il senso delle parole di Tondelli sia che Dylan ha incrociato molti artisti dai quali la sua opera è stata valorizzata, ma ai quali ha anche dato molto della sua originalità e poeticità; insomma Dylan è davvero un protagonista imprescindibile della storia musicale del secondo novecento e oltre. Grazie in anticipo delle risposte e, soprattutto, grazie per avermi condotto, con le tue indicazioni, ad ascoltare più che a leggere le canzoni del Nostro. Ogni venerdi c'è un nuovo CD dell'opera di Dylan e l'ascolto procede, ma con alcuni intoppi: "Blonde on Blonde" mi è talmente piaciuto che mi ci sono fermata a lungo e adesso sono indietro, avendo appena iniziato a sentire "John Wesley Harding" ed essendo già uscito "Selfportrait". Quando una canzone mi colpisce particolarmente, ne trascrivo il testo tradotto e mentalmente tutte le volte ringrazio gli ottimi e pazienti traduttori, Michele Murino in testa. Grazie e alla prossima. Lunga vita! Carla.

Ciao Carla, molto probabilmente il musical "Girl from the north country" è partito col piede giusto e si è messo sulla strada giusta. Non dobbiamo dimenticare che il precedente musical "The Times they are a-changin' " ,andato in scena a Broadway alcuni anni fa, fu sospeso dopo sole tre settimane di rappresentazione. Questa volta McPherson ha evidentemente trovato gli ingradienti giusti, miscelati con cura, e la torta è venuta molto bene. Aspettiamo di poterlo vedere anche in Italia per poter esprimere un giudizio personale e non di riporto. Mi fa piacere che tu abbia cominciato ad ascoltare le canzoni di Bob, vedrai che andando avanti scoprirai un sacco di bellissimi pezzi dei quali magari non conoscevi l'esistenza. Fermati pure molto tempo ad ascoltare "Blonde on Blonde" (nome ispirato dallo spettacolo "Brecht on Brecht" rappresentato nei primi anni 60 allo Sheridan Square Playhouse, anche se una precedente rappresentazione era stata messa in scena qualche anno prima al Theatre de Lys. Allo show lavorava Suze Rotolo per allestire le scenografie e fu lei a portare Bob ad assistere allo spettacolo che lo impressionò molto), intanto accumula i dischi che ogni settimana escono fino ad avere la discografia completa. Inoltre, se per caso non ne fossi già a conoscenza, Blonde on Blonde non ha nessun significato particolare, fu solo un modo simpatico di usare le iniziali del titolo per significare "BOB". Alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

__________________________________________________________________________________________________________________

Libri: Bob Dylan - di Salvatore Esposito                                                    clicca qui

__________________________________________________________________________________________________________________

Woodstock è stato il sogno di molti e il rimpianto di tanti                     clicca qui

__________________________________________________________________________________________________________________

Quando il critico musicale ha la mano pesante                                       clicca qui

__________________________________________________________________________________________________________________

Quel maledetto di Baudelaire e il rock                                                     clicca qui

 

 
Martedì 5 Settembre 2017

Talkin' 10207 - samweller

Oggetto: Due righe due

Caro Mr.Tamburine,
sono io, Sam, ti invio qui sotto poche parole, meno possibili, nelle quali ho sentito il bisogno di raccontare perché sono affascinata da Dylan.

So che mi hai creduto di sesso maschile, ma sono una donna. Lo dico perché nel testo troverai espressioni che mai un uomo potrebbe imbastire, ma che spero non risultino eccessivamente stomachevoli ai lettori della Fattoria.

Penso che tutti i frequentatori di questo sito abbiano un ricordo simile al mio …la prima volta che hanno sentito nominare Bob Dylan. E per molti anche le circostanze saranno simili. Il fratello più grande, che è passato al liceo, è venuto a casa con una notizia incredibile da raccontarti, un tipo, un musicista cantante americano, famosissimo, è uscito con un nuovo disco.

Il disco era "Infidels".

