aaa

MAGGIE'S FARM

SITO ITALIANO DEDICATO A BOB DYLAN

2016 Nobel Prize in Literature

created by Michele "Napoleon in rags" Murino                                                  managed by Mr.Tambourine

                                                                                                                                  

                                                                                                                           

invia le tue e-mail a : spettral@alice.it
il presente sito, amatoriale, non riveste alcun carattere commerciale, ma intende solo onorare l'artista cui è dedicato. I testi delle canzoni e le immagini che appaiono in questo sito sono coperti da copyright © ed appaiono a solo scopo illustrativo e di studio (diritto di citazione), appartenendo ogni titolo di proprietà e di utilizzo ai rispettivi autori ed editori. Gli aventi diritto potranno richiedere la rimozione delle pagine qualora si sentano lesi. Nella nostra personale convinzione che questo sito, come altri simili, non possa che costituire di riflesso un veicolo promozionale. Ove possibile verranno riportate le fonti.

send your e-mail to : spettral@alice.it
this amateur site has no commercial character, but will only honor the artist which is dedicated. The lyrics and images that appear on this site are copyrighted © and are for illustration purposes only and study (right to quote), and belong to each title and use to their respective authors and publishers. Rightholders can request removal of pages if they feel damages or injuried. Is our personal conviction that this site, as similar ones, can only be a reflection of a promotional vehicle. Where possible the sources will be listed.
This is an unofficial fan page, and is not affiliated with Bob Dylan

"THE BEATEN PATH"

the Dylan's painting and the real places

a
Giovedì 24 Agosto 2017

Tour 2017

Pubblicate le prime due date di quello che dovrebbe essere l'ultimo tratto del Tour 2017 che vede ancora una ripartenza dagli USA. Sempre rimane la speranza ed il desiderio di una parte europea con anche date italiane....! Stay tuned per le prossime!

13 Ottobre 2017 Valley Center, CA - Harrah’s Resort SoCal – The Events Center

14 Ottobre 2017 Las Vegas, NV - The Cosmopolitan Hotel – The Chelsea Theatre  

 

 
Lunedì 31 Luglio 2017

Carissimi amici,
credo sia ora di ferie per tutti. Bob, giustamente, si prenderà Agosto e probabilmente una parte di Settembre di pausa prima di affrontare quello che dovrebbe essere l’ultimo tratto del Tour 2017 che, penso io, si svolgerà con tutta probabilità in Ottobre/Novembre, sperando che quest’ultima parte preveda il ritorno in Europa, Italia compresa. Al momento non si hanno notizie delle nuove date, ma appena saranno comunicate ne avrete immediatamente notizia su questa pagina. Auguro a tutti delle divertenti e rilassanti ferie, ci aggiorniamo ai primi di Settembre.
Mr.Tambourine, :o)

__________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10202 - catestef

Per nem_o e tutti i fans in ascolto su MaggiesFarm strepitosa versione. Buon ascolto.
Stefano Catena.

Rolling Thunder Revival - "One More Cup Of Coffee"

   

https://www.youtube.com/watch?v=TQyW5EWEQu4

Live at Stella Blues - New Haven, CT on 05-23-2012

bass Rob Stoner
guitar Scott Murawski
drums Bill Carbone on Drums
Keyboards Jordan Giangreco
guitar Jeff Martinson

Bellissima, Rob era ed è sempre grande! Grazie, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

__________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10201 - magicbus21

Ciao Mr Tamburine,
tanti anni fa (penso fosse il 1984 o 85), andai al Rolling Stone, locale di milano (che ora non c'è più), ad assistere ad un concerto degli "Everything but the girl". Allora andava di moda nell'ambito della musica alternativa, quel genere, che comprendeva gruppi come quello o Sade o roba simile. C'erano un migliaio di persone ad assistere al concerto, e sono sicuro che almeno 900, me compreso, si stavano annoiando mortalmente.
Una noia infinita che avevo completamente rimosso, ma che grazie a quell'articolo mi è ritornata in mente.
A peggiorare le cose Tracey Thorn, mi cita Prince , gli Smith, Kate Bush e Ian Dury come concerti memorabili.
Ora io Dylan non lo vedo più da un pezzo, per svariati motivi, ma questa fa pure la cantante! Vabbè che i gusti sono gusti, ma per favore Tracey, se quel giorno avessi avuto un cuscino al tuo concerto avrei fatto una dormita colossale, e non avevi neanche 30 anni non i 70 e fischia di Bob.
Aveva proprio ragione il marchese del grillo: ti mando questa clip che vale più di mille parole
Ciao, Alessandro



Alberto Sordi: "Il marchese del Grillo" - Io so' io... e voi non siete un cazzo!

 

https://www.youtube.com/watch?v=Dclfv63lYTA

Grazie per averci ricordato questo favoloso brano dell'immenso Marchese Onofrio del Grillo che ha proprio ragione! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o).

 

 
Venerdì 28 Luglio 2017

Talkin' 10200 - nem_o

Non so chi è Rob Stoner .... è grave? :-)
Però non definisco neanche Tracey Thorn "una ragazza inglese"!
Nilu

Non è grave, guarda questo filmato così saprai chi è (quello che suona il basso) :o)

"BOB DYLAN Rolling Thunder Revue: HARD RAIN"

  

https://www.youtube.com/watch?v=GlUUmiIEinY

Filming Locations:
Fort Collins, Colorado, USA - Hughes Stadium

Setlist:
A Hard Rain's A Gonna Fall
Blowin' in the Wind
Deportees (Lyrics by Woody Guthrie and music by Martin Hoffman)
I Pity the Poor Immigrant
Shelter from the Storm
Maggie's Farm
One Too Many Mornings
Mozambique (Music Bob Dylan / Lyrics Jacques Levy)
Idiot Wind
Knockin' on Heaven's Door

Personnel:
Lead Vocals, Guitar - Bob Dylan
Bass - Rob Stoner
Congas - Gary Burke
Drums - Howie Wyeth
Guitar - Mick Ronson, Steven Soles
Guitar, Piano - T-Bone Burnette
Guitar, Vocals - Bobby Neuwirth, Roger McGuinn
Steel Guitar, Mandolin, Violin, Dobro - David Mansfield
Violin - Scarlet Rivera
Vocals - Joan Baez

Per quanto concerne Tracey Thorn (rif: Talkin' 10198 - lormaggioni65) Wikipedia da ragione a Lorenzo:

https://it.wikipedia.org/wiki/Tracey_Thorn

Alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Giovedì 27 Luglio 2017

Vancouver, British Columbia - Pepsi Live at Rogers Arena, July 25, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Con questo concerto è finita la parte spring/summer del Tour 2017, ora restiamo in attesa delle date fall/winter ed appena si saprà qualcosa lo comunicheremo. Stay tuned with maggiesfarm, potreste trovare la sorpresa anche quando saremo tutti in vacanza.

_______________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10199 - catestef

Cari dylaniani di Maggie's Farm,
vorrei condividere questa bellezza di cover di Hurricane dalla lunga durata. tutti sapete chi e' Rob Stoner. Buon ascolto!
Stefano Catena.

Rob Stoner - Hurricane - Bob Dylan's 75th NYC

  

https://www.youtube.com/watch?v=erRMZrx2aFg

Grazie Stefano, bellissima Hurricane, d'altro canto, come hai detto tu, tutti sappiamo chi è Rob Stoner! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Mercoledì 26 Luglio 2017

Kelowna, British Columbia - Prospera Place, July 24, 2017

    

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

_______________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10198 - lormaggioni65

Ciao Mr.Tambourine, ti segnalo questo post che a mio avviso rispecchia il sentimento di moltissimi fans delusi come me da questi tristi concerti inzuppati di noiosissime sinatrate e relative scalette ingessate che poco dicono o rappresentano di Bob. E’ con molta tristezza che leggo queste cose anche se dentro di me le penso, anche se non ho mai avuto il coraggio di espormi per esprimerle. Ora però, questa ragazza inglese, Tracey Thorn, l’ha scritto chiaro e netto e così mi son sentito di accodarmi a questa grande delusione. Grazie per tutto quello che fai per il sito e per noi.
Lorenzo

Nostalgia del rock a un concerto di Bob Dylan:
https://www.internazionale.it/opinione/tracey-thorn-2/2017/07/21/nostalgia-rock-bob-dylan

