MAGGIE'S FARM

SITO ITALIANO DI BOB DYLAN

created by Michele "Napoleon in rags" Murino                                     managed by Mr.Tambourine

                                                                    

                                                                                    

invia le tue e-mail a : spettral@alice.it
il presente sito, amatoriale, non riveste alcun carattere commerciale, ma intende solo onorare l'artista cui è dedicato. I testi delle canzoni e le immagini che appaiono in questo sito sono coperti da copyright © ed appaiono a solo scopo illustrativo e di studio (diritto di citazione), appartenendo ogni titolo di proprietà e di utilizzo ai rispettivi autori ed editori. Gli aventi diritto potranno richiedere la rimozione delle pagine qualora si sentano lesi. Nella nostra personale convinzione che questo sito, come altri simili, non possa che costituire di riflesso un veicolo promozionale. Ove possibile verranno riportate le fonti.

send your e-mail to : spettral@alice.it
this amateur site has no commercial character, but will only honor the artist which is dedicated. The lyrics and images that appear on this site are copyrighted © and are for illustration purposes only and study (right to quote), and belong to each title and use to their respective authors and publishers. Rightholders can request removal of pages if they feel damages or injuried. Is our personal conviction that this site, as similar ones, can only be a reflection of a promotional vehicle. Where possible the sources will be listed.
This is an unofficial fan page, and is not affiliated with Bob Dylan

a

Lunedì 27 Giugno 2016

Indianapolis, IN - Farm Bureau Insurance Lawn at White River State Park, June 25, 2016

   

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage, Tony on standup bass)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage, Tony on stndup bass)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Tony on standup bass)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage, Tony on standup bass)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage, Donnie on banjo)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Tony on standup bass)
12. Early Roman Kings (Bob on piano, Tony on standup bass)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage, Tony on standup bass)
14. Spirit On The Water (Bob on piano, Tony on standup bass)
15. Scarlet Town (Bob center stage, Donnie on banjo, Tony on standup bass)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Tony on standup bass)
20. Love Sick (Bob center stage)

____________________________________________________________________________________________________________________

Highland Park, Illinois - Ravinia Pavilion, June 24, 2016

  

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage, Tony on standup bass)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage, Tony on stndup bass)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Tony on standup bass)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage, Tony on standup bass)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage, Donnie on banjo)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Tony on standup bass)
12. Early Roman Kings (Bob on piano, Tony on standup bass)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage, Tony on standup bass)
14. Spirit On The Water (Bob on piano, Tony on standup bass)
15. Scarlet Town (Bob center stage, Donnie on banjo, Tony on standup bass)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Tony on standup bass)
20. Love Sick (Bob center stage)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9858 - mmontesano

Recensione del libro di Marco Zoppas, Ballando con Mr. D.

http://www.tomtomrock.it/2-non-categorizzato/1082-marco-zoppas-ballando-con-mr-d-booktime-2016.html

Cordiali saluti. Marina Montesano

Grazie per la segnalazione e per la bella recensione Marina, sono certo che molti lettori si procureranno e leggeranno il libro di Marco. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Ridiamo 4 minuti e 16 secondi........con il grandissimo talento di Stivie Riks

Paul McCartney Upsets George Harrison

 

 

 
Sabato 25 Giugno 2016

Talkin' 9857 - gidiesse

Stimati frequentatori di M.F.,
non scusatemi se non riesco ad apprezzare questo Dylan trincerato dietro l’ombra di Sinatra. Ho conosciuto il grande Dylan dei decenni passati......ma questo chi é?.....Che ha a che fare con Dylan? Questo è un cantante che vive abbastanza senza vergogna di rendita avendo inserito nella sua set list un sacco di porcherie poco impegnative. Spero che un giorno Sua Maestà Bob si risvegli da questo lungo torpore e la smetta con queste pagliacciate. Ma davvero qualcuno può credere che questo sia Bob Dylan? Se è così, scusate la franchezza, mi spiace per lui perchè significa che su Dylan è scarsamente acculturato. Io tremo di rabbia e di dispiacere nel vedere un Dylan di questo livello, meglio il ritiro definitivo che queste mediocri esibizioni senza emozioni. Non importa se non sarete d’accordo con quello che ho scritto, tenetevelo per voi, io non ho voglia di discutere o rispondere a nessuno. Io la penso così e lo dico, almeno finchè questa libertà mi è rimasta.
Complimenti a Mr.Tambourine per il lavoro sul sito.
G. De Simone

Hai questa libertà caro G., certamente ci saranno un sacco di persone che vorrebbero spellarti vivo e riempirti di insulti per un paio di settimane. Io però devo dare a te la possibilità di esprimerti come ho fatto con molti altri. Spero che nessuno voglia controbatterti perchè son sicuro che non risponderai, fedele al principio "Io ho detto la mia, voi pensatela come volete!". Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Venerdì 24 Giugno 2016

Lincoln, Nebraska - Pinewood Bowl Theater, June 22, 2016


  

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage, Tony on standup bass)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage, Tony on stndup bass)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Tony on standup bass)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage, Tony on standup bass)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage, Donnie on banjo)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Tony on standup bass)
12. Early Roman Kings (Bob on piano, Tony on standup bass)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage, Tony on standup bass)
14. Spirit On The Water (Bob on piano, Tony on standup bass)
15. Scarlet Town (Bob center stage, Donnie on banjo, Tony on standup bass)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Tony on standup bass)
20. Love Sick (Bob center stage)

___________________________________________________________________________________________________________________

Berkeley, California - Greek Theatre, June 9, 2016

by Mark Chamberlain Stevens

Riepilogo molto breve: il mio 21° spettacolo dal 1988. Il suono era molto buono questa sera, soprattutto nelle canzoni sinatriane, anche se ho avuto qualche problema nel sentire Tony nelle prime 3-4 canzoni. La scaletta "scolpita nella roccia" funziona molto bene. Io sono molto più abituato al cambio di brani ogni sera, ma il modo in cui Bob ha mescolato il proprio materiale con le classiche cover è magistrale. L'unico "pollice verso" era "Autumn Leaves" ... la band era buona, la voce di Bob solo in difficoltà su alcune note, potrebbe essere necessario abbassare di un tono la canzone. Davvero bello il nuovo arrangiamento di "Tangled", per me era nuovo, ma ho avuto una pausa dal 2010. Come musicista, sono stato solleticato da come Bob ora permette alla band di "improvvisare” e staccare tra le canzoni, da una piacevole sensazione di scioltezza al set, soprattutto quando a Charlie è statopermesso suonare il grande riff power-chord di "Free Bird" .... Io non riuscivo a smettere di ridere. La band è sempre stata molto stretta con Bob, ma i cambiamenti hanno permesso loro di affondare nelle nelle canzoni in un modo più incisivo di prima. Torno domani sera.