Dopo aver pubblicato Saved, in cui si era dichiarato convertito al cristianesimo, ora pubblicava un disco intitolandolo Infedeli, aveva cambiato di nuovo bandiera? Non una cosa nuova per questo tipo, che era passato dal folk al rock, dalla musica acustica all'elettrica, dall'ebraismo al cristianesimo, dalla celebrità al ritiro.
Perché questa notizia mi colpì è presto detto. La coerenza, ora come allora, è per me una prerogativa fondamentale, uno non può essere una cosa un giorno e il giorno dopo un’altra, e allora perché questo aveva cambiato opinione, atteggiamento e persino religione, non una ma svariate volte?
Tutti parevano avere un’opinione su queste cose, ma in realtà nessuno conosceva veramente il suo pensiero.
E così mi rimase e mi rimane il proposito e la curiosità di conoscere quell'uomo, di scavare dentro le sue ragioni nel miglior modo possibile, cioè ascoltando le sue canzoni e in seguito leggendo il suo resoconto personale, i libri di altri su di lui e in questi ultimi tempi anche tramite la rete che mi dà modo di sapere che la mia ossessione non è solo mia…
Questo è il motivo. Amo Dylan perché è un mondo, non solo di canzoni, ma di visioni, di incontri, di situazioni, che si compiono nelle mille versioni che dà di sé, delle sue canzoni, dei suoi concerti.
Ma questo non è tutto e se è stato il pretesto per iniziare a conoscerlo, non avrebbe alimentato questa mia vera passione.

Innanzitutto credo che ci sia il piacere di ascoltare le sue canzoni dalle più vecchie alle più recenti, indistintamente, perché quando ascolto Freewheelin’ non riesco a sentire se Girl from the North country è una canzone datata. A me sembra scritta ieri, per me.
Quello che riesco sentire, negli sprazzi di parole che colgo, Though I cannot explain that in lines, sono Your cracked country lips e Your magnetic movements, anche se Everything passes, Everything changes e se quella volta ti ho detto che tu sei il mio Sara, non volevo indicare che dovevi farmi provare tutto Blood on the tracks dal vero.
Mi piacciono le canzoni semplici, in generale, la voce (oh, la sua voce!) e pochi accordi. Canzoni che parlano di treni e di ragazze con le labbra di campagna, ma che hanno qualcosa di non visibile, di composito, capaci di raccontare alla mia immaginazione.
Bob ha visto tutto, ha conosciuto epoche e persone che posso solo conoscere sui libri e quando “i nostri destini si incontrano dentro la sala di auditorium o di un teatro” (lasciatemi un po’ di romanticismo in questa analisi disumana di un amore), mi pare farne parte almeno per alcuni minuti.
Tutto questo si risolve, si definisce, si spiega in un’unica esistenza, nell’atto artistico che Bob esercita nell’essere se stesso, sempre, a svantaggio anche della rappresentazione che dà di sé.
saluti.

