maggiesfarm.eu - sito italiano di bob dylan

 

 

SITO ITALIANO DEDICATO A BOB DYLAN

 

2016 Nobel Prize in Literature

created by Michele "Napoleon in rags" Murino                                             managed by Mr.Tambourine

                                                                                                                  

                                                                                                                

invia le tue e-mail a : spettral@alice.it
il presente sito, amatoriale, non riveste alcun carattere commerciale, ma intende solo onorare l'artista cui è dedicato. I testi delle canzoni e le immagini che appaiono in questo sito sono coperti da copyright © ed appaiono a solo scopo illustrativo e di studio (diritto di citazione), appartenendo ogni titolo di proprietà e di utilizzo ai rispettivi autori ed editori. Gli aventi diritto potranno richiedere la rimozione delle pagine qualora si sentano lesi. Nella nostra personale convinzione che questo sito, come altri simili, non possa che costituire di riflesso un veicolo promozionale. Ove possibile verranno riportate le fonti.

send your e-mail to : spettral@alice.it
this amateur site has no commercial character, but will only honor the artist which is dedicated. The lyrics and images that appear on this site are copyrighted © and are for illustration purposes only and study (right to quote), and belong to each title and use to their respective authors and publishers. Rightholders can request removal of pages if they feel damages or injuried. Is our personal conviction that this site, as similar ones, can only be a reflection of a promotional vehicle. Where possible the sources will be listed.
This is an unofficial fan page, and is not affiliated with Bob Dylan

a

Sabato 22 Settembre 2018

In arrivo "More Blood, More Tracks - The Bootleg Series Vol. 14"           clicca qui

Dylan annuncia il nuovo bootleg "More Blood, More Tracks"                 clicca qui

 

 
Venerdì 21 Settembre 2018

"More Blood, More Tracks", The Bootleg Series Vol.14

Come da tempo si vociferava, oggi la Columbia Records/Legacy Recordings e bobdylan.com hanno annunciato la pubblicazione il 2 Novembre di "More Blood, More Tracks", il 14° capitolo delle Bootleg Series.

"Più sangue, più tracce." Sembra il titolo di un film di dell'orrore, invece è forse il nome del cofanetto più atteso finora delle Bootleg Series di Bob Dylan. La serie iniziò nel 1991 e ha con la prossima pubblicazione raggiunto il 14° volume.

Il Vol. 14 sarà pubblicato in due versioni, una di un CD o alternativamente 2 LP comprendente versioni alternative registrate a New York di tutte le 10 canzoni dell'album originale + una take inedita di "Up to Me"

Il cofanetto Deluxe di 6 CD conterrà le sessioni di registrazione complete di New York City + le cinque registrazioni di Minneapolis in ordine cronologico. La Deluxe edition sarà pubblicata in tiratura limitata e non è prevista una ulteriore pubblicazione. Conterrà le liner notes scritte da Jeff Slate e uno dei leggendari manoscritti di Bob Dylan di 57 pagine nelle quali sarà possibile seguire lo sviluppo dei testi delle canzoni che alla fine composero Blood on the Tracks nel 1975.


MORE BLOOD, MORE TRACKS - THE BOOTLEG SERIES VOL. 14
1 CD / 2LP

Tangled Up in Blue (9/19/74, Take 3, Remake 3)
Simple Twist of Fate (9/16/74, Take 1)
Shelter From The Storm (9/17/74, Take 2)
You’re a Big Girl Now (9/16/74, Take 2)
Buckets of Rain (9/18/74, Take 2, Remake)
If You See Her, Say Hello (9/16/74, Take 1)
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (9/16/74, Take 2)
Meet Me in the Morning (9/19/74, Take 1, Remake)
Idiot Wind (9/19/74, Take 4, Remake)
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (9/17/74, Take 1, Remake)
Up to Me (9/19/74, Take 2, Remake)

All Tracks Recorded at A & R Studios, New York 9/16 – 9/19/1974
Tracks Recorded 9/16 & 9/18
Bob Dylan – vocals, guitar, harmonica

Tracks Recorded 9/17 & 9/19
Bob Dylan – vocals, guitar, harmonica
Tony Brown – bass

All songs written by Bob Dylan


MORE BLOOD, MORE TRACKS - THE BOOTLEG SERIES VOL. 14
6 CD Deluxe Edition

DISC 1

A & R Studios - New York - September 16, 1974

If You See Her, Say Hello (Take 1) – solo
If You See Her, Say Hello (Take 2) – solo – previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
You’re a Big Girl Now (Take 1) – solo
You’re a Big Girl Now (Take 2) – solo
Simple Twist of Fate (Take 1) – solo
Simple Twist of Fate (Take 2) – solo
You’re a Big Girl Now (Take 3) – solo
Up to Me (Rehearsal) – solo
Up to Me (Take 1) – solo
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 1) – solo
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 2) – solo – included on Blood on the Tracks test pressing

Bob Dylan – vocals, guitar, harmonica

DISC 2

A & R Studios - New York - September 16, 1974

Simple Twist of Fate (Take 1A) – with band
Simple Twist of Fate (Take 2A) – with band
Simple Twist of Fate (Take 3A) – with band
Call Letter Blues (Take 1) – with band
Meet Me in the Morning (Take 1) – with band – edited version included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on Blood on the Tracks
Call Letter Blues (Take 2) – with band – previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
Idiot Wind (Take 1) – with bass
Idiot Wind (Take 1, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 3 with insert) – with bass
Idiot Wind (Take 5) – with bass
Idiot Wind (Take 6) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Rehearsal and Take 1) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 2) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 3) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 4) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 5) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 6) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 6, Remake) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 7) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 8) – with band