 

 
Giovedì 23 Giugno 2016

Kansas City, Missouri - Starlight Theatre, June 21, 2016

  

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage, Tony on standup bass)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage, Tony on stndup bass)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Tony on standup bass)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage, Tony on standup bass)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage, Donnie on banjo)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Tony on standup bass)
12. Early Roman Kings (Bob on piano, Tony on standup bass)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage, Tony on standup bass)
14. Spirit On The Water (Bob on piano, Tony on standup bass)
15. Scarlet Town (Bob center stage, Donnie on banjo, Tony on standup bass)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Tony on standup bass)
20. Love Sick (Bob center stage)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9856 - giuseppe

Ciao Mr.T., come stai ??? Tutto bene ?? Volevo ringraziarti per le notizie sulla Dylan's week e proporti una recensione del nostro nuovo disco. Ti invio un paio di mp3 ma potrei mandarteli tutti i brani se vuoi!
E questo nuovo disco che e’ davvero bello e mi rende felice e se leggi e ascolti scopri perche’.
Loveonyou
Giuseppe Oliverio



ROCK COVERS

America, Australia, Danimarca, Italia e Olanda scivolano in Rock Covers sui pentagrammi consumati di storia e maestria degli Acquaraggia: il mondo intero presta le sue voci più giovani e audaci alle 16 tracce inedite che spettinano di novità le corde della chitarra di Giuseppe Oliverio, determinato a fondere in un unico disco l’Eldorado che Firenze ha rappresentato ai propri sogni e a quelli delle promesse che partecipano all’ultima avventura discografica.
La tracklist è punteggiata anche da brani originali, fra le quali trova spazio il racconto del fortunato incontro tra la band fiorentina e la rockstar scozzese Paolo Nutini.

Finalmente un disco nuovo targato Acquaraggia . E che razza di disco !
16 canzoni nuove di zecca scritte da diversi autori setacciati un po’ in ogni dove.Giovani songwriters Americani, Olandesi, Danesi, Australiani, e ovvio anche italiani, venuti a Firenze per esibirsi negli open mic e reclutati da Giuseppe Oliverio per offrire una canzone al progetto. Ecco l ‘effetto del titolo “ Rock Covers “. Sono effettivamente Covers, o brani inediti per il grande pubblico, rivitalizzati dalla forza di una band storica con musicisti di una eccezionale perizia . Nella compilation anche 3 brani originali, tra cui uno dedicato all’incontro fortunato tra la band e la rockstar britannica Paolo Nutini avvenuto dopo aver smesso il sogno giovanile di un incontro con David Bowie. The wild eyed boy from the Freecloud, che prima era Bowie, ora e’ Paolo Nutini, investito della carica di messaggero degli Dei del Rock, direttamente dalla Montagna detta Nuvola Libera. In corollario la copertina, Cover di uno storico album, Exiles on Main Street.


  http://www.acquaraggia.it/

OFFICIAL DISCOGRAPHY

acquaraggia 1981
gli ex fuorilegge si sposano 1990
live 1995
archeologie 2000
nightpubbing 2004
la torta in fondo al cielo 2007
rock covers 2016

BOOTLEG
acquaraggiasingdylan 2005

Ciao Giuseppe, grazie per la segnalazione e complimenti per i brani, li ho ascoltati con piacere ed interesse. Spero che tanti Maggiesfarmers siano incuriositi da questo vostro nuovo lavoro ed entrino a far parte dei vostri  fans. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Mercoledì 22 Giugno 2016

Eugene, Oregon - Cuthbert Amphitheater, June 7, 2016

by Jeff Harrison

Beh, io insegno Dylan in un corso universitario, e ho visto Dylan per
più di 40 anni, e per lungo tempo è stato divertente discutere quale spettacolo era stato il migliore. Nessun concerto negli ultimi 15 anni non ha mai avuto la mia nomina.
Ho letto le recensioni degli ultimi anni, e mi chiedevo sempre perchè diamine queste persone sostenevano che stava facendo cose iperboliche che tutti dovevano vedere. Non avevo nemmeno intenzione di andare allo spettacolo di Cuthbert la notte scorsa, ma un amico mi ha detto che dovevo e mi ha dato un biglietto, allora ho detto ok. Sono veramente contento di averlo fatto. Il clou effettivo della serata per me avrebbe potuto vedere l'aquila volare sopra la folla poco prima che Dylan salisse sul palco
(cosa che ha un sacco di significato speciale per me). Questo non vuol dire che lo spettacolo non era meraviglioso: in realtà lo era. Naturalmente sapevo la scaletta, e non mi aspettavo miracoli tipo Mavis che si unisce a Dylan per "Blowin' in the Eind" o una esecuzione rievocatoria di " Who Killed Davey Moore", no, niente sorprese, ma la band, le canzoni, la folla e soprattutto lui, tutto ha funzionato perfettamente per una serata speciale. Il mix mi ha permesso di sentire le parole delle "nuove canzoni" in modo che non aveva mai sentito prima, e ho capito che Dylan ha scelto queste canzoni con attenzione. Ogni canzone ha qualcosa di "Dylanesque", sia retoricamente o per significato, e quando qualcuno vicino a me si chiedeva se mai parla alla folla, ho detto "Costantemente, in ogni canzone." Credo che il tempo di discutere su quale show sia stato il migliore sia finito. Io apprezzo quelli vecchi, che variavano enormemente e si contendevano il titolo di "il più grande", ma sono ancge felice che gli attuali sono quello che sono.

Ci tornerei, e potrei anche pagare la prossima volta!

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9855 - alessandrocai85

Non so se ne avete già parlato.
Pessima notizia, provo un grande dispiacere per la persona ed è una grande perdita per l'intera musica.
Avrei voluto vederlo suonare dal vivo...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/14/eric-clapton-una-malattia-degenerativa-impedisce-a-slowhand-di-suonare-la-chitarra-eppure-considero-una-gran-cosa-essere-ancora-vivo/2829210/

Alessandro.

Volevo proprio parlarne oggi ma è giusto che dia la ptrecedenza alla tua segnalazione. Thanks a lot, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Forse Dio non suonerà più!

«La scritta “Clapton is God”? L’ho vista solo in una fotografia, scattata tra l’altro mentre un cane ci stava pisciando sopra! Meglio così, nessuno l’aveva presa sul serio... anche se io per un po’ ci ho creduto» - (Eric Clapton)

 

_____________________________________________________________________________________________________________________

Eric Clapton fa molta fatica a suonare                                                        clicca qui

 

 
Martedì 21 Giugno 2016

Morrison, Colorado - Red Rocks Amphitheatre, June 19, 2016

   

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage, Tony on standup bass)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage, Tony on standup bass)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Tony on standup bass)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage, Tony on standup bass)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage, Donnie on banjo)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Tony on standup bass)
12. Early Roman Kings (Bob on piano, Tony on standup bass)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage, Tony on standup bass)
14. Spirit On The Water (Bob on piano, Tony on standup bass)
15. Scarlet Town (Bob center stage, Donnie on banjo, Tony on standup bass)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Tony on standup bass)
20. Love Sick (Bob center stage)

___________________________________________________________________________________________________________________

Dylan - Scarlet Town, All Or Nothing At All, Long And Wasted Years, Autumn Leaves

 

 

 
Lunedì 20 Giugno 2016

Woodinville, WA - Chateau Ste. Michelle Winery, Chateau Ampitheatre, June 5, 2016

di Thomas Lallier

Alla ricerca del set perfetto.