Caro Lorenzo, ti ringrazio per la segnalazione di questo coraggiosissimo articolo che non mancherà di suscitare proteste più o meno giustificate. Io direi che il nostro dovere di fans, dopo aver raccolto tutto ciò che Bob ci ha dato in questi oltre 50 anni di attività instancabile, sia quello di soffermarci un momento ad analizzare i diversi aspetti della cosa. Prima di tutto l'età, nessuno può pretendere cose che Bob non è più fisicamente e tecnicamente in grado di dare. La voce, sappiamo tutti da anni quello che è, non può più offrire prestazioni sopra le righe, purtroppo l'età consuma il fisico di chiunque di noi e nemmeno un genio leggendario come Bob è in grado di sfuggire a questa legge fisica. La gola è compromessa, anche se Bob ci ha messo molto del suo tra sigarette, vino, sostanze strane, vita sregolata, e oggi non è più in grado di avere una estensione vocale discreta, ormai il suo range è molto limitato, possiamo sentire anche nei cinque album sinatriani che ogni tanto la voce scricchiola perchè la nota che Bob cerca di prendere è al limite delle sue possibilità. Ma certamente di questo non possiamo farne una colpa tale da macchiare la luminosa carriera di Dylan. Lui continua a darci quello che può e noi dovremmo avere l'umiltà di prendere senza pretendere. Lui continua il suo tour infinito che molto probabilmente terminerà quando il Padreterno dirà basta, e fin che il "Capo", come lui lo chiama, lo lascerà in pace lui sarà su un palco, in quelche parte del mondo, a cantare le sue canzoni come potrà, anche se questo vuol dire storpiarle e strapazzarle fino a renderne difficile il riconoscimento. Le cover di Sinatra sembrano essere un momento di riposo vocale, anche se la voce suggestiva di Bob dona loro un colore particolare. Certo, alcune possono risultare noiose o poco interessanti ma che importa, quel che conta è essere nello stesso posto con Bob e respirare la stessa aria che respira lui. Le grandi prestazioni le abbiamo già avute negli anni passatri, oggi accontentiamoci di quello che canta, in fondo anche Leonardo da Vinci, Michelangelo, Caravaggio, Brunelleschi e moltissimi altri geni dell'umanità han dovuto seguire la via del destino lasciandoci, a testimonianza del loro genio, opere che ancora oggi impressionano miliardi di persone in tutto il mondo. Forse il paragone con questi nomi a qualcuno potrebbe sembrare eccessivo, ma ricordo, che si sia d'accordo o no, che a Dylan è stato assegnato il massimo riconoscimento letterario che esiste al mondo, quindi il paragone ci sta tutto. Anche a me dispiace che non abbia più la vitalità, l'energia e la fisicità per rimanere inalterato nel tempo, io vorrei che ogni suo concerto fosse la continuazione della Rolling Thunder Revue, ma mi rendo conto che a pensare queste cose lo stupido sono io. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o) 

 

 
Martedì 25 Luglio 2017

Bob Dylan with Tom Petty & the Heartbreakers,
Farm Aid 1986, July 4, Rich Stadium, Buffalo, N.Y.

Dylan incise questa cover su "Self Portrait" prendendola dalla versione delle Davis Sisters, con Tom Petty cambiò alcune righe (che spero siano giuste perchè in Internet non si trova questa versione).

I Forgot More Than You’ll Ever Know

(Words & Music by C.A. Null)

  

https://www.youtube.com/watch?v=5qJwKgYIjRE

You think you know
the smile on her lips
an' her caress
or tender kiss
But I forgot more than you'll ever know about her

You think she's yours
To have and to hold
Someday you'll learn
and i love that girl
But I forgot more than you'll ever know about her

You stole her love from me one day
You didn't care how it hurt me
But you can never steal anyway
Memories of what used to be

You think you know
the smile on her lips
an' her caress
or tender kiss
But I forgot more than you'll ever know about her

You stole her love from me one day
You didn't care how it hurt me
But you can never steal anyway
Memories of what used to be

You think she's yours
the smile on her lips
Someday you'll learn
When her love grows cold
But I forgot more than you'll ever know about her.


HO DIMENTICATO PIU' DI QUANTO TU POTRAI MAI SAPERE DI LEI

(Words & Music by C.A. Null)

Pensi di sapere
Il sorriso sulle sue labbra
e le sue carezze
O un dolce bacio
Ma io ho dimenticato più di quanto tu potrai mai sapere di lei

Pensi che sia tua
Da avere e da tenere
Un giorno imparerai
E io amo quella ragazza
Ma ho dimenticato più di quanto tu potraI mai sapere di lei

Hai rubato il suo amore da me un giorno
Non ti importava come mi danneggiasse
Ma non puoi mai rubare comunque
I ricordi di quello che fu

Pensi di sapere
Il sorriso sulle labbra
Una sua carezza
O bacio dolce
Ma ho dimenticato di più di quanto tu potrai mai sapere di lei

Hai rubato il suo amore da me un giorno
Non ti importava come mi danneggiasse
Ma non puoi mai rubare comunque
I ricordi di quello che fu

Pensi che sia tua
Il sorriso sulle labbra
Un giorno imparerai
Quando il suo amore diventa gelido
Ma io ho dimenticato più di quanto tu potrai mai sapere di lei


Personnel:
Bob Dylan - Voice, Acoustic guitar
Tom Petty - Voice, Acoustic guitar
Mike Campbell - Bass
Howie Epstein - Mandolin
Benmont Tench - Piano
Stan Lynch - Drum

 

 
Lunedì 24 Luglio 2017

Prince George, British Columbia - CN Centre, July 22, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Dawson Creek, British Columbia - Encana Events Centre, July 21, 2017

    

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


 

 
Sabato 22 Luglio 2017

Tutta la storia e i segreti di "The Freewhelin’ Bob Dylan"                         clicca qui

________________________________________________________________________________________________________

La storia di Bob Dylan in mostra a Milano                                                 clicca qui

________________________________________________________________________________________________________

Carlos Santana compie 70 anni                                                                  clicca qui

________________________________________________________________________________________________________

Un secolo fa nasceva Fernanda Pivano: chiamò Bob Dylan “poeta”        clicca qui

 

 
Venerdì 21 Luglio 2017

Edmonton, Alberta - Rogers Place, July 19, 2017

  

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


___________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10197 - paolo.manclossi

Interessante l'ultimo libro di Salvatore Esposito soprattutto per l'analisi pur se inevitabilmente soggettiva legata al NET dove si puo' cogliere il supporto dell'amico Cavazzuti che in quanto ad ascolti di concerti se ne intende. Sarebbe bello, pur se indicativo, avere indicazioni o suggerimenti dagli amici di Maggie's circa i migliori concerti annuali dal 1988 ad oggi. Sono certo che serate di grazia me troveremmo sempre anche nei periodi apparentemente meno stimolanti. Il nostro, ne ho avuto conferma diretta, anche in serate opache, momenti di grande emozione li ha sempre saputi regalare.

Certo, l'accoppiata Esposito-Cavazzuti è una di quelle vincenti al 100%, come si usa dire, l'esperienza non la vendono al mercato! Per le serate di grazia diamo la parola ai ricordi dei nostri Maggiesfarmers e restiamo in attesa. Live long and Prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Martedì 18 Luglio 2017

Calgary, Alberta - Southern Alberta Jubilee Auditorium, July 16, 2017

  

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


___________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10196 - cladem06

Hey Mr. Tambourine,
sabato scorso mia figlia mi ha regalato un volume appena uscito. Devo dire che pensavo fosse il solito volume con qualche foto e commenti affrettati sugli album ufficiali. Invece no. E' molto interessante.
Ma interessanti sono i nomi di quelli che hanno collaborato al volume tra cui Michele Murino. Dai un'occhiata all'allegato.
A presto, Claudio

   

Ti ringrazio per la segnalazione caro Claudio, anche se il libro è in vetrina: http://www.maggiesfarm.eu/zzzzzvetrina2017.html già da molto tempo dopo la segnalazione dell'autore stesso Salvatore Esposito. Comunque grazie ancora, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

___________________________________________________________________________________________________________________Alberta
Talkin' 10195 - dinve56

Grazie della risposta, come sempre tempestiva e esauriente. A presto. Carla

:o)))))))))))))))) Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Lunedì 17 Luglio 2017

Moose Jaw, Saskatchewan - Mosaic Place, July 15, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


___________________________________________________________________________________________________________________

In edicola: Bob Dylan Studio Collection                                                  clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Libri: Suze Rotolo - "A Freewheelin' Time" - recensione                          clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Le contaminazioni Della Beat Generation                                               clicca qui

 

 
Domenica 16 Luglio 2017

Saskatoon, Saskatchewan - SaskTel Centre, July 14, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


___________________________________________________________________________________________________________________

L’America di Hurricane                                                                              clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

La Rolls-Royce di John Lennon protagonista a Londra                          clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

L’incontro/scontro fra Mick Ronson  e David Bowie                               clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Le canzoni dei cantautori a scuola                                                           clicca qui

 

 
Sabato 15 Luglio 2017

Talkin' 10194 - dinve56

Salve Mr. Tambourine,
hai proprio ragione a dirci di pazientare. Intanto l'articolo di Tondelli è frizzante, esilarante e apre su Bob scenari inediti. Dylan è davvero "uno, nessuno centomila" e da ogni sua canzone si potrebbero ricavare dieci romanzi. Se avesse esaurito la vena creativa, niente paura! Abbiamo canzoni da ascoltare, capire, analizzare per altre tre generazioni. Ho imparato ad alternare alla lettura dei testi delle canzoni dylaniane l'ascolto. Oggi è uscito con "Repubblica" il terzo CD della "Bob Dylan studio collection", "The times they are a-changin'", raccolta che terminerà il 9 marzo 2018 con "Triplicate". Mi sembra una bella iniziativa. A proposito di coriste e band, ascoltando per caso "Hard to Handle" di Dylan, Petty & The Heartbreakers, ho riconosciuto solo "just like a woman", "like a rolling stone" e "bussando alle porte del paradiso - in inglese è troppo complicato". Quali sono le altre canzoni? Grazie. A presto. Lunga vita! Carla.