Caro il mio, o la mia, invidiabile genio nelle reincarnazioni, non sono riuscito a trovare nel tuo scritto qualcosa che mi facesse capire se sei uomo o donna, ma poi, che importanza potrebbe avere? Parli di Freewheelin' ( a proposito, Suze Rotolo dice che la parola Freewheelin' al posto di Freewheeling fu voluta da Dylan in persona in una lunga discussione negli uffici della CBS, presente Suze, perchè Bob aveva l'abitudine di scrivere come parlava, quindi la "g" finale per lui era muta e perciò non andava scritta), poi passi immediatamente, senza nessun avviso o spiegazione, a citare frasi da "To Ramona", bellissima canzone da "Another side of Bob Dylan", dall'intenso significato d'amore, che io personalmente penso sia dedidata a Suze nel periodo che li vide lontani per alcuni contrasti personali. Essere la ragazza di un fenomeno che è esploso con la potenza di migliaia di bombe Atomiche deve essere stata una cosa di una difficoltà insormontabile. In quel periodo Suze perse a più riprese la sua personalità e combattè una durissima battaglia per cercare in qualche modo di ritrovare quella ragazza che era prima di incontrare Bob. Certamente trovarsi improvvisamente a 18 anni ad essere una icona della tua generazione è una cosa che ti schiaccia col rischio che tu non riesca a rialzarti mai più. Molti si sono persi, molti han trovato la loro strada, ma per una donna ritrovarsi per tutta la vita ad essere "la ragazza della copertina di Freewheelin' ", un'etichetta che non ha avuto modo di staccare da se stessa per niente al mondo. Suze ci ha lasciato da qualche anno ormai, ma per tutti noi è e sarà semprela ragazza di Freewheelin'. Dylan è sempre stato una specie di "parassita" con le donne, professionista nello sfruttamento dei sentimenmti e delle opportunità che esse potevano dare a lui, ma sono anche convinto che abbia amato veramente Suze e veramente Sara, mentre penso che Joan l'abbia solo usata e sfruttata. Ognuna di esse ha pagato un prezzo altissimo per aver passato del tempo al fianco del "fenomeno dei fenomeni", ma le cose stavano così, era un'autostrada senza uscita, si era obbligate a percorrerla fino alla fine e sicuramente ne uscivi senza sapere più chi eri, con davanti la prospettiva di iniziare una nuova vita senza mai poter dimentricare la vecchia. C'è un'altra canzone che esprime questa realtà:

The line it is drawn
The curse it is cast
The slow one now
Will later be fast
As the present now
Will later be past
The order is
Rapidly fadin'.
And the first one now
Will later be last
For the times they are a-changin'.

A grandi linee la tua conoscenza di Dylan, il tuo approccio ed il conseguente  innamoramento artistico penso sia stata trafila comune a milioni di persone, ognuno di loro con delle sfumature mentali leggermente diverse che però portavano alle stesse conclusioni. Dylan è qualcosa di magnetico e charismatico che ti cattura prima ancora che tu possa capire il perchè, tanto poi si ha tutta la vita per cercare di capire il segreto della sua presa su di noi. In fin della fiera plagerò un pò Bob per chiudere la mia risposta perchè spero in futuro di avere notizie più interessanti per te e per tutti i Maggiesfarmers, giustamente, quando le vacche sono magre non possono produrre molto latte!

I would like still talk to you, but soon my words, they would turn into a meaningless ring,
For deep in my heart i know ther's no news i can bring.
As you wrote everything passes, everything changes, just do what you think you should do,
And someday maybe, who knows my dear friend,  i'll come to you with some brand news.

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

___________________________________________________________________________________________________________________

Libri: La Bibbia nascosta tra le canzoni di Bob Dylan                             clicca qui

 

 

Lunedì 4 Settembre 2017

Bob Dylan: in uscita il film concerto "Trouble No More"                          clicca qui

In arrivo "Trouble no more", docufilm su Bob Dylan                                clicca qui

Bob Dylan, arriva un documentario sul periodo cristiano                        clicca qui

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10206 - ivanobison

Caro Mr. Tambourine,
invio una locandina dello spettacolo che faremo il 9 Settembre prossimo alla Villa Ghirlanda di Cinisello B.
E' un replica. Quando abbiamo debuttato, lo scorso inverno, l'Auditorium del Pertini era stracolmo (oltre 200 persone). Perciò il comune offre quest'altra occasione. All'aperto, ore 20,30. Ingresso libero.
In caso di maltempo si terrà ancora nell'Auditorium.
Ti ringrazio per la gentile attenzione. Un abbraccio a tutti voi.
Ivano Bison

Grazie Ivano per la segnalazione, sono certo che i dylaniani milanesi ci saranno tutti! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10205 - Kyndcat

Subjet: Error on Triplicate lyrics - Braggin'

Hello! On the lyrics page for Dylan's latest cd "Triplicate" - http://www.maggiesfarm.eu/triplicatelyrics.html  - CD2 opens with Braggin'. However, the writer is not Artie Manners (the sax player), but Henry Manners (the piano player) who was also known as Henry Manners Katzman. Could you please change it on the webpage if you get a chance?