Chi sapeva Bob è un romantico! Gli spettacoli di Seattle erano puro Bob versione 18.
Le cose sono certamente cambiate ed i cambiamenti sono grandi. Il luogo era spettacolare, grazie a tutte le belle persone e la sicurezza della struttura di Chateau Ste. Michelle. I grandi numeri elettrici erano caustiche immagini della difficile conduzione di un amore perduto, e le forti emozioni amare che vanno di pari passo con l'amore non corrisposto.
Dylan ha inframmezzato le sue grandi canzoni con 7 canzoni di Sinatra d'amore struggente che erano dolci, con il desiderio di ritrovare un vecchio indimenticato amore. Se non avete visto questa versione aggiornata di Bob, non perdetevi queste gemme nelle prossime date. C'è anche una consapevole realizzazione che il sole di Bob sole tramonterà presto. Egli manifesta una grande malinconia che è alla base di gran parte dello spettacolo. Questo Duquesne Whistle sta passando, non lasciate che se ne vada senza di voi.

P.S. Grazie Charlie per il lavoro di chitarra nelle canzoni di Sinatra.

____________________________________________________________________________________________________________________

Coachella, dentro un festival da leggenda                                                 clicca qui

____________________________________________________________________________________________________________________

STAIRWAY TO HEAVEN vs TAURUS: Page e Plant accusati di plagio      clicca qui

____________________________________________________________________________________________________________________

MY BACK PAGES

 

Bob Dylan acoustic guitar, Roger McGuinn Rickenbaker 12 strings, Al Kooper organ,Tom Petty acoustic guitar, Neil Young Gibson Les Paul Custom, Eric Clapton Fender Stratocaster, Steve Cropper signature Peavey Guitar, G.E. Smith Gibson ES 335, Jim Keltner drum, George Harrison acoustic guitar, Don Was bass, Bobby Clancy tambourine.

 

 
Sabato 18 Giugno 2016

Los Angeles, California - Shrine Auditorium, June 16, 2016

  

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage)
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9854 - roberto

Oggetto: Dylan e la fede

Dear Mr. T,
grazie ancora, infinite, per il tuo prezioso lavoro per tutti noi Farmers, sei impareggiabile. Ovunque mi possa trovare, in Italia o all'estero, un'escursione sulla Farm non me la faccio mancare. Complimenti ancora a te e a tutti coloro che scrivono sui vari argomenti.
Non sono sempre d'accordo con ciò che leggo ma è bellissimo leggere le opinioni di chiunque in merito.

Avevo già scritto a suo tempo riguardo Bob e la fede (ebraica e cristiana).
"lo posso ascoltare in “Un angioletto come te”, è incantevole, ma certamente non è più Dylan, è De Gregori, come del resto è giusto che sia. Condizionato da troppa conoscenza del testo, ho notato subito che le forti allusioni religiose del testo sono (inevitabilmente) sparite" (A.Carrera).
"Inevitabilmente sparite". Sparite per "non conoscenza biblica".
Dovuta certamente alla nostra italica storia, dove la Scrittura è stata colpevolmente negata per secoli.

Ma Neighborhood Bully è sempre lì.
A tal proposito mi permetto di segnalare questa iniziativa degli ebrei di Firenze:

http://www.gonews.it/2016/06/15/eventi-alla-sinagoga-museo-le-stelle-david-un-omaggio-bob-dylan/

I pay in blood, but not my own
Roberto

Ciao Roberto, grazie per la significativa segnalazione, e naturalmente un grosso grazie personale per le belle parole rivolte al mio lavoro. E' sempre una bella soddisfazione sapere che fai qualcosa che in un modo o nell'altro è gradito ed apprezzato da molti. Come dici giustamente tu De Gregori non è Dylan, anche se il nostro Principe ha passato una vita cercando in Bob ispirazione ed a volte imitandolo senza imbarazzo.

Tu sai dove abito e credo ti ricordi che ti devo una pizza, quando te la senti fammi un avviso. Un arrivederci alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Venerdì 17 Giugno 2016

Bob Dylan dice "Fanculo!". Alla fine coverizza "Free Bird"

Più di un decennio nella carriera di Bob Dylan, otto anni dopo che lui era andato elettrico, e proprio prima che lui era in tour dopo una pausa, alcuni ragazzi di campagna dalla Florida pubblicarono una canzone chiamata "Free Bird".

Per 43 anni, le persone hanno urlato "Free Bird" ai concerti. E non solo negli show dei Lynyrd Skynyrd, è stato urlato negli spettacoli punk, negli spettacoli di jazz, negli spettacoli di hip-hop, in spettacoli pop, e, sì, anche neglio show di Bob Dylan. Chissà quante volte Dylan l’avrà sentito?
Lui è in piedi sul palco, una leggenda vivente, suonando alcune delle canzoni più celebri mai scritte, e qualche ubriaco, che non si rende conto che è la battuta più abusata nel rock, urla "FREEE BIIIIRRRRDDDD”" dal pubblico.
Questo è esattamente quello che è successo la scorsa settimana al salone di Berkeley, in California alla fine dello show di Dylan.
Qualcuno sul retro del Teatro Greco ha avuto l'audacia di urlare a uno spettacolo di Bob Dylan (ripeto, auno spettacolo di Bob Dylan!). E dopo 43 anni, Dylan ne ha avuto abbastanza. Dylan probabilmente si è girato verso la sua band ed ha gracchiato “”Cazzo, hanno vinto, iniziate questa dannata “Free Bird”, così Charlie ha cominciato.

Ora sapete come sono,andate le cose, perciò smettere di chiedere.

(Fonte: http://www.esquire.com/entertainment/music/news/a45844/bob-dylan-free-bird-cover-video/)

 

 
Giovedì 16 Giugno 2016

San Diego, California - Humphreys Concerts by the Bay, June 14, 2016

  

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage)
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9853 - laura.mascherpa

Buongiorno a tutti,
vorrei segnalarvi la presentazione del libro di Marco Zoppas, "Ballando con Mr D." - Nessuno canta il blues come Bob Dylan", edito da La Vita Felice.
Giovedì 23 giugno 2016, presso la libreria Mangiaparole in via Manlio Capitolino 7/9 (M Furio Camillo) a Roma, dalle ore 20, verrà presentato il libro "Ballando con Mr D. - Nessuno canta il blues come Bob Dylan", con una breve serie di letture alternate all’esecuzione di alcuni brani di Bob Dylan da parte di Andrea Angelini (voce e chitarra), Ugo Moretti (chitarra) e Aldo Marracino (basso).
Per informazioni: https://www.facebook.com/Marco-Zoppas-791339204336661/
Laura

Grazie per la segnalazione Laura, specie per i dylaniati romani, per gli altri, possoni trovare il libro all'indirizzo sotto:

http://www.ibs.it/code/9788862182706/zoppas-marco/ballando-con-nessuno.html

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan fa un favore al fastidioso fan a Berkeley suonando davvero “Free Bird”.

Hai visto quel ragazzo. Emerge da qualche angolo oscuro del pubblico, forse ubriaco, goffo nell’aprirsi la strada attraverso la folla ipnotizzata dal dio del rock sul palco. Si sporge in avanti accanto al tuo orecchio, disturbando brutalmente il tuo sogno ad occhi aperti con un acuto, penetrante grido:
"FREEBIIIIIIRD!!!!!!!!”
Gli occhi della folla cercano in mezzo al pubblico il volto dell'uomo che ringhia miseramente. Egli è l'unico a ridere.
Ma appena prima che il vostro disgusto vi spinga ad affondare il gomito nella cassa toracica di questo stupido folletto, ecco un riff di chitarra. Tutti si girano verso palco.
Porca miseria, la band di Bob Dylan sta suonando davvero “Free Bird".