Qui sotto trovi tutto, video, musicisti ed elenco canzoni, invece i testi li trovi nella pagina dei testi tradotti:

http://www.maggiesfarm.eu/testietraduzioni22015.htm

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

HARD TO HANDLE: BOB DYLAN IN CONCERT

  

https://www.youtube.com/watch?v=VjOqpY8Z1Ow

HARD TO HANDLE: BOB DYLAN IN CONCERT (1986) directed by Gillian Armstrong

SYDNEY, NEW SOUTH WALES, AUSTRALIA
ENTERTAINMENT CENTER, FEBRUARY 24th & 25th, 1986


Bob Dylan (vocal, guitar & harmonica) with Tom Petty & The Heartbreakers:
Tom Petty (guitar), Mike Campbell (guitar), Benmont Tench (keyboards), Howie Epstein (bass), Stan Lynch (drums)
and The Queens Of Rhythm: Debra Byrd, Queen Esther Marrow, Madelyn Quebec, Elisecia Wright (backing vocals)

This first Bob Dylan concert video was recorded at the Entertainment Center in Sydney, 24 and 25
February 1986. The video was released in October on CBS/FOX and contains the following songs:

1 - Spoken introduction to "In The Garden" - February 25th
2 - In The Garden - February 24th
3 - Just Like A Woman - February 24th
4 - Like A Rolling Stone - February 25th
5 - It's Alright Ma (I'm Only Bleeding) - February 25th
6 - Girl From The North Country - February 24th
7 - Lenny Bruce - February 25th
8 - When The Night Comes Falling From The Sky - February 24th
9 - Ballad Of A Thin Man - February 24th
10 - I'll Remember You - February 24th
11 - Knockin' On Heaven's Door - February 25th

_______________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10193 - Mike.Lenzi

Oggetto: Vinile vs CD

Ciao Mr. Tambourine,
grazie della risposta, ma permettimi di fare una replica anche se l'argomento non riguarda Bob.

Tralasciando il valore affettivo e vintage del disco in vinile, tu scrivi che la qualità del vinile è scadente rispetto al cd ...
non sono un tecnico, ma ammetto la grande comodità del cd, niente polvere, nessuna graffiatura (se tenuti bene); in rete in questi anni ho letto cose che sono opposte alla tua affermazione, tipo che non tutte le frequenze vengono catturate su un cd. Sai sicuramente quanto me che lo stesso Neil Young ha proposto una sua piattaforma digitale (con tanto di lettore) per contrastare la scarsa qualità del cd, anche se non ha avuto successo. Se il vinile fosse veramente scadente penserei che la pubblicazione dei nuovi dischi sia una colossale truffa, cosi come potrebbe essere una truffa la ripubblicazione in mono dei primi dischi di Dylan. Il fenomeno della vendita in vinile sta crescendo ogni anno con grandi percentuali, se sia un fatto tutto di moda è tutto da dimostrare. sappi che il download e lo streaming (anche quello legale) ha fatto chiudere negozi di dischi, fa guadagnare poco agli artisti minori e ai musicisti, invece il disco fisico specie il vinile potrebbe essere un buon motore per l'economia per questo settore. ma questa è un altra storia.
Michele Lenzi

Io non sono un tecnico e di queste cose capisco poco caro Michele, però ti posso dire che, prima di essere dylaniano, ero un supermegastrafans dei Beatles, dei quali avevo comprato tutti gli LP almeno tre volte perchè li consumavo a furia di ascoltarli. Ebbene, quando uscirono i primi CD con le riedizioni degli LP beatlesiani, io ho sentito sul CD strumenti che sul vinile non era assolutamente possibile sentire. Oggi poi trovi giradischi di ottima qualità ma a prezzi abbastanza salati. E' vero che c'è stata una ripresa del vinile perchè il vinile ha una propria anima e non è "freddo" come il CD che sembra una registrazione senza un minimo di feeling, ma come è possibile spiegare il perchè in pochi anni il CD ha quasi cancellato il disco in vinile? Oggi il disco sembra essere prerogativa di appassionati che sono poco lontani dai collezionisti, e collezionare LP potrebbe essere, se fatta con criterio, una cosa anche remunerativa. Tieni presente che questa è solo la mia opinione che vale come il due di picche a briscola quando la briscola è cuori! Luve long and prosper, Mr.Tambouirine, :o)

 

 
Venerdì 14 Luglio 2017

Winnipeg, Manitoba - MTS Centre, July 12, 2017

  

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


___________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10192 - Mike.Lenzi

Ho letto la mail di boeroberto sulla sua collezione dei dischi di Dylan in vinile. Ne avevo accennato in una mia precedente mail che non ha però stimolato la discussione, e che ora ripropongo. Quanti di voi collezionano i dischi di Dylan in vinile?
grazie, Michele Lenzi.

Ciao Michele, restiamo in attesa della risposta di qualcuno, anche se oggi i dischi in vinile sembrano oggetti d'antiquariato, non discuto il loro charisma ed il loro calore nella musica, ma la qualità è davvero scadente rispetto ai CD, su un CD senti cose che su disco la puntina del giradischi non è in grado di rilevare e riprodurre! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

___________________________________________________________________________________________________________________

Bob è grande, Bob è il boss                                                                     clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Pusiano (Como): il 23 luglio torna il Buscadero Day                               clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

Non ci sarà mai un altro CHUCK BERRY                                                  clicca qui

___________________________________________________________________________________________________________________

I weathermen e il fascino sottile del meteo-terrorismo                            clicca qui

 

 
Giovedì 13 Luglio 2017

Talkin' 10191 - alessandro.sottoriva

Ohhhh laaa... grazie mille a te Mr.Tambourine e grazie mille ripeto mille a tutti i Maggiesfarmers per la loro preziosa collaborazione. Già, l'ultima cena adesso può essere servita. E io posso dormire in pace. Ciao, Ale'65.

Aspetta, c'è un'ultima correzione da fare, il secondo da sinistra non è Gregg Allman, leggi sotto. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10190 - sega.tommaso

Ciao, una correzione su "L'ultima cena": il secondo non e' Gregg Allman, ma Ronnie Van Zant dei Lynyrd Skynyrd.
Tommaso.

Esatto Tommaso, ora l'ultima cena può essere finalmente consumata davvero, ho trovato queste foto nelle quali Ronnie indossa lo stesso cappello e la stessa maglietta della "cena"! Ale'65 ti sarà particolarmente riconoscente. Alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

    

Freddy Mercury, Ronnie Van Zant, Sid Vicious, John Lennon, Johnny Cash, Jim Morrison, Elvis Presley, Jimy Hendrix, Bob Marley, Kurt Kobain, Bon Scott, Cliff Burton, Layne Staley.

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10189 - dinve56

Buongiorno Mr. Tambourine ,
mi associo alla semplice richiesta di un amico/amica della Fattoria circa il tour autunnale in Italia di Bob Dylan. Non esito a riconoscere la verità della ungarettiana lirica di Daniella e proprio per questo spero di poter ascoltare almeno una volta dal vivo il premio Nobel che, quando ero giovane, ha suscitato, con le sue canzoni, emozioni giovanili (da quelle politiche contro la guerra del Vietnam e la discriminazione razziale a quelle sentimentali) e, oggi che giovane non sono più, accompagna le mie giornate con canzoni che inducono serenità e riflessione. Insisto a dire che Dylan in "Triplicate" è di una sensibilità notevole e, secondo me, non merita stroncature troppo severe. Naxela56 pensa, un po' come me ed altri, che Dylan sia ad una svolta. E' vero che il Nostro è imprevedibile, ma il ritorno alla prosa per la lectio magistralis potrebbe essere un segnale importante. L'ultima opera che ha citato è l'Odissea, il poema del ritorno a casa di un uomo eccezionale che ha perlustrato tutto il Mediterraneo e, ancor più, dice Omero nel proemio del poema, "vide e conobbe la mente di molti uomini e città". Dylan ha chiuso la sua lectio con le parole tradotte del proemio della"Odissea": "canta in me o Musa, e attraverso me racconta la storia". Quale storia vuole raccontare? La sua personale? La sua storia personale intrecciata a quella degli USA dei suoi anni giovanili, così ricca di eventi straordinari? O l'epopea romanzata del West, con i suoi eroi, i suoi banditi leggendari, le sue prostitute piene di coraggio e umanità. Arduo è leggere l'anima di Dylan, ma nella sua opera ci sono molte indicazioni, a partire da Tarantula fino ai giorni nostri. L'epopea omerica ha una regola chiara: un unico centro ispiratore. Se Dylan volesse, sulle orme di Omero, cimentarsi con il romanzo o un genere simile che sia riconducibile al racconto (l'ha già fatto, in modo sperimentale, con "Tarantula"), dovrebbe individuare il centro ispiratore dello stesso, quindi dovrebbe afferrare nelle sue mani, prima di tutto, la sua anima, e poi l'anima vera e profonda dell'America, quella che sopravvive alle vicende varie della storia. In attesa di vederlo e ascoltarlo in Italia, la discussione è molto interessante e.., è bello capirsi nonostante gli stili diversi. Grazie e lunga vita! Carla.


Ciao Carla, penso che tu faccia benissimo ad avere le tue opinioni senza farti influenzare da qualcun'altro solo perchè magari pensi che ne sappia un pò più di te sulla vita e l'opera dylaniana. Segui i tuoi ragionamenti e le tue riflessioni e se mai vorrai cambiare idea dovrai dire solo grazie a te stessa. Io, e come me tanti altri, fatichiamo a capire dove voglia andare Bob con questa sfilza di cover che, oltre al fatto positivo che la voce di Dylan sia ora particolarmente suggestiva, sono in fondo delle "coverine", non certo roba di prim'ordine. L'idea è quella "suoniamole noi senza  tanti pretenziosi sfronzoli". La cosa può essere interessante e coinvolgente, ma certo non farà gridare ai "masterpieces". Forse per capire questa dovremo aspettare la prossima svolta di Dylan, dunque, aspettiamo e pazientiamo.

Per la Nobel Lecture l'idea di entrare nei panni di Odisseo per Dylan sembra essere una cosa centrata in tutti i sensi. Lui ha girato il mondo e per forza di cose ha raccolto dentro di se una molteplice massa di esperienze che ha avuto la possibilità e la capacità di comunicare a noi attraverso le sue canzoni. L'America ha imparato molto da Dylan ma anche lui ha assorbito la vera essenza dell'America nel suo spirito riuscendo a cantarla così bene, proprio come Omero narra i viaggi e le esperienze di Ulisse il "citizen Zimmerman" narra i viaggi e le esperienze di Bob Dylan. Io sono certo che se l'Amor che move l'sole e l'altre stelle ce lo lascerà ancora a lungo Bob saprà stupirci di nuovo come ha sempre saputo fare fino ad ora, in fondo non possiamo dire che non ci abbia colpito al mento tanto da stordirci tutti con queste neverending cover. Alla prossima, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Mercoledì 12 Luglio 2017

Talkin' 10188 - gi.spadaccini

L'ultimo è Layne Staley, cantante degli Alice in chains.
A presto, Giovanni.