Grazie!

Kynan Manners Katzman (Henry Katzman's grandson)

 

Hi Kynan, your email looks to me amazing, it's really true that The Internet has made the world very small. Thanks a lot for the clarification, your uncle wrote a great music-song, I think you're proud that Bob Dylan has put it on his record. Update done! Thanks again, See you next time, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10204 - dinve56

Buongiorno Mr. Tambourine,
so che ci siamo dati pausa fino a settembre, ma sento ora al Tg3 una notizia bellissima! A Londra ha un enorme successo uno spettacolo musicale che utilizza, con il consenso di Bob, il suo repertorio musicale. Lo spettacolo narra le difficili condizioni di vita nell'America degli anni trenta, dopo la grande depressione seguita al crollo della borsa nel 1929. La colonna musicale prevede molte liriche di Dylan, tra le quali spiccano "Girl from a North Country" e "Tight connection to my heart", magicamente interpretata da una cantante di colore di cui mi sfugge il nome. Il regista dello spettacolo è l'irlandese Mcpherson, che ha avuto, da Dylan, carta bianca nell'utilizzo del suo repertorio poetico-musicale. Musica, poesia, letteratura (nello spettacolo ci sono, tra l'altro, parti recitate tratte dai romanzi di Steinbek), teatro, in uno spettacolo che, credo, non è da perdere! Speriamo prevedano tournée in altri paesi europei compresa l'Italia. A presto! Lunga vita e tight connection. Carla.

Ciao Carla, sembra proprio che questa volta Bob abbia scelto la persona giusta che ha confezionato un musical che sta avendo un ottimo successo, contrariamente all'altro musical "The Times They Are A-Changing" scritto da Twyla Tharp e presentato a Broadway chiuse dopo tre sole settimane. La cantante che esegue "Tight Connection to My Heart" è Sheila Atim.'

  

https://www.youtube.com/watch?v=0grZUoUhn_k

Ecco sotto due recensioni dello spettacolo:

A LONDRA VA IN SCENA "GIRL FROM THE NORTH COUNTRY"               clicca qui

Ascolta le canzoni dal musical 'Girl From The North Country'                   clicca qui

Alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, .o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10203 - ivanotorre

Oggetto: Una versione di Maggie's Farm

Ciao, ti chiedo un aiuto. Sto cercando una cover di Maggie's Farm che non riesco a trovare, magari tu sai dove indirizzarmi.
Si tratta di una versione elettrica, potente, piuttosto veloce, cantata da una voce che a differenza dello stile di Dylan, scandisce perfettamente le parole ed è perfettamente a tempo, con il riff di armonica/chitarra alla fine di ogni verso.
Ciò che più assomiglia a quello che sto cercando è questa versione della "Blues Band":
https://www.youtube.com/watch?v=O29WvCcp7zY

...anche se io mi ostino a pensare che la versione che ho sentito è della "Band" e la voce era di Robbie Robertson, tuttavia non la trovo, nè risulta che la Band abbia eseguito regolarmente Maggie's Farm, mi pare.
Sapresti dirmi se ti risulta una versione di Maggie's Farm fatta dalla Band? Oppure sapresti indirizzarmi meglio?

Grazie per il tuo lavoro, complimentissimi, Ivano.

La Band ha eseguito Maggie's Farm solo accompagnando Dylan, ma mai come The Band. Maggie's Farm non risulta incisa in nessuno dei dischi di studio o live pubblicati da The Band (questi dati sono ricavati dal sito internet di The Band). La versione che più si avvicina è proprio quella che hai segnalato tu, meglio non saprei indirizzarti. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

PREVIOUS PAGE - PAGINA PRECEDENTE

MOTORE DI RICERCA INTERNO

cerca in maggiesfarm.eu

ARCHIVIO NEWS