Per lo shock del pubblico di Berkeley, Dylan ha chiuso il suo set al Greek Theater la settimana scorsa, caratterizzato dalle cover di alcune delle canzoni più famose di Frank Sinatra tratte dal suo ultimo album "Fallen Angels", con un imprevisto hiot dei Lynyrd Skynyrd del 1973 intitolato "Free Bird".

(Fonte: http://www.sfgate.com/music/article/Bob-Dylan-obliges-annoying-fan-in-Berkeley-by-8132776.php#photo-10130042
Bob Dylan obliges annoying fan in Berkeley by actually playing 'Free Bird')

Come ho già scritto nei giorni scorsi, chiedere come bis "Free Bird", vecchio hit dei dei Lynyrd Skynyrd, è diventato una cosa abbastanza comune, così è successo che questo ragazzo, forse un pò più bevuto del normale. forse annoiato dalle tante canzoni sinatriane inserite nella set list, si è fatto strada fin sotto il palco gridando "Freebird"! Lo show era finito ma Dylan e la band erano ancora ai loro posti in procinto di allineanrsi sul palco per ricevere l'applauso del pubblico. Dai filmati non si riesce a capire come siano andate le cose. fattostà che inaspettatamente Charlie Sexton ha iniziato a suonare il famoso power-riff della canzone e gli altri l'anno seguito per una quarantina di secondi.   

 

 
Mercoledì 15 Giugno 2016

San Diego, California - Humphreys Concerts by the Bay, June 13, 2016

     

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage)
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)

__________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9852 - sewe.14

Ciao Mister. Sono dylaniato ormai da decenni, seguo sempre la" Farm"anche se è un pò che non scrivo più. Mi rifaccio vivo perchè alla soglia dei cinquant'anni (se tutto va bene scoccheranno a settembre) mi sono fatto un regalo e ho pubblicato un libro dal titolo "Qualcuno dice che io sia un poeta :) ". E' composto dalle "poe" (simil poesie, racconti brevi in rima e non, storielle, pensieri) una parola che nel dialetto della mia terra significa "bambole", inoltre Poe è anche il cognome del
famoso e inarrivabile Edgar Allan (magari le mie composizioni vi inquietassero come le sue!) ma come avrete capito, io uso questa abbreviazione del termine poesia, per mantenere le debite distanze da un termine cosi grande. Inutile dire che i riferimenti dylaniani si sprecano all 'interno del libro, la copertina e il titolo stesso ( il lol lo aggiunto io :)) rimandano a "His Bobness". Se vi può far piacere vi mando due composizioni che sono nettamente ispirate dal Nostro. Mi scuso se mi sono dilungato troppo, grazie per aver mantenuto in vita il sito che guardo quotidianamente da tanti anni. Live and long prosper Mr.Tambourine and Farm's friends.

Marco Severgnini

  

La risposta
L’armonia dei movimenti, la pulizia dei colpi, il silenzio degli innocenti, la fisiognomica dei volti, Il fruscio del denaro, il fragore delle esplosioni, l’abbattimento dei confini, il crollo delle nazioni, i progressi della ricerca, la luce dei terminali, le scoperte incredibili, l’estinzione degli animali. Ogni cosa esamina l’osservatore attento, non capacitandosi di come la risposta continui a sbuffare nel vento.
 

Prima
Inesorabile il tempo avanza, non rimane quasi nulla di quello che amavi fare nella tua stanza. Finita l’epoca in cui le canzoni cambiavano il mondo, poterle cantare ancora, aiuterebbe a risollevarti dallo sprofondo. Indovinare per primo quale era il brano camuffato proposto dal maestro, ti dava lustro agli occhi degli altri adepti, garbugli di concetti, ritornano sotto forma di capestro. Nell’aria c’era la rivoluzione, di notte la musica riempiva i locali, energia e novità si propagavano veloci, ma ora che fine hanno fatto quelle voci? Sotterrato dalla vita, vorresti essere a questo punto del percorso in un altro posto. Forse in paradiso, anche se senti che ti è nascosto, ti è negato. Poco male, coi tempi che corrono, c’è il rischio di trovarci un apatico talent show sponsorizzato.


Caro Marco, grazie di seguirci da anni e grazie per le due "poe" che hai allegato. Le ho apprerzzate moltissimo, anzi, appena passo da una libreria chederò del tuo libro che mi sembra davvero interessante. LIve long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

__________________________________________________________________________________________________________________

“Fallen Angels” in cadura libera fuori dalle classifiche

Sulla base delle classifiche in 10 paesi, è evidente che il secondo album di Dylan con le canzoni sinatriane, " Fallen Angels”, non sta andando così bene come il primo “Shadows In The Night”. I primi riscontri di questa settimana sono più bassi delle prime due settimane. Le vendite dell’album sono rapidamente in calo (in 3 paesi sono già uscite dai top 100 delle classifiche, in altri 3 paesi quasi fuori dalla top 100 con posizioni all’ 82°, 88° e 100° posto. L’album sembra andare meglio in Norvegia, Paesi Bassi, Irlanda e Italia. Anche il Metascore ed il punteggio utente sono minori di quello per Shadows in the Night: rispettivamente 77 contro 82 e 73 contro 76. Pare dunque confermato il giudizio preventivo che diceva che Fallen Angels non corrisponde alla qualità di primo “Shadows In The Night”.

(Fonte: https://mastermindmaps.wordpress.com/2016/06/11/album-fallen-angels-falls-fast-off-the-charts/)


 

 
Martedì 14 Giugno 2016

Talkin' 9851 - gianola.aldo

Ciao Mr. Tambourine! Come stai?
la domanda è: secondo te, in linea con l'intento "revival" del Desert Trip che si terrà in Ottobre a Indio, Bob cambierà la set list oramai scolpita nel marmo o continuerà imperterrito col solito tour???
E inoltre pensi che verranno tratti CD e DVD dal concerto? Si tratterebbe della prima release ufficiale di un concerto di bob dall' Unplugged se non erro!
Ciao e buona vita!
Aldo


Ciao Aldo, due domande alle quali è impossibile rispondere. Proviamo però ad azzardare una previsione:

1) Visto il contesto molto probabilmente in chiave "revival" di Desert Trip ritengo che rischiare un set con l'attuale set list sia una mossa sbagliata per Dylan. La folla si aspetterà da tutti una set list composta da "Oldies but Goldies" da tutti i partecipanti, quindi io, se fossi al posto di Bob ci farei sopra una bella riflessione e per quel paio di concerti toglierei le canzoni sinatriane a favore di qualche canzone dylaniana, qualunque, purchè sia di Bob! Ma io non sono Bob!!!!! :o)))))))

2) Verrà tratto un DVD o un CD da quel concerto? E' possibilissimo, visto che le vendite di "Fallen Angels" sono in caduta libera in tutto il mondo, ma forse era anche prevedibile, due dischi sinatriani sono forse troppi anche per Bob!