Layne Staley

Perfetto Giovanni, l'ualtima cena può così essere consumata! Grazie, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

da sinistra a destra: Freddy Mercury, Gregg Allman, Sid Vicious, John Lennon, Johnny Cash, Jim Morrison, Elvis Presley,Jimy Hendrix, Bob Marley, Kurt Kobain, Bon Scott, Cliff Burton, Layne Staley.

__________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10187 - lucacortesi

Buongiorno,
seguo spesso il vostro magnifico sito anche se è la prima volta che intervengo.
L'ultimo nell'immagine potrebbe essere Billy Idol? Quanto meno gli assomiglia...
Grazie, Luca.

Grazie anche a te Luca, ma come hai potuto vedere sopra Giovanni ci ha battuti tutti! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

__________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10186 - boeroberto

Ciao grande Maggie's Farm!! Grazie a te ora posso ascoltare Bob mentre leggo i testi in italiano... e viaggio...
Sono un piccolo collezionista di vinile che ha quasi completato la discografia del nostro amato. Ieri ho trovato un negozietto che incredibilmente ha due box della bootleg series sigillati che mi mancano (il 4 e il 5) e in settimana saranno miei... e mi mancheranno solo più il 6 e il 7... ora la mia domanda é... esistono le traduzioni dei bellissimi book dei 12 box finora usciti? Sarei felice di poterle leggere.Ti ringrazio ancora x il bellissimo sito.


Ciao Roberto, felice per te che stai completando la collezione. I Testi li puoi trovare tutti qui:

http://www.maggiesfarm.eu/testietraduzioni22015.htm

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Martedì 11 Luglio 2017

Milwaukee, Wisconsin - Outlaw Misic Festival Summerfest, American Family Insurance Amphitheater, July 9, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

_______________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10185 - fyguns

Dopo Cobain c'è Bon Scott (Ac-Dc) e Cliff Burton (primo bassista dei Metallica).
Saluti, Simone

Talkin' 10184 - giuales

Buongiorno Mr. Tambourine man
grazie come al solito di tutto quello che fai e che leggiamo quotidianamente gra
zia a te. In merito ai volti sconosciuti, il terz'ultimo da sinistra è il grande
grandissimo Bon Scott, primo vocalist degli Ac/Dc, probabilmente (ma é il mio p
ersonale parere) la più grende voce della storia dell'hard rock. Il penultimo é
invece Cliff Burton, primo bassista dei Metallica, in questo caso, certissimamen
te, il più grande bassista della storia del metal. Sull'ultimo non so che dire e
attendo le rivelazione dei più esperti. Un caro saluto a tutta la fattoria.

Alessandro.

Devo dire che sia Simone che Alessandro hanno riconosciuto il terz'ultimo ed il penultimo personaggio, bravi, ora rimane il mistero dell'ultimo  e la conferma di Gregg Allman. Restiamo in attesa, :o))))))))))))

Bonn Scott    Cliff Burton

al momento siamo a: Freddy Mercury, Gregg Allman, Sid Vicious, John Lennon, Johnny Cash, Jim Morrison, Elvis Presley,Jimy Hendrix, Bob Marley, Kurt Kobain, Bon Scott, Cliff Burton, non identificato.

 

 
Lunedì 10 Luglio 2017

Detroit, Michigan - Outlaw Music Festival, Joe Louis Arena, July 8, 2017

    

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10183 - alessandro.sottoriva

Oggetto: L'ultima cena

Ciao Mr. Tamborine,
recentemente girovagando per la rete mi sono imbattuto in questa bella versione dell’Ultima Cene del Da Vinci.. davvero divertente e inconsueta, e per quanto mi sforzassi a mettere a fuoco le mie conoscenze, sono riuscito a riconoscere quasi tutti i grandi mostri sacri, presenti nell’opera, ma per alcuni non riesco proprio a dare un nome…Freddy Mercury, Leon Russel, Sid Vicious?, John Lennon, Johnny Cash, Jim Morrison, Elvis Presley,Jimy Hendrix, Bob Marley, Kurt Kobain, Tim Buckley, e ? Come si dice, un tarlo che mi assilla, in questa torrida estate, mi puoi aiutare tu? O qualche esperto della Fattoria? A proposito, anche se Johnny Dorelli direbbe “aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più”… meglio che il posto, CENTRALE riservato a Dylan, rimanga libero ancora per un bel po’…………
Ciao, alla prossima. Ale’65.

Rivolgiamo l'appello a tutti i Maggiesfarmers, per me il secondo da sinistra dopo Mercury non è Leon Russel (mi sembra più Gregg Allman) poi ok tutti fino a Kobain, gli ultimi tre non li riconosco, il terz'ultimo non mi sembra Tim Buckley, e per gli ultimi due nebbia! Restiamo in attesa dell'opinione di conoscitori di volti più esperti di noi! E che il posto centrale rimanga ancora libero per molti anni. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_____________________________________________________________________________________________________________________

Bob Dylan: The End of the Innocence

  

https://www.youtube.com/watch?v=ucgB8i9JvdY

THE END OF THE INNOCENCE

(Don Henley / Bruce Hornsby)
Album “The End of the Innocence” del 1989.

La fine dell’età dell’innocenza, secondo Henley e Hornsby, si verificò con l’avvento di Reagan e della sua era improntata all’individualismo, al consumismo e al militarismo… “Gli aratri vengono trasformati in spade per volere di un vecchiaccio (tired old man) che lo stesso popolo ha ottusamente voluto come re”… Quando Reagan terminò il suo secondo mandato nel 1989, Henley sostituì il verso con “a causa di un vecchiaccio che non è più re”… “E anche se i guerrieri da solotto spesso falliscono, continuano a restare in sella grazie alle balle che riescono a propinarci”...
(Fonte: https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=40915&lang=it )

Remember when the days were long
And rolled beneath a deep blue sky
Didn't have a care in the world
With mommy and daddy standin' by
But "happily ever after" fails
And we've been poisoned by these fairy tales
The lawyers dwell on small details
Since daddy had to fly

But I know a place where we can go
That's still untouched by men
We'll sit and watch the clouds roll by
And the tall grass wave in the wind
You can lay your head back on the ground
And let your hair fall all around me
Offer up your best defense
But this is the end
This is the end of the innocence

O' beautiful, for spacious skies
But now those skies are threatening
They're beating plowshares into swords
For this tired old man that we elected king
Armchair warriors often fail
And we've been poisoned by these fairy tales
The lawyers clean up all details
Since daddy had to lie

But I know a place where we can go
And wash away this sin
We'll sit and watch the clouds roll by
And the tall grass wave in the wind
Just lay your head back on the ground
And let your hair spill all around me
Offer up your best defense
But this is the end
This is the end of the innocence

Who knows how long this will last
Now we've come so far, so fast
But, somewhere back there in the dust
That same small town in each of us
I need to remember this
So baby give me just one kiss
let me take just pone last look
Before we say goodbye

Just lay your head back on the ground
let your lkong hair fall all around me
Offer up your best defense
this is the end
This is the end of the innocence


LA FINE DELL'INNOCENZA
(Don Henley / Bruce Hornsby)

Ricordi quando i giorni erano lunghi
e scorrevano sotto un cielo azzurro cupo
Non avevamo nemmeno una preoccupazione
con mamma e papà vicini
ma "...e vissero felici e contenti" finì
e siam stati avvelenati da questi magici racconti
Gli avvocati si soffermano su piccoli dettagli
Da quando papà è dovuto volar via

Ma io conosco un posto dove possiamo andare
un posto che è ancora inviolato dagli uomini
Siederemo lì e guarderemo passare le nuvole
ed ondeggiare l'erba alta nel vento
Puoi stendere la testa sul terreno
e lasciare che i tuoi capelli si spargano attorno a me
Fà buon viso a cattivo gioco
Ma questa è la fine
Questa è la fine dell'innocenza

Oh bellezza, in vasti cieli
Ma ora quei cieli sono minacciosi
Stanno trasfromando vomeri in spade
A causa di questo vecchio stanco uomo che abbiamo eletto re
I guerrieri in poltrona spesso falliscono
e noi siamo stati avvelenati da questi magici racconti
Gli avvocati hanno precisato tutti i dettagli
da quando papà ha dovuto giacere

Ma io conosco un posto dove possiamo andare
e lavare via questo peccato
Siederemo lì e guarderemo passare le nuvole
ed ondeggiare l'erba alta nel vento
Stendi solo la testa sul terreno
e lascia che i tuoi capelli si spargano attorno a me
Fà buon viso a cattivo gioco
Ma questa è la fine
Questa è la fine dell'innocenza

Chissà quanto durerà tutto questo
Ora noi siamo andati così lontano, così velocemente
Ma, da qualche parte dietro di noi nella polvere
c'è quella stessa piccola città in ognuno di noi
Io ho bisogno di ricordarmi di ciò
Perciò bimba dammi solo un bacio
e fammi dare un ultimo lungo sguardo
prima di dire addio

Stendi solo la testa sul terreno
e lascia che i tuoi capelli si spargano attorno a me
Ti offro la miglior difesa
Fà buon viso a cattivo gioco
Questa è la fine dell'innocenza

 

 
Sabato 8 Luglio 2017

London, Ontario - Budweiser Gardens, July 6, 2017

    

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


_________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10182 - miscio.tux

Caro Mr.Tambourine,
questa dell' "analisi misciana" non te la perdono. E' una vigliaccata dare spunti a Sir Eglamore che non aspetta altro per accoltellarmi alle spalle. Convengo che sono macchinoso, ma non è per alterigia, semmai è per ignoranza, che mi si intrecciano le parole, come a Fracchia si intrecciano "i diti". E' la macchinosità del poveraccio. Quell'altra, la macchinosità dell'elitario, è già stata battezzata da un famoso precedente letterario. Come racconta Rabelais, un giorno, Gargantua, che era un gigante, rubò le campane di Notre Dame per farne un collare alla sua cavalla. Venne incaricato un teologo della Sorbona, tale Janotus de Bragmardo, perché convincesse Gargantua alla restituzione. Rabelais fa proferire all'eloquenza dell'accademico frasi rimaste famose come: "Omnis clocha clochabilis in clocherio clochando clochative clochare facit clochabiliter clochantes." Che dovrebbe tradursi più o meno così:

"Ogni campana scampanabile (Omnis clocha clochabilis..)
quando scampana nello scampanaio (in clocherio clochando..)
fa scampanare scampanevolmente (clochare facit clochabiliter) ,
per la sua natura scampanativa, (clochative)
gli scampananti".(clochantes)

Naturalmente non sono sicuro della traduzione, se c'è qualche latinista in ascolto, possibilmente mi corregga. Da bravo umanista Rabelais difendeva la razionalità contro il pomposo vaniloquio degli scolastici di tradizione aristotelica. Quelli che poi Galileo chiamerà "otri pieni di vento". La scolastica è passata ma il vizio è rimasto, per cui non mi resta che lanciare un appello: "Bragmardi di tutto il mondo, uniamoci!"

E ora la parte "seria". Effettivamente, mentre io mi sono dilungato sulla "forma" del discorso di Dylan, dinve56 ha messo in risalto il contenuto, riconducendolo ai temi principali della sua ispirazione. Ben fatto. Pian piano viene a galla una dicotomia centrale: da una parte il "mind game" della forma, dall'altra il contenuto, come un residuo che deve sopravvivere al primo. La domanda è allora: com'è possibile? Quale contenuto, quale residuo di oggettività può sopravvivere al nichilismo del gioco mentale, alla riduzione del mondo a "velo di Maya" (come aveva sostenuto in maniera tutt'altro che illogica Adriano Ercolani nel suo blog)? Dylan è un postmoderno? (1) La questione si può anche esprimere in una maniera approssimativamente equivalente, che era comparsa in un precedente scontro d'armi con Sir Eglamore. Se liquidiamo tutti i giudizi di valore gerarchico, se il giudizio d'autorità (come quello di Stoccolma) è una costruzione sociale fittizia, in base a che cosa giudichiamo Bob Dylan superiore a certa fuffa pop? La mia impressione è che questo sia il problema che hanno tentato di risolvere sia Dylan che Bowie. Ma probabilmente c'è ancora parecchio da discutere.

(1) http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=42089

ciao, Miscio.

Mi stupisce caro Miscio che una domanda così mal espressa venga dalla tua penna, chi si chiede "in base a che cosa giudichiamo Bob Dylan superiore a certa fuffa pop?". Non c'è nessuna base a mio modo di vedere, basta ascoltare la musica e le parole ed ecco che si capisce perchè Dylan è superiore alla fuffa pop! Non lasciarti deviare da certe stupide teorie come la patafisica che vanno bene per gente che è poco impegnata e passa il tempo a fantasticare nuovi modi di vedere la realtà. Grandissima stronzata quella di dire che un orologio rotondo diventa rettangolare e piatto se lo guardi di fianco e non dal sopra. La verità è una cosa assoluta, non ne siamo noi i padroni anche se a volte cerchiamo con ogni mezzo di modificarla a nostro interesse e piacimento. Abbiamo sperimentato di persona questo modo deviante di fare informazione con la guerra del golfo, poi mi sono ricordato che 40 anni prima ci avevano fatto vedere la guerra come faceva comodo a chi tirava i fili del mondo. Noi non sapevamo niente di quello che succedeva in Corea nel 1959, la guerra del Guatemala del 1954 sfido qualcuno a ricordarsi cos'è stata, nel 1955 inizia il Vietnam ed inizia la grande mistificazione delle immagini e degli avvenimenti, l'America rimarrà profondamente scioccata dalla caduta di Saigon, gli americani non credettero mai ai racconti dei reduci dalla guerra del Vietnam (cosa spiegata molto bene col film "Rambo") fino a quando spuntarono le vere immagini della guerra e fu eretto il Vietnam Veterans Memorial Wall con incisi i nomi delle oltre 58.000 giovani vittime di quella pazzia descritta come una passeggiata per l'esercito americano data la imponente superiorità dei suoi armamenti. Nessuno ebbe il coraggio di scrivere che la nazione più armata del mondo fu capace di perdere una guerra contro un esercito di fantaccini armati quasi esclusivamente di AK47 più noto col nome di Kalashnikov. La mistificazione continuerà poi con le guerre del golfo, quelle in Iraq, Kosovo, Afganistan, e ancora oggi non si capisce con chi stiano combattendo i soldati americani e cosa sia realmente l'Isis e chi lo armi, fino a prova contraria le guerre non si possono fare col tirasassi. In pratica ci han fatto vedere le guerre come volevano loro e non quelle vere combattute sul campo. Avevano ridotto la guerra ad un gioco da play-station dove loro vincevano sempre, ma la realtà, checchè ne dicano i patafisici, è sempre diversa. Per capire cos'è la vera realtà basta recarsi ad Auschwitz, specialmente nel famigerato campo di sterminio di Birkenau, chiamato anche Auschwitz II, e allora diventa facile capire la realtà della verità che nessuno può contraffare.

Del velo di Maya ne abbiamo già parlato in passato, ricordo soltanto a coloro che non abbiano letto la spiegazione data allora, che con l'espressione "Velo di Maya", coniata da Arthur Schopenhauer nel suo "Il mondo come volontà e rappresentazione", si intendono diversi concetti metafisici (la metafisica concentra la propria attenzione su ciò che considera eterno, stabile, necessario, assoluto, per cercare di cogliere le strutture fondamentali dell'essere) e gnoseologici (La gnoseologia, dal greco gnòsis "conoscenza" + lògos, "discorso", è quella branca della filosofia che si occupa dello studio della conoscenza) propri della religione e della cultura induista e ripresi successivamente anche da vari filosofi moderni.

Quello che tu ipotizzi "giudizio di valore gerarchico, se il giudizio d'autorità (come quello di Stoccolma) è una costruzione sociale fittizia" non è una verità assoluta, è vero, Dylan è stato riconosciuto e premiato dagli accademici di Stoccolma ma questa è solo un'indicazione, non è il giudizio definitivo su cos'è Bob Dylan. Probabilmente fra mille anni ci sarà gente come noi che starà ancora cercando di intrappolare Dylan tra due serie di "virgolette", ma anche allora sarà tempo sprecato, perchè Dylan non è classificabile, Dylan è quello che ognuno di noi sente dentro di se, quindi Dylan potrebbe essere scisso in miliardi di identità e sensazioni diverse, ognuna valida e veritiera per ognuno di noi.

Infine spero che Sir Eglamore faccia di te polpette!!!! :O)))))))))))))))))))) Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10181 - samweller

Oggetto: rumors?

Carissimo,
indiscrezioni relative al tour autunnale del Nostro?
saluti, Ale

Mi spiace caro Eglamore, al momento non ci sono "rumors" concernenti il tour autunnale o il ritorno in Europa per un altro tratto che comprenda anche l'Italia. Appena ci saranno novità sta sicuro che le pubblicherò! Buona caccia, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Venerdì 7 Luglio 2017

Toronto, Ontario - Air Canada Centre, July 5, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)


_________________________________________________________________________________________________________

Oshawa, Ontario - Tribute Communities Centre, July 4, 2017

  