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9850 - antonio.bianchetti

Il Gruppo Letterario Acàrya è lieto di invitarvi alla presentazione del romanzo
AMORE MENO ZERO di Stefano Rizzo - venerdì 17 giugno alle pre 21,15
Centro Civico Comunale in Via grandi 21 - Como
Stefano Rizzo è stato il primo a tradurre i testi di Bob Dylan in Italia per la Newton Compton
Vi alleghiamo i file di presentazione
Cordiali saluti
P.S. Fate girare pure l’invito ai vari “dylaniati” sparsi ogni dove

____________________________________________________________________________________________________________________

All’Acarya il romanzo del traduttore di Bob Dylan                                    clicca qui

 

 
Lunedì 13 Giugno 2016

Santa Barbara, California - Santa Barbara Bowl, June 11, 2016

 

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage)
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)

__________________________________________________________________________________________________________________

Berkeley, California - Greek Theatre, June 10, 2016

   

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage)
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)

___________________________________________________________________________________________________________________

Berkeley, California - Greek Theatre, June 9, 2016
 

   

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You (Bob Center Stage)
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)
21. Free Bird (instrumental - Allen Collins/Ronnie Van Zant) - debut live


(Nota: Free Bird è diventato un classico cliché del rock, ovvero viene spesso richiesta come "bis" al termine della scaletta di un concerto. Nello specifico, è diventata consuetudine che gli spettatori richiedano a gran voce Free Bird a dispetto dell'artista o del genere musicale dello stesso. Il fenomeno iniziò negli anni settanta con Whipping Post dei The Allman Brothers Band, che veniva richiesta dal pubblico in maniera simile. Un episodio relativo a questa scherzosa tradizione accadde anche durante il celebre concerto acustico dei Nirvana a MTV Unplugged dove uno spettatore urlò: «Free Bird!» in risposta alla domanda di Kurt Cobain su quale pezzo il pubblico volesse che il gruppo suonasse. La band rispose ironicamente accennando Sweet Home Alabama, un altro famoso brano dei Lynyrd Skynyrd.

Bob Dylan & His Band playing Freebird - 06/09/16 - Greek Theatre, Berkeley, CA 

 

 
Venerdì 10 Giugno 2016

Woodinville, WA - Chateau Ste. Michelle Winery, Chateau Ampitheatre, June 5, 2016

Bob Dylan canta Sinatra a Chateau Ste. Michelle

In concerto l'auto-indulgenza è spesso nemica del pubblico. E Bob Dylan può essere un artista molto auto-indulgente. Inaspettati al punto di far ridere, i suoi ultimi due album sono caratterizzati dalle inutili covers di Frank Sinatra, un musicista diametralmente opposto a quello che Dylan ha rappresentava in tutta la sua carriera. E così, come dimostrato prima di esibirsi al lussureggiante Chateau Ste. Michelle Winery, ha ribadito che intende passare l’estate con set di sognanti melodie di Old Blue Eyes.

Se questo può suonare terribile, state certi che non lo è. Vestito da cowboy in abito grigio, cappello bianco a tesa larga, camicia bianca, stivali bianchi e cravatta di cuoio, il 75enne vecchio Dylan sembrava giocoso e arzillo in un giorno di 93 gradi, che ha costretto l'ultra-ispirata Mavis Staples a commentare, "Chi ha pregato per questo caldo? Avevamo abbastanza caldo già prima".
Le tracce sinatriane, da “Melancholy Mood” a “I’m Fool to Want You” fino a “I Could Have Told You” e “Autumn Leaves”, trovano un Dylan che pronuncia le parole in un modo che si permette di rado di fare nelle sue composizioni, e dimostrare così che può cantare una bella melodia se davvero si concentra su di essa. Naturalmente, è raro che si concentri così (ringhiare sembrerebbe essere il suo metodo preferito di comunicazione), cosa che rende una rivelazione ascoltarlo in queste canzoni.

Detto questo, sono sicuro che la metà del pubblico del parco ha palesato una diffusa sensazione di perplessità e di certa delusione per quello che Dylan ha fatto nello show. I brani da Tempest sono stati belli, ma così completamente riarrangiate "Tangled Up in Blue" e "Blowin' in the Wind" sono state rese irriconoscibili melodicamente (Sollevata dal contesto negativo, tuttavia, questa riconversione suonava fresca di inventiva, con una pedal steel scintillante). Se vi aspettavate un Dylan che vi ripoprtasse ai tempi dei folk-clubs del Greenwich Village degli anni '60, probabilmente vi sareste sentiti turlupinati. Certo aspettarsi qualcosa da Dylan sarebbe incredibilmente stupido, dato che ha trascorso l'ultimo mezzo secolo, abilmente o diabolicamente, disattendendo le aspettative del pubblico.
Quindi, anche con una musica pazza, gente, Bob non dovrebbe essere in nessun altro modo. Ma vi rendete conto che state assistendo ad un vero “americano originale”, qualcuno che con coraggio ha cancellato la facilità di percorre una superstrada ben illuminata. Galleggiare come una farfalla, pungere come un'ape, vedrete un altro Bob Dylan.

(Fonte: http://nodepression.com/live-review/bob-dylan-sings-sinatra-chateau-ste-michelle-woodinville-washington)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan sta pianificando un terzo album di covers di  Frank Sinatra?

L'anno scorso, non molto tempo dopo Bob Dylan ha pubblicato il suo album “Shadows In The Night” di covers di Frank Sinatra, ha iniziato nei concerti dal vivo ad eseguire ulteriori canzoni di Sinatra nelle sue scalette: “All or Nothing At All”, “Come Rain or Come Shine” e “Melancholy Mood”. Noi avevamo scritto, scherzando, "Shadows Volume 2 potrebbe essere più vicino di quanto si pensi". Beh,... Sei mesi dopo, egli ha effettivamente annunciato un secondo album di covers di Sinatra, e tutte quelle nuove canzoni erano contenute in esso. Questo secondo album “Fallen Angels” è ormai pubblicato e, ancora una volta, ha aggiunto una nuova canzone di Sinatra alla sua scaletta, canzone che non è sui due precedenti albums sinatriani. Questo significa che possiamo aspettarci un terzo album di canzoni di Sinatra?
La nuova canzone questa volta è "I Could Have Told You", un singolo di Sinatra pubblicato nella metà degli anni '50. Se avete sentito i primi due album, sapete cosa aspettarvi: Bob canta bene queste covers su un supporto di jazz di buon gusto. Forse un pezzo non inserito nell’album come non lo sono state altre registrazioni di covers, pezzi come “Didn’t He Ramble”e “Stormy Weather”, registrate ma non pubblicate. Potrebbe essere il momento di cominciare a pensare a quali altre canzoni potrebbero esserci su un eventuale “Bob Sings Frank album III”. Se il passato insegna, potremmo avere visto giusto.

(Fonte: http://www.covermesongs.com/2016/06/is-bob-dylan-planning-third-sinatra-album.html)

 

 
Giovedì 9 Giugno 2016

Eugene, Oregon - Cuthbert Amphitheater, June 7, 2016

  

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)

_____________________________________________________________________________________________________________________

The Seattle Times: Sfogo e rabbia: sul concerto di Bob Dylan al Chateau Ste Michelle

Lo sfogo e la rabbia dei lettori circa il concerto di Bob Dylan a Chateau Ste Michelle

Rancore e rabbia per le sublimi performances di Bob Dylan con le grandi canzoni al concerto di Chateau Ste Michelle Winery. Infuriati con le persone del pubblico che continuamente rovinavano la visuale girovagando distrattamente, invece di usare le buone maniere e rimanere nella zona di prato o delle poltrone quando i musicisti stavano suonando. C'erano un sacco di opportuni intervalli per muoversi; durante le canzoni non era uno di quelli.
Rabbia per Bob Dylan che pensa di poter cantare. Doppio sfogo per un folto gruppo di appassionati di musica dietro di noi che hanno parlato ad alta voce per l'intera esecuzione. Il concerto è stato un totale spreco di denaro!