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

_________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10180 - naxela56

Ciao Mr. Tambourine,
mi sembra che dinve56/Carla abbia centrato perfettamente il problema. Bob ha ricevuto il premio Nobel per “aver creato nuove espressioni poetiche nell’ambito della tradizione della canzone americana”. C’è dunque la definizione, per quanto arbitraria, di un genere – la song – che senza dubbio include, per essere tale, la presenza della musica.
Dylan è stato forse più poeta all’inizio e più prosatore successivamente, ma sempre nella forma della song.
La consapevolezza di quale fosse la sua musa non è stata immediata, ma una volta riconosciuta le è stato sempre fedele. Poi Dylan è un genio rinascimentale, ed è quindi stato mille altre cose: non saprei dire se nelle altre sue espressioni creative sia stato ancora artista o semplicemente artigiano, ma mi sembra che le sue esperienze da cineasta, scrittore, pittore, scultore, DJ, boxeur, etc. non siano mai state gratuite.
Tarantula è stato scritto tra il 1965 e il 1966 e pubblicato almeno cinque anni dopo. La qualità letteraria dei testi delle sue canzoni era evidente, tanto che già nel New York Times del 12 dicembre 1965 un critico letterario lo indicava come candidato al titolo di American Public Writer N. 1: http://www.nytimes.com/books/97/05/04/reviews/dylan-writer.html
Ci fu la gara tra gli editori per assicurarsi i diritti di un libro di Bob Dylan, ma come abbiamo visto Tarantula fu pubblicato solo nel 1971. Cosa era successo? Certo, c’era stato l’incidente di moto: e nelle note introduttive dell’editore l’impossibilità da parte di Bob di rifinire il libro a causa dell’incidente era stata addotta come la causa che ne aveva ritardato la pubblicazione.
Ma, soprattutto, c’era stata la composizione di Like A Rolling Stone. Ecco cosa dice Bob nella celebre intervista a Playboy del 1966 (in realtà una staged interview con Nat Hentoff):
DOMANDA. Eri solito dire che avresti voluto dare meno concerti possibile, mantenere la maggior parte del tempo per te stesso. Pure, oggi suoni dal vivo e registri sempre di più. Perchè? Per i soldi?
RISPOSTA. Ora è tutto cambiato. La primavera scorsa (ndr, durante il tour di Don’t Look Back) pensavo che avrei smesso di cantare. Ero esaurito e per come andavano le cose ero in una situazione senza vitalità – intendo: quando canti “Everybody Loves You for Your Black Eye" e intanto la tua nuca sta sprofondando. Comunque, suonavo canzoni che non volevo fare, cantavo parole che non volevo dire. Non sto parlando di termini come "Dio" e "madre" e "Presidente" e "suicidio" e "coltellaccio da carne". Ma di semplici piccole parole come "se" e "speranza" e "tu", ma "Like a Rolling Stone" cambiò tutto: dopo quella canzone non me n’è fregato più niente di scrivere libri o poesie o affini.
Voglio dire che fu qualcosa che io stesso potevo apprezzare. E’ molto stancante quando gli altri ti dicono quanto gli piaci se tu stesso non ti apprezzi. E’ anche un intrattenimento letale. Al contrario di quanto credono alcune persone da paura, ora non suono con una band per ragioni commerciali o di propaganda. E’ solo che le mie canzoni sono quadri e la band assicura il sound dei quadri.
D. Pensi che suonare con un gruppo ed esser passato dal folk al folkrock ti abbia migliorato come esecutore?
R. Non penso a me stesso come un esecutore. Gli esecutori sono gente che si esibisce per altra gente. A differenza degli attori, io so cosa dico. Nella mia testa è tutto molto semplice. Non importa che tipo di reazione del pubblico venga scatenato da tutto ciò. Quel che accade sul palco è diretto. Non si aspetta né premi né contestazioni da parte di alcun agitatore esterno. E’ ultrasemplice ed esisterebbe comunque, sia in presenza di qualcuno che guardi o meno.

Ecco un estratto di un’intervista del 2012 a Ruth Gerson: https://americansongwriter.com/2012/01/ruth-gerson-on-dylan/ 
D. Come ha influenzato la tua musica?
R. Dylan mi ha fatto capire che la canzone è il luogo dove parole, musica e voce si uniscono in un sound unico, evocativo per l’ascoltatore. La parola senza la musica, la musica senza la parola o entrambe senza l’identità della voce non avrebbero la stessa espressione. (...)
D. Qual è il massimo grado di vicinanza che hai mai stabilito con lui?
R. Alla fine dei ’90 volevo pubblicare una mia versione di “Forever Young” in un album di brani che avevo suonato live (in tour) ... La mandai al responsabile per il publishing di Bob Dylan. Qualche settimana dopo ricevetti una chiamata: il suo manager l’aveva ascoltata e lo stesso aveva fatto Bob e lui sarebbe venuto ad un mio show. Ero shockata. Mi diedi da fare perché lo show fosse perfetto. Non mi aspettavo di riuscirci, ma mi eccitava l’idea di farcela.
Il giorno dello show ricevetti una chiamata molto gentile: non poteva venire per via di una prova, ma generosamente mi invitava a suonare qualche canzone durante il giorno. Mi sedetti con lui, uno-a-uno, per circa un’ora e mezza. Fu molto gentile. Il mio stomaco era comunque sottosopra, ma lui fece il possibile perché io fossi a mio agio. Abbiamo suonato vicini alcune canzoni e lui fece un a solo su una delle mie canzoni, “Summer Waters”. Non ci potevo credere — e a riguardare indietro ancora non ci credo — che stesse accadendo. Bob mi disse che le mie canzoni gli piacevano veramente, in particolare una che si chiama “Roof Jumping”, e quelle sue parole mi hanno sempre incoraggiato a proseguire. Dylan fu professorale. Testò la mia conoscenza della musica. Ero carente. La mia esperienza musicale prima di incontrare Bob era scrivere e suonare. Avevo speso poco tempo ad ascoltare. Dopo averlo incontrato ho cominciato ad ascoltare un album al giorno. Mi procurai la Harry Smith Anthology. Cambiò tutto.

Bob aveva anche notato che sul retro del mio disco c’erano alcuni comunicati stampa che mi lodavano come songwriter. Li lesse e mi guardò e, picchiettando la custodia con un unghia, disse “Non lasciare che ti chiamino così. Tu sei una song performer, non una songwriter. Non scrivi la canzone perché stia sulla pagina. La scrivi per cantarla”. Disse “Non è una canzone se non la esegui”.
Non sono sicura di citarlo perfettamente, ma questo è il mio ricordo di quel che disse, e spero di esserci vicina, perché questo è quel che penso al riguardo tutte le volte che suono.


Mi sembra che l’episodio riferito da Ruth getti luce sull’evoluzione del pensiero di Bob rispetto all’intervista del ’66, in particolare viene affinata la concezione della canzone come arte sempre cangiante: la canzone trova la sua verità – comunque non definitiva – non nella semplice scrittura, e relativa incisione su disco, ma nelle esecuzioni dal vivo.

Grazie ancora per il sito
Alexan wolf

PS ti segnalo questo link:
http://milanoartexpo.com/2017/06/16/una-silhouette-alla-finestra-a-night-with-bob-dylan-di-michele-ulisse-lipparini/
Non sono d’accordo proprio su tutto - penso anch’io come Carla che Bob sia più ad una svolta che al palo e che sia comunque molto “dentro” a quello che sta facendo -, ma trovo che l’impianto generale di quest’articolo interpreti in modo originale, e devo dire convincente, il nuovo corso di Bob da qualche anno a questa parte.

Caro Wolf, sono d'accordo con quanto scrivi e grazie per aver richiamato la mitica intervista rilasciata a Playboy nel 1966. Per quanto concerne la parte dell'intervista a Ruth Gerson posso confermarti l'esattezza di quanto hai scritto. Il fatto mi è stato raccontato di persona da Ruth che è una mia grande amica. Ho lavorato con lei per qualche anno durante i suoi brevi tour in Italia. Ho raccontato su queste pagine proprio la storia del giorno che Dylan suonò il campanello di casa di Ruth a New York e di come lei lo mando a farsi benedire pensando si trattasse di uno scherzo fino a quando Bob, risuonandole il campanello gli disse "Guarda dalla finestra", così salì in casa di Ruth ed i due rimasero ore a suonare canzoni di uno o dell'altra.

Non sono d'accordo invece sul fatto che Dylan stia esplorando nuove vie e che quindi stia compiendo una svolta, non vedo dove cinque dischi di old-classic sinatriani  possano portare. A mio avviso Dylan è in una sorta di blocco da scrittura e cerca altre vie per compensare questa speriamo momentanea mancanza di voglia o di capacità di scrivere nuove canzoni originali. Questi ultimi dischi non mi hanno emozionato, direi piuttosto che mi hanno deluso, sinceramente mi aspettavo qualcosa di più da Bob Dylan, al momento anche a me sembra essere rimasto al palo, ma non dispero, Dylan ha sempre un coniglio nel cappello da estrarre al momento giusto! Io, come tanti altri, continuo a stimarlo al massimo delle mie potenzialità, e se anche questi ultimi lavori mi hanno deluso non significa niente, lo ritengo un periodo di riposo da una vita piena di cose meravigliose che ha saputo dare ad ognuno di noi. E credo che ce ne darà ancora, basta saper aspettare!

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

ue
Mercoledì 5 Luglio 2017

Talkin' 10179 - dinve56

Buongiorno Mr. Tambourine,
prima di tutto grazie dei chiarimenti sulle stranezze dylaniane ed il presunto "poker-gambler"; come sempre le tue parole sono una bussola indispensabile per navigare nel vasto e tempestoso oceano della vita e dell'opera di Bob. Leggerò sicuramente il libro di Suze, insieme a quelli della Piva e di Esposito. Sto anche tentando di reperire quello di Carrera uscito nel 2012. Sono d'accordo con le tue considerazioni sui mutamenti espressivi dell'arte della parola e della musica negli ultimi cento anni. L'esempio del brano tratto da "Tosca", un'opera lirica a me molto cara, è illuminante: oggi un modo di esprimersi come quello citato sarebbe impensabile. Ora che il dibattito sulla lectio magistralis di Dylan è entrato nel vivo e anche Miscio ha svolto considerazioni pienamente condivisibili, mi limito ad alcune brevi considerazioni, partendo da un passo di un intervento di Miscio in cui dice :"... le opere sono inesauribili perchè non sono bare chiuse, ma "macchine desideranti" e lo sono in quanto si ricollegano alla nostra capacità di immaginare e di modificare il dato...". E' con questo spirito che occorre leggere la lectio dylaniana. Dylan non ha recitato la lezioncina scolastica su Melville, Remarque e Omero, ma ha, pur brevemente, reinterpretato tre opere importanti della letteratura occidentale e, soprattutto, ha spiegato che molti dei temi presenti in queste opere sono entrati nelle canzoni scritte da lui. A ben pensarci, "Moby Dick", "Niente di nuovo sul fronte occidentale" e "L'Odissea" presentano le tre tematiche fondamentali del canzoniere dylaniano: una visione apocalittica vetero-testamentaria del rapporto tra l'umano e il divino, l'odio per i signori della guerra e la retorica falsa che li circonda, gli amori, i tradimenti e i dolori della semplice vita umana. La particolarità della lectio di Bob è che, attraverso il "tu", egli spezza la barriera che divide lo scrittore-Dylan dal suo lettore, creando un circuito virtuale e virtuoso in cui Bob, i suoi lettori ed i protagonisti delle opere di cui sta parlando sono tutti uniti in un cerchio magico nel quale, alla fine, il dato vivo dell'esperienza vera e vissuta prevale emotivamente sulla fredda e morta espressione letteraria. Avrei ancora alcune considerazioni, ma le rimando, per non far abbioccare i Farmers che avranno la bontà di leggermi. Chiudo, per oggi, dicendo che mi unisco alle parole di daniella - leggerò anche la sua poesia -: la voce di Dylan ci va bene anche come è oggi... imperfetta ma inconfondibile. Grazie e lunga vita! Carla.

Non credo sia casuale che Dylan abbia citato le opere di Melville, Remarque e Omero che in un certo qual modo ti fanno sentire di far parte delle vicende che raccontano, proprio come le canzoni di Dylan che ti trascinanno dentro la storia da lui narrata. Miscio è sempre molto macchinoso e ricercato nei suoi scritti, a volte è necessario rileggerli con attenzione per capire bene il senso delle sue parole, però il fatto è sempre compensato dalla lucidità dell'analisi misciana. La sua mail nella quale parlava del sito antiwarsongs come probabile origine dell'errore di Dylan ha scatenato una bella discussione sul sito stesso che ti consiglio di leggere perchè è molto interessante:

https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=8269&lang=en

Alle prossime considerazioni, live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_______________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10178 - mauriziolongo

Ciao Mr. Tambourine,
quando ho letto questa cosa mi è tornato in mente Van Morrison, che negli anni 80 durante una puntata di Be Bop a Lula, mandò a quel paese Red Ronnie dopo due minuti di intervista.... il grande Van può dirsi un precursore dei tempi !!

http://www.giornaledibrescia.it/tempo-libero/red-ronnie-vasco-scrive-col-cuore-altro-che-bob-dylan-1.3188015

Parole sante!!! Anche questa volta ilo buon Red ha perso un' ottima occasionbe per star zitto! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

_______________________________________________________________________________________________________

Leggere la Bibbia ascoltando Bob Dylan                                                  clicca qui

 

 
Martedì 4 Luglio 2017

Barrie, Ontario - Barrie Molson Centre, July 2, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

_________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10177 - miscio.tux

Oggetto: Donvito

Caro Mr.Tambourine,
Non c'è niente da fare. Quante volte abbiamo parlato del cut-up? Della tecnica del collage? Della “scatola di Dylan”? (talkin 9752 - http://www.maggiesfarm.eu/news101gennaio2016.html). Del modo in cui Dylan scrive le canzoni, le Cronache, Tarantula? Sì, perchè credo che dinve56 abbia proprio ragione, in fondo Dylan, in altro modo, sta ancora scrivendo Tarantula. Nulla, nella crapa di certuni un cantante non può essere collegato alle tematiche dell'arte contemporanea, no, dev'essere un cantante ballerino, che dice pane al pane e vino al vino. Oppure è definitivamente una macchietta. Ci aspettiamo una class-action di qualche associazione di consumatori per esigere la rimozione dell'orinatoio e della Brillo Box dal museo. Sarà vietato iniziare un discorso sull'arte come prodotto sociale, la spada di Eglamore vigilerà sui sacri confini, e nell'orinatoio torneremo solo a pisciarci. Il tutto grazie a Donvito e alla sua “perenne ribellione interna antisistema”. La tempra del rivoluzionario d'acciaio che vigila sulle fette di salame, il parmigiano e, centro dell'Universo, lo spinello libero. Che altro può desiderare un liberale, liberista e libertario: pane, prosciutto, figa, lambrusco e una canna per il relax. Quanto basta, visti i tempi, per un programma elettorale. Magari ci si potrebbe fermare un attimo, informarsi, scoprire che Dylan è un buon cervello, che molti di quelli che gli altri studiano sui libri, lui li ha incontrati di persona, e che anche il discorso per il Nobel può essere un esempio del parlare a più livelli. Del rapporto tra letteratura e canzone, tra realtà e verità, tra la creatività individuale e quella tecno-sociale. Perché c'è anche quest'altro di problema: senza che le fette di salame se ne accorgano, la scrittura sta iniziando ad entrare nell'ambito di quella riproducibilità tecnica in cui la pittura è entrata già da tempo con la nascita della fotografia. E con lo sviluppo della rete e dell'intelligenza artificiale ci entrerà sempre di più. Siamo proprio sicuri che la creatività umana non ne sarà coinvolta perché risiede in uno spazio trascendente? Non rischiano i cultori dell'autenticità la figura di quelli che tentano di fare una divisione più velocemente di un calcolatore? La pittura reagì a suo tempo abbandonando la funzione mimetica per diventare sempre più astratta. In che direzione andrà la scrittura e la composizione di testi? Si tratta di temi che perlomeno meritano di essere discussi. E invece no, molto più semplice pensare che ci si trova di fronte a un Pierino che copia il compito, per giunta così cretino da credere che a Stoccolma non usino internet.
ciao, Miscio.

Caro Miscio, non saprei che dire di fronte alla tua lucida analisi. Certamente in ritardissimo, i parrucconi saccentissimi di Stoccolma si sono finalmente resi conto che la letteratura odierna è mutata, il linguaggio è cambiato, il modo di espressione ed il modo di comunicazione hanno imboccato vie nuove e nessuno di noi può sapere dove andranno a finire. Credo che a livello di messaggio e di emozione una canzone sia in grado di comunicare e commuovere più di qualunque altra espressione artistica umana. Una canzone è un pugno nello stomaco, un  pugno nella mente, un pugno sul mento che ti può mettere K.O. Ragionissima aveva Ginsberg quanto disse che Dylan aveva portato la poesia nei juxebox, allora sembrò una stronzata, la boutade di uno spinellatore di professione, ma il tempo ha dimostrato che era la verità. Ci son voluti 50 anni prima che l'istituzione tradizionalista se ne accorgesse e corresse ai ripari, eppure, non ostante tutto, ci sono ancora persone che credono che qualcuno abbia affidato loro la "saccenza" affinchè possano illuminare la povera gente come noi che non capisce un cazzo, specialmente quando abbiamo a che fare con testi inglesi che facciamo fatica a comprendere. Non voglio fare nomi perchè non mi sembra il caso, c'è già un sacco di gente che fa già la consueta figura meschina quando vengono intervistati su un qualunque argomento dello scibile umano, figuriamoci sparare un giudizio su un certo Bob Dylan che questi dotti credono essere ancora il menestrello munito di liuto o di un simile strumento cordofonico a pizzico composto da un manico sul quale l'esecutore preme con le dita le corde nelle posizioni opportune e da una cassa di risonanza o armonica che serve per amplificare il suono. Questi dottissimi per eccellenza faranno fatica ad elencare una decina di canzoni "icona" del sopracitato menestrello duluthiano, certamente conoscono Blowin' in the wind, certamente hanno sentito Mr. Tambourine Man senza capirne il significato, Suze Rotolo ha detto che Bob scrisse Mr. Tambourine Man dopo un loro litigio e dopo aver vagato tutta la notte per le strade ed i locali del Village, probabilmente aveva già in mente qualcosa di simile ed aspettava la molla giusta che facesse scattare il meccanismo. Tornando a quanto stavo dicendo, chissà se questi soloni conoscono il testo di Ballad of a thin Man, Desolation row, The times they are a-changin' ( poi che vuol dire "a-changin'?), o Chimes of Freedom, o All along the watchtower, e poi mi fermo qui perchè ritengo inutile continuare ad elencare titoli di canzoni che difficilmente conosceranno. Anche la musica e la scrittura dei testi hanno reagito evolvendosi con il cambiamento dei tempi, oggi un testo di una qualunque delle "arie" più famode dell'Opera lirica ci strapperebbe un sorriso per la sua ingenuità nella forma e nell'espressione. Oggi il testo dell'aria "Vissi d'Arte" tratta dalla Tosca di Puccini che fu un cavallo di battaglia dell'immensa ed irraggiungibile Maria Callas sembra il pensierino di un poetucolo da oratorio, con tutto il rispetto per l'oratorio, mi pregio di riportarlo per far capire cosa intendo:
Vissi d’arte, vissi d’amore,
non feci mai male ad anima viva!
Con man furtiva
quante miserie conobbi aiutai.
Sempre con fè sincera
la mia preghiera
ai santi tabernacoli salì.

Sempre con fè sincera
diedi fiori agl’altar.
Nell’ora del dolore
perchè, perchè, Signore,
perchè me ne rimuneri così?
Diedi gioielli della Madonna al manto,
e diedi il canto agli astri, al ciel,
che ne ridean più belli.
Nell’ora del dolor
perchè, perchè, Signor,
ah, perchè me ne rimuneri così?

Stessa cosa per "E lucean le stelle" cantata da Cavaradossi, sempre dalla Tosca:

E lucevan le stelle ...
ed olezzava la terra
stridea l'uscio dell'orto ...
e un passo sfiorava la rena ...
Entrava ella fragrante,
mi cadea fra le braccia.

O! dolci baci, o languide carezze,
mentr'io fremente le belle forme disciogliea dai veli!
Svanì per sempre il sogno mio d'amore.
L'ora è fuggita, e muoio disperato!
E muoio disperato!
E non ho amato mai tanto la vita,
tanto la vita!

Ci sarebbe da ridere se non si trattasse di una vera tragedia, Cavaradossi fucilato e Tosca si suicida gettandosi dagli spalti di Castel Sant'Angelo a Roma.