Il Seattle Times pubblica i lamenti e lo sfogo dei lettori in base allo spazio disponibile. Ci riserviamo il diritto di modificarne per la lunghezza o il contenuto. Inviate il vostro commento a: rantandrave@seattletimes.com. Per ulteriori Rant & Rave, consultare il nostro forum: forums.seattletimes.com.

http://www.seattletimes.com/life/rant-rave-bob-dylan-at-chateau-ste-michelle/

Io video sembra confermare questo esagerato via vai di gente che sembra disinteressarsi di quello che sta succedendo sul palco:

 

 

 
Mercoledì 8 Giugno 2016

Woodinville, WA - Chateau Ste. Michelle Winery, Chateau Ampitheatre, June 4, 2016

di Claire e Roger Cutler

Bello spettacolo. Sempre glorioso vedere His Bobness!

Il tempo era perfetto per un concerto all' aperto e il luogo è meraviglioso. Abbiamo potuto acquistare una bottiglia di vino di fama mondiale per $ 20 presso la cantina e portarla con alcuni bicchieri per assistere allo spettacolo, ben lungi dalle "2 oz plunk" (la "2 oz plunk" è una confezione di confetti per eliminare le larve delle zanzare dalle vasche, dalle piscone e dalle pozze d'acqua, l'autrice probabilmente l'ha confusa con lo spray anti-zanzare) a $ 7 presso la maggior parte dalle bancarelle ai concerti. Molte persone sul prato si sono godute un pic-nic con vino, formaggio e uva. Forse qualcuno ha iniziato con una bottiglia di Borgogna prima di passare a roba più alcoolica.

Bob è stato grande. Venti canzoni, la maggior parte dei quali tratte dai lavori più recenti (Fallen Angels, Tempest). Solo 3 classici:
1) Blowin' è stato una grande esecuzione con la folla trafitta dalo genio totale e forse mortificata dal fatto che stiamo ancora cercando la risposta.
2) She Belong to Me, un sorprendente gioiello che riporta a tanti ricordi.
3) La melodia della notte,Tangled Up In Blue. Bob ancora una volta ha completamente modificato il testo, cosa che gli ho visto fare tante volte, lasciar fuori il verso del poeta italiano del 13° secolo. Questo spettacolo ha incluso quel verso, ma drammaticamente cambiato. Purtroppo ha lasciato fuori il verso della “revolution in the air". Difficile credere che a 75 anni Bob è ancora in grado di fornire ulteriori approfondimenti e orientamenti sulle sue / nostre esperienze.

Le canzoni di Fallen Angels erano molto ben eseguite e la voce di Bob è adattissima ad esse. I brani sono stati ben accolti, ma senza dubbio molti ne volevano di più tratti dai suoi albums precedenti. Grandissime canzoni, ma semplicemente non hanno la sostanza delle creazioni di Bob.

L'ultima canzone della serata è stata Love Sick, straordinariamente toccante.
La folla, che è stata sgradevomente calma per la maggior parte della notte, si è avvicinata al palco quasi ballando, per lo più solo cercando di avvicinarsi a “Colui che ha cambiato tutto”. Siamo stati fortunati ad essere stati davanti al palco vicinissimi al “Saggio” che era sorprendentemente concentrato nell’ esecuzione della canzone. Affascinante!
Una grande serata! Ci saremo di nuovo domani sera! Speriamo di avere qualche canzone diversa, ma anche un replay di stasera andrebbe bene.

Claire e Roger Cutler

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

di Pamela Balch

Primo concerto del tour estivo in Nord America! Molto atteso da me e da tutti gli altri devoti di Bob Dylan.

Mi è piaciuto molto sentire Mavis Staples che ha aperto per Bob, lei è fantastica! Era afflitta da un po' di raucedine e sorseggiava molta acqua. Un po' di umana vulnerabilità, insieme con la sua assoluta simpatia. Cantava le canzoni con tutta la sua anima e tanto power, suo marchio di fabbrica. Lei usa quella profonda voce roca che fa un impressionante
effetto, e si diverte a farlo! Ha interagito col pubblico, e ha ottenuto che la folla cantasse con lei, battendo il tempo con le mani e ballando nel numero finale.

C'è stata una pausa piuttosto lunga mentre il palcoscenico veniva sistemato per Bob e la sua band. Poi improvvisamente la band è salita su, seguita da Bob Dylan stesso con un un grande boato di applausi. Bob sembrava immacolato come sempre in un abito casual-occidentale nero rifilato con una striscia bianca su entrambi i lati della giacca e dei pantaloni, con stivali bianchi e cappello bianco. La band indossava abiti marroncino e cappelli scuri (George Recile con il suo solito berretto). Il sole era ancora brillantemente illuminante e caldo quando hanno iniziato.

Si sono inoltrati rapidamente nel primo numero e difficilmente han fatto pause tra le canzoni. La band suonava grande come sempre. C'era un terzo chitarrista oltre a Charlie Sexton e Stu Kimball, forse Dean Parks, che ha suonato nel nuovo album Fallen Angels. (Da dove ero non ho potuto vedere le facce, nemmeno con il mio binocolo.) Bob era molto leggero con l'armonica in questo concerto, ma ha avuto applausi in “She Belong To Me” La band ha mantenuto la caratteristica di un atteggiamento serio, concentrandosi sulle esecuzioni di ogni numero alla perfezione. Mi è piaciuto guardare le bacchette volanti di George Recile. Accanto a lui Tony Garnier carezzava le corde del contrabbasso con l’archetto...drammatica la slide guitar di Donnie Herron che quasi ha rubato la scena in tutti i numeri del "Songbook americano". La voce di Bob suonava grande! Ha ballato un pò di volte. Abbastanza tranquillo e molto affascinante! Lui era al pianoforte in un buon numero di canzoni.

Bob e la band ha fatto sette canzoni dal “Songbook americano” dei vecchi tempi (da Shadows in The Night e Fallen Angels) suonandole davvero bene, a questo punto mi chiedo se in realtà a loro vengano più naturali che le canzoni di Bob.
Queste sono molto dolci, canzoni più morbide, ma con meravigliosi nuovi arrangiamenti che Bob riporta in vita e dà loro il suo tocco dinamico.

Altri nove numeri erano grandi canzoni da precedenti albums degli ultimi 20 anni o giù di lì. Per me, hanno più peso e sembrano adattarsi meglio al pubblico rispetto ai vecchi classici sinatriani. Inoltre sono facilmente riconoscibili.

Gli altri tre erano vecchi grandi standard di Bob, ma sostanzialmente rielaborati. Potevo immaginare Bob non arrancare per 40 o 50 anni con la sua stessa musica. Siamo molto legati alla musica originale, ma......almeno abbiamo ancora praticamente le stesse canzoni a cui aggrapparci!