Quanta differenza dai testi di Bob Dylan......ma certa gente sembra non essersi accorta dei mutamenti comportamentali, espressivi dell'arte contemporanea che, o per bene o per male, non assomiglia più nemmeno da lontano a quella di un centinaio d'anni fa. Non che la cosa mi turbi....dormo lo stesso.......ma in fondo mi spiace per coloro che non hanno capito! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Lunedì 3 Luglio 2017

Talkin' 10176 - daniella.bardelli

Ciao, la cosa che mi affascina di Bob Dylan ora è la sua voce, così diversa ovviamente rispetto a quando era giovane, ma così poetica oggi e commovente, ecco sintetizzato il mio pensiero in tre semplici versi:

https://poesiaprosaspontanea.wordpress.com/tag/ancora-sulla-voce-di-bob-dylan/

Dianella

Ciao Daniella, Ungaretti docet? Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

______________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10175 - dinve56

Buongiorno Mr. Tambourine,
ho appena apprezzato la tua recensione del libro di Suze Rotolo. Suze ha avuto il coraggio di raccontarsi e, mi permetto di aggiungere, è stata una ragazza che è uscita dall'ombra, che spavaldamente si è fatta ritrarre accanto ad un ragazzo in modo non convenzionale, consacrando se stessa e Bob alla celebrità. Non ci vuole una grande fantasia per capire le difficoltà che deve aver incontrato, anche in seno alla sua famiglia, colta e preoccupata delle conseguenze di un atteggiamento così anticonformista. La storia tuttavia, cammina anche grazie alla vitale incoscienza di giovani come Suze e Bob. Io credo infatti che, anche dalla copertina di "a ruota libera", sia iniziato un processo storico di portata enorme, che si chiama emancipazione femminile, processo doloroso e complesso che, come tutti i diritti umani, è partito dal Nuovo Mondo per arrivare, successivamente, in Europa.
Mentre leggo la tua recensione, sono anche alla prese con un tema che mi ha spiazzato. Ho esplorato le "stranezze dylaniane" ed ho scoperto che Dylan attribuirebbe la sua incredibile resistenza sulla "cresta dell'onda" alla capacità di leggere le carte. Ho anche scoperto che, sempre secondo queste fonti citate nel sito,Bob dovrebbe il suo successo al fatto che incarna il mito americano del biscazziere che costruisce la sua fortuna tra tavolo verde, whisky e donne.
Dunque, là dove io vedo, nel processo artistico e poetico di Bob, un disegno lucido, ci sarebbe solo, secondo queste recenti letture, un "rambling-gambling" dall'esito fortunato. Non mi resta che arruolarmi nell'esercito della salvezza, ammesso che esista ancora! Chiedo lumi a Mr.Tambourine e lo ringrazio anticipatamente. Aggiungo solo che anche Ulisse, nel poema omerico che da lui prende il nome,è un avventuriero che si sposta sul Mediterraneo invece che attraverso gli States e che Omero chiama "uomo dal multiforme ingegno" - andra polutropon - quello che noi definiamo, in gergo giovanile, cacciapalle seriale.Grazie e lunga vita! Carla.


Ciao Carla, ti consiglio di leggere il libro di Suze, ci sono tante interessantissime cosa da scoprire sugli anni del Village. Che Bob sia stato un grandissimo cacciapalle, appena giunto a New York, è sacrosanta verità e puoi trovarne conferma dalle parole di Suze riportate nel suo libro, Bob era un pò la simpatica barzelletta del Village, tutti dicevano "Chissà quale sarà la prossima" dopo aver ascoltato una delle diverse versioni dylaniane della sua gioventù. Per quanto riguarda il leggere le carte e la storia del poker-gambler immerso nello whiskey e circondato da nuguli di donne bisogna prendere tutto con le molle, maggiesfarm, giustamente, riporta i pensieri e le opinioni di tutti, poi bisogna anche sapere dove finisce la verità e dove invece comincia la fregnaccia. Ma vedo che hai le idee chiare su Bob quindi non preoccuparti, quelle sono solo voci che servono per riempire qualche trafiletto malpagato o per suscitare insane curiosità. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

______________________________________________________________________________________________________________________

Suze Rotolo: quei giorni d'amore in West 4th Street - di Paolo Vites           clicca qui

______________________________________________________________________________________________________________________

La magnifica storia di “Hallelujah” di Leonard Cohen                                clicca qui

 

 
Domenica 2 Luglio 2017

Montreal, Quebec - Centre Bell, June 30, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

_________________________________________________________________________________________________________

Libri: «Bob Dylan» -  di Salvatore Esposito                                                 clicca qui

_________________________________________________________________________________________________________

Contento di non andare al concerto di Vasco Rossi                                   clicca qui

(Nota di Mr.Tambourine: Dopo aver letto l’articolo scritto dal Sig. Vincenzo Donvito Presidente dell’Associazione Aduc ,
( https://www.aduc.it/ , che è un’associazione no profit che ha deciso di non usufruire di finanziamenti pubblici né di ospitare pubblicità, però da la possibilità ai suoi eventuali assistiti di fare una donazione finanziaria), mi sono
trovato in completo disaccordo sul giudizio espresso dal sopra citato Presidente Donvito su Bob Dylan e Vasco Rossi. Il Sig. Donvito si è stupito o meravigliato, se un vincitore di un Premio Nobel scrive la “obbligatoria” Nobel lecture o “Lectio Magistralis” che dir si voglia, magari scrivendola in fretta senza controllarla parola per parola, citando il testo della canzone “You Ain't Talkin' to Me”, sembrerebbe, ripeto, sembrerebbe perchè nessuno di noi può sapere dove Bob abbia reperito il testo, che sembrerebbe essere un errore e per la somiglianza alle “SparkNotes” per la parte del suo discorso che riguarda Moby Dick. Ritengo che moltissimi di noi, per avere riferimenti di qualunque argomento, non si senta moralmente un “faker” solo perchè ha usato Internet per avere informazioni velocemente. Non vedo perchè Dylan avrebbe dovuto snobbare l’Accademia di Svezia, farla tribulare un pò non vuol dire snobbarla, rinunciando così ad una somma di 900.000 euro. Fosse incapace di intendere e di volere lo capirei anche, ma, essendo una persona sanissima di mente (altrimenti non avrebbe vinto un Premio Nobel proprio per la letteratura) non vedo il motivo di rinunciare ad incassare quella notevole somma. Stesso discorso per Vasco Rossi, colpevole soltanto, sempre secondo il Presidente Donvito di fare il suo lavoro, cioè la rock star che non fa nient’altro che fare il suo lavoro, cioè un concerto rock, se poi gli spettatori sono 1.000, 10.000 o 240.000 come nel caso di questa sera non credo sia una colpa imputabile a lui, e poi, che razza di colpa sarebbe tenere un concerto per 240.000 persone? I Rolling Stones si sono esibiti l’anno scorso a Cuba davanti a 1.200.000 persone e prima ancora a Rio De Janeiro davanti a 1.300.000 persone, meritano dunque di essere compatiti e trattati con sufficienza per questa imprudenza? Per quello che è successo a Torino in piazza dove purtroppo una ragazza ha perso la vita in quella disgraziata confusione, non possiamo dare la colpa alla Juventus, ma bensì all’organizzazione approssimativa ed inadeguata all'evento messa in atto dai responsabili del comune di Torino, ma tanto sappiamo che saranno tutti assolti da qualunque colpa. Dunque Bob Dylan, Vasco Rossi (peccato ci sia stato quell’intruso di Paolo Bonolis, non per colpa sua ma perchè mamma Rai non aveva l'esclusiva di tutto il concerto :o(((((((, che ha fatto tutto ciò di cui era capace per massacrare il concerto ed annoiare gli spettatori televisivi che, volenti o nolenti, hanno dovuto sorbirselo), non han fatto altro che fare il loro lavoro, e li vogliamo denigrare per questo? Va bene che nel nostro paese c’è gente che si chiede cosa abbia fatto di male uno che timbra il badge nel palazzo del Comune nel quale lavora e poi va a fare una partita a tennis, al supermercato a fare la spesa o passare qualche ora di lavoro giocando alle slot machines, ma credo che, come dice il proverbio, il troppo stroppia.

 

 
Sabato 1 Luglio 2017

Ottawa, Ontario - Canadian Tire Centre, June 29, 2017

   

1. Things Have Changed (Bob on piano, Donnie on pedal steel)
2. Don’t Think Twice, It’s All Right (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
3. Highway 61 Revisited (Bob on piano, Donnie on lap steel)
4. Why Try To Change Me Now (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
5. Summer Days (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar)
6. Make You Feel My Love (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
7. Duquesne Whistle (Bob on piano, Donnie on lap steel,Tony on standup bass)
8. Melancholy Mood (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
9. Stormy Weather (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
10. Pay In Blood (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
11. Once Upon A Time (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
12. Tangled Up In Blue (Bob on piano, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar)
13. Early Roman Kings (Bob on piano, Donnie on lap steel, Tony on standup bass)
14. Desolation Row (Bob on piano, Donnie on electric mandolin, Tony on standup bass)
15. Soon After Midnight (Bob on piano, Donnie on lap steel, Stu on acoustic guitar)
16. That Old Black Magic (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)
17. Long And Wasted Years (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
18. Autumn Leaves (Bob center stage, Donnie on pedal steel, Tony on standup bass)

(encore)
19. Blowin' In The Wind (Bob on piano, Donnie on violin, Stu on acoustic guitar, Tony on standup bass)
20. Ballad Of A Thin Man (Bob on piano, Donnie on lap steel)

 

PREVIOUS PAGE - PAGINA PRECEDENTE

MOTORE DI RICERCA INTERNO

cerca in maggiesfarm.eu

ARCHIVIO NEWS