Quando l'oscurità è scesa la scena era ben illuminata, con un pò di luci speciali in alcuni dei numeri, in particolare "Duquesne Whistle". Alle ultime note erano tutti in piedi a fare il tifo ad alta voce! E' stata una serata meravigliosa!

 

 
Martedì 7 Giugno 2016

Woodinville, WA - Chateau Ste. Michelle Winery, Chateau Ampitheatre, June 4, 2016

Bob Dylan canticchia i classici - non sempre i suoi pezzi a Chateau Ste. Michelle

Bob Dylan, che ha compiuto 75 il mese scorso, ha iniziato il primo dei due spettacoli sold-out a Chateau Ste. Michelle Sabato 4 giugno, con un paio dei suoi vecchi successi. Ha poi cantato canzoni dei suoi album più recenti, attinti dal Great American Songbook come "I’m A Fool To Want You".

Di Charles R. Croce

Speciale per The Seattle Times

Un vivace Bob Dylan è tornato nella zona di Seattle Sabato (4 giugno) per il primo dei due spettacoli sold-out a Chateau Ste. Michelle. Dylan, che ha compiuto 75 anni il mese scorso, indossava un cappello bianco e scarpe bianche, è arrivato sul palco danzando con passo strascicato.
Egli è stato animoso per tutta la notte e sembrava più impegnato rispetto agli show degli ultimi tour. Ha iniziato con due suoi brani, "Things Have Changed" e "She Belong To Me", ma poi, gran parte dello spettacolo era impostata sui classici americani.
Gran parte del resto del set di 20 canzoni venivano dai più recenti albums, pieni di canzoni rese famose da Frank Sinatra ed altri crooner della generazione precedente. L’attuale voce di Dylan sembra essere più adatta a questo tipo di canzoni che non a molti dei suoi “capolavori”.

Il pubblico sembrava non avere familiarità con la maggior parte del set, e probabilmente avrebbe preferito ascoltare le canzoni di Dylan. Bob, però, dal suo canto, sembrava meno entusiasta di cantare "Tangled Up in Blue" che "All Or Nothing At All”.

Mavis Staples ha aperto lo show con un set pieno di pezzi soul, ma anche in un certo senso riassumeva il motivo per cui molti tra la folla era venuti a Chateau, che probabilmente non era quello di sentire le canzoni rese famose da Sinatra. La Staples ha chiamato Dylan "Il più grande poeta del mondo."

Il primo bis è stato "Blowin 'in the Wind" ed ha attirato i maggiori applausi della notte. Non è la migliore lirica di Dylan - pochi anni dopo la sua abilità sarebbe diventata tagliente come un laser - ma si tratta di una pietra miliare generazionale.             L' arrangiamento era così diverso dall’originale che molti non hanno applaudito fino al coro, quando la canzone è diventata inconfondibile.

Dylan è sempre sostenuto da un’ottima band, che ci ha aiutato ad apprezzare il materiale sconosciuto. Particolarmente piacevole è stata "Early Roman Kings", un originale di Dylan del 2012, ma con una inflessione tipicamente blues.
Questa canzone ha dimostrato che Dylan - il paroliere, il poeta - morde ancora, e che c’è ancora molto umorismo in lui. Si poteva quasi vederlo sorridere mentre cantava la linea, “I ain’t dead yet / my bell still rings.” (Non sono ancora morto / il mio campanello suona ancora).

Egli non è morto, grazie a Dio, e Sabato sera era sul palco al Chateau, il campanello di Bob Dylan suonava ancora magnificamente.

Charles R. Croce: therocketmagazinelives@gmail.com

(Fonte: http://www.seattletimes.com/entertainment/music/bob-dylan-croons-older-tunes-at-chateau-ste-michelle/)

___________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan ricorda Muhammad Alì                                                            clicca qui

 

 
Lunedì 6 Giugno 2016

Woodinville, WA - Chateau Ste. Michelle Winery, Chateau Ampitheatre, June 5, 2016

  

1. Things Have Changed (Bob center stage)
2. She Belongs To Me (Bob center stage with harp)
3. Beyond Here Lies Nothin' (Bob on piano)
4. What'll I Do (Bob center stage)
5. Pay In Blood (Bob center stage)
6. Melancholy Mood (Bob center stage)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano)
8. I'm A Fool To Want You (Bob center stage)
9. Tangled Up In Blue (Bob center stage with harp then on piano)
(intermission)
10. High Water (For Charley Patton) (Bob center stage)
11. Why Try To Change Me Now (Bob center stage)
12. Early Roman Kings (Bob on piano)
13. I Could Have Told You (Bob center stage)
14. Spirit On The Water (Bob on piano)
15. Scarlet Town (Bob center stage)
16. All Or Nothing At All (Bob center stage)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage)
18. Autumn Leaves (Bob center stage)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin)
20. Love Sick (Bob center stage)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 9849 - gerardomirarchi

Ciao Mr.Tambourine e amici Maggiesfarmers. Sono Gerry. Curiosando su internet ho scoperto che in "I still do", l'ultimo album di Eric Clapton c'è anche una cover di "I dreamed i saw Saint Augustine". Ora a parte l'amicizia che lega da sempre Mr. Slowhand e "Zimmy", mi sorprende la vitalità che continua ad avere un album come John Wesley Harding, mai abbastanza considerato. D'accordo, tutto parte dalla splendida cover che Jimy Hendrix fece di "All along the watchtower", pochi mesi dopo l'uscita dell'originale (secondo me è l' unica cover dylaniana imperdibile, in grado di rivaleggiare con l'originale, anche se forse preferisco un po' ancora la versione di Bob, per come usa l'armonica. A me dà un senso di libertà quasi sconfinata). Certo gli assoli di chitarra eseguiti da Jimy nel pezzo sono forse i pezzi di chitarra più belli che abbia mai ascoltato, almeno a mio giudizio. Detto questo John Wesley Harding non finisce davvero di sorprendermi. E per tante ragioni. Primo perché in netta controtendenza con la psichedelia di fine anni Sessanta, Dylan cambia ancora strada e riesce a spiazzare il pubblico. Poi per le tante leggende, vere o presunte, che circondano il disco. C'è chi vede, nella scelta del titolo, al sacro tetragramma ebraico (JHWH) e poi ancora molte altre leggende che ho sentito in questi anni. Dalla vita morigerata di Bob in quel periodo e dal fatto che avesse smesso di fare uso di droghe dopo l'incidente di moto e la voce più limpida lo testimonierebbe, alla serenità familiare finalmente raggiunta. Poi a mio avviso, JWH, è il primo album "religioso" di Bob Dylan, in anticipo di undici anni sulla trilogia cristiana. Leggevo proprio il testo di "I dreamed i saw St Augustine" ed è una storia davvero strana. Nella realtà infatti Sant' Agostino non morì martire come sembra indicare Bob. Chissà cosa avrà voluto dire? Un'altra testimonianza di questo clima, secondo me, si rintracci in "Frankie Lee and Judas Priest", per me indecifrabile ma che amo molto per il contesto generale (la musica, l'uso dell'armonica eccetera). Lasciando da parte "Dear Landlord". in cui mi sembra di poter leggere un riferimento al "padrone" dei cieli, e lo dico da non religioso. Volevo infine soffermami su "Drifter's Escape". So che, anche di questo brano esiste una cover fatta da Jimy Hendrix, ma l'ho sentita poche volte. Di sicuro, la musica di Bob Dylan, continua a stimolare artisti di tutte le epoche (basti pensare al fenomeno pop Ed Sheeran e a Tom Odell). Peccato che , Dylan stesso si sia immedesimato nel ruolo di crooner. Ma lui è Bob Dylan è può fare quel che vuole. Cosa che del resto, ha sempre fatto.
Un saluto, Gerry.

Caro Gerry, se andiamo a spulciare in qualunque disco di Dylan, e parlo di quelli meno famosi, possiamo trovare delle piccole gemme, solo per fare un esempio "Brownsville Girl" da Knocked Out Loaded,sempre su JWH c'è la bellissima I'll Be Your Baby Tonight, su Nashville Skyline ci sono If Not for You e The Man in Me, su Planet Waves l'incredibile Forever Young (sotto ti ho messo il link per andare a vederla cantata da Patti LaBelle), su Street legal "Senor", la bellissima "I Shall Be Released" su Bootleg Series 1-3, si Infidels "License to Kill", su Empire Burlesque la magnifica "I'll Remember You", su Oh Mercy "Man in the Long Black Coat", da Time Out Of Mind "Not Dark Yet". Non ho citato tutte quelle che meritavano di essere menzionate per non fare un elenco lungo un chilomentroi, ho scelto solo quelle per le quali io ho sempre avuto un debole. E sempre a proposito di cover guarda quelle che ti ho elencato qui sotto:

Like A Rolling Stone - Jimy Hendrix
https://vimeo.com/73759775?lite=1

Forever young - Patti LaBelle
https://www.youtube.com/watch?v=iWUwp_byum0

Don't Think Twice It's All Right - Eric Clapton
https://vk.com/video15600389_155330681#/videos15600389?z=video15600389_154666694%2Fpl_15600389

Love Minus Zero No Limit - Eric Clapton
https://vk.com/video15600389_155330681

I Shall Be released
https://www.youtube.com/watch?v=dOVBrRATUGw

It Takes A Lot To Laugh - Leon Russel
https://www.youtube.com/watch?v=tjisHQbbuPc

You Aint Goin Nowhere - Shawn Colvin / Mary Chapin Carpenter / Rosanne Cash
https://www.youtube.com/watch?v=yicpOvhhvg8

I'll be your baby tonight - Kris Kristofferson
https://www.youtube.com/watch?v=PlvN2nr5MZw

I'LL REMEMBER YOU - The Blackstones
https://www.youtube.com/watch?v=ZrGc4H47ses

Mr Tambourine Man – The Byrds
https://www.youtube.com/watch?v=uPqAvgN6Tyw

“Just Like a Woman” - Van Morrison
https://www.youtube.com/watch?v=ivHA_1WGjM4

“Just Like a Woman” - Joe Cocker
https://www.youtube.com/watch?v=tfxLznYkpF0

Dear Landlord - Joe Cocker ("Dear Landlord" secondo molti ERA riferita ad Albert Grossman)
https://www.youtube.com/watch?v=Y8yVvsCKKBg

Dear Landlord - Janis Joplin
https://www.youtube.com/watch?v=Tq4dAyXftWk


Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Domenica 5 Giugno 2016

Woodinville, WA - Chateau Ste. Michelle Winery, Chateau Ampitheatre, June 4, 2016

  

1. Things Have Changed
2. She Belongs to Me
3. Beyond Here Lies Nothin'
4. What'll I Do - (Irving Berlin cover)
5. Pay in Blood
6. Melancholy Mood - (Frank Sinatra cover)
7. Duquesne Whistle
8. I'm a Fool to Want You - (Frank Sinatra cover)
9. Tangled Up in Blue

Intermission

10. High Water (For Charley Patton)
11. Why Try to Change Me Now - (Cy Coleman cover)
12. Early Roman Kings
13. I Could Have Told You  (Frank Sinatra cover) (live debut by Bob Dylan)
14. Spirit on the Water
15. Scarlet Town
16. All or Nothing at All - (Frank Sinatra cover)
17. Long and Wasted Years
18. Autumn Leaves - (Yves Montand cover)

Encore:

19. Blowin' in the Wind
20. Love Sick

______________________________________________________________________________________________________

"Cassius Clay is a slave name, henceforth call me Muhammad Ali!"

Bob Dylan su Muhammad Ali:
"Se la misura della grandezza serve a rallegrare il cuore di ogni essere umano sulla faccia della terra, lui era davvero il più grande. In ogni modo era il più coraggioso, il più gentile e il più eccellente degli uomini".

https://www.facebook.com/bobdylan/

 

 
Sabato 4 Giugno 2016

Traveling Wilburys: un cofanetto celebrativo                                            clicca qui

____________________________________________________________________________________________________________________

J-Ax: “Quando Bob Dylan ci scelse per "Masked and Anonymous”        clicca qui

____________________________________________________________________________________________________________________

Stones, Bob Dylan, U2 La vecchia guardia tiene giovane il rock              clicca qui

____________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan e il cinema: una storia lunga 75 anni                                       clicca qui

 

 
Giovedì 2 Giugno 2016

Talkin' 9848 - duluth49

Mi corre l'obbligo di scrivere qualche parola sul disco di BOB.Dopo qualche dubbio iniziale nel comprare o no questo cd, devo dire che gia' dal primo ascolto ho subito trovato una notevole differenza dal precedente Shadows in the night. Pur mantenendo un ovvio sound anni 40 ho apprezzato un' atmosfera molto piu' swing del precedente. Voce da Gigante, inarrivabile, Tony Garnier eccezzionale, George Recile ad altissimi livelli. Avrete capito che a me questo lavoro e' piaciuto moltissimo. Su tutte le cover mi ha emozionato l'esecuzione di THAT OLD BLACK MAGIC. Anche questa volta devo ammettere che il grande Bob ha fatto centro, e volenti o no, ha ragione, come quasi sempre e' successo nella sua vita da grande artista. E per finire citanto una frase di una sua canzone, non siamo venuti al mondo per perderti.
Lunga vita, MARCELLO.
E COME SEMPRE COMPLIMENTI PER IL TUO LAVORO MR.TAMBOURINE

Grazie per i complimenti e per il tuo pensiero su FA. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Mercoledì 1 Giugno 2016

Talkin' 9847 - blueyedson

Oggetto: Lucinda Williams PUSIANO - Biglietti

Salve..ti sarei grato se pubblicasi l'annuncio di seguito:
Ciao a tutti. ho due biglietti del concerto in questione.
Non posso più andare per motivi famigliari.
Se qualcuno è interessato....
25 €. l'uno spese spedizione incluse

Lucinda Williams PUSIANO - Biglietti
mar, 19/07/16, 21.00
Palazzo Beauharnais all'aperto
Via Mazzini, 39, 22030 PUSIANO
Massimo 3397727637 - blueyedson@gmail.com

Nessun problema Massimo, ecco fatto, lascerò l'annuncio per un pò di tempo anche in Vetrina! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

"FALLEN ANGELS" TESTI E TRADUZIONI                                                 clicca qui

 

PREVIOUS PAGE - PAGINA PRECEDENTE

MOTORE DI RICERCA INTERNO

cerca in maggiesfarm.eu

ARCHIVIO NEWS