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Eric Weissberg, Charles Brown III, Barry Kornfeld: guitars
Thomas McFaul: keyboards
Tony Brown: bass
Richard Crooks: drums
Buddy Cage: steel guitar (5-6)

DISC 3

A & R Studios - New York - September 16, 1974

Tangled Up in Blue (Take 1) – with bass

A & R Studios - New York - September 17, 1974

You’re a Big Girl Now (Take 1, Remake) – with bass and organ
You’re a Big Girl Now (Take 2, Remake) – with bass, organ, and steel guitar –included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on Biograph
Tangled Up in Blue (Rehearsal) – with bass and organ
Tangled Up in Blue (Take 2, Remake) – with bass and organ
Spanish is the Loving Tongue (Take 1) – with bass and piano
Call Letter Blues (Rehearsal) – with bass and piano
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake) – with bass and piano
Shelter From The Storm (Take 1) – with bass and piano – previously released on the Jerry McGuire original soundtrack
Buckets of Rain (Take 1) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 2) – with bass
Shelter From The Storm (Take 2) – with bass
Shelter From The Storm (Take 3) – with bass
Shelter From The Storm (Take 4) – with bass – previously released on Blood on the Tracks

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass
Paul Griffin: keyboards (2-9)
Buddy Cage: steel guitar (3)

DISC 4

A & R Studios - New York - September 17, 1974

You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake 2) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 2, Remake 2) – with bass – previously released on Blood on the Tracks

A & R Studios - New York - September 18, 1974

Buckets of Rain (Take 1, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 2, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 3, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 4, Remake) – solo

A & R Studios - New York - September 19, 1974

Up to Me (Take 1, Remake) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 1, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 2, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 3, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 4, Remake 2) – with bass – previously released on Blood on the Tracks
If You See Her, Say Hello (Take 1, Remake) – with bass – previously included on Blood on the Tracks test pressing
Up to Me (Take 1, Remake 2) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake 2) – with bass
Up to Me (Take 3, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Rehearsal) – with bass
Meet Me in the Morning (Take 1, Remake) – with bass – previously released on the “Duquesne Whistle” 7” single
Meet Me in the Morning (Take 2, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 5, Remake 2) – with bass

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass (1-2, 7-20)

DISC 5

A & R Studios - New York - September 19, 1974

Tangled Up in Blue (Rehearsal and Take 1, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 2, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 2) – with bass – included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
Simple Twist of Fate (Take 2, Remake) – with bass
Simple Twist of Fate (Take 3, Remake) – with bass – previously released on Blood on the Tracks
Up to Me (Rehearsal and Take 1, Remake 3) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake 3) – with bass – previously released on Biograph
Idiot Wind (Rehearsal and Takes 1-3, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 4, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 4, Remake) – with organ overdub – included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
You’re a Big Girl Now (Take 1, Remake 2) – with bass
Meet Me in the Morning (Take 1, Remake 2) – with bass
Meet Me in the Morning (Takes 2-3, Remake 2) – with bass

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass

DISC 6

A & R Studios - New York - September 19, 1974

You’re a Big Girl Now (Takes 3-6, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Rehearsal and Takes 1-2, Remake 3) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 3) – with bass

Sound 80 Studio - Minneapolis, MN - December 27, 1974

Idiot Wind – with band – previously released on Blood on the Tracks
You’re a Big Girl Now – with band – previously released on Blood on the Tracks

Sound 80 Studio - Minneapolis, MN - December 30, 1974

Tangled Up in Blue – with band – previously released on Blood on the Tracks
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts – with band – previously released on Blood on the Tracks
If You See Her, Say Hello – with band – previously released on Blood on the Tracks

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica, organ (4-5), mandolin (8)
Tony Brown: bass (1-3)
Chris Weber: guitar (4-6, 8)
Kevin Odegard: guitar (6)
Peter Ostroushko: mandolin (8)
Gregg Inhofer: keyboards (4-8)
Billy Peterson: bass (4, 6-7)
Bill Berg: drums (4-8)

All songs written by Bob Dylan except Spanish is the Loving Tongue (traditional, arranged by Bob Dylan)
New York sessions originally engineered by Phil Ramone
Minneapolis sessions originally engineered by Paul Martinson


 

 
Martedì 18 Settembre 2018

Bob Dylan With Tom Petty and The Heartbreakers "Hard to Handle" Live

  

Track List

1) In The Garden
2) Just Like A Woman
3) Like A Rolling Stone
4) It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding)
5) Girl From The North Country
6) Lenny Bruce
7) When The Night Comes Falling From The Sky
8) Ballad Of A Thin Man
9) I'll Remember You
10) Knockin' On Heaven's Door

The Queen Of Rhythm: Debra Byrd, Queen Esther Marrow, Madelyn Quebec, Elisecia Wright.

 

 
Lunedì 17 Settembre 2018

Chiunque canta meglio di Bob Dylan - di Leonardo Tondelli                     clicca qui
The Witmark Demos: 1962–1964 (Bootleg Series, vol. 9, 2010)

____________________________________________________________________________________________________________________

Robert Johnson, un blues per il diavolo                                                   clicca qui

 

 
Sabato 15 Settembre 2018

Tour 2018, altre 7 nuove date a New York

Oggi bobdylan.com ha confermato 7 nuovr date che si terranno al Beacon Theatre di New York:

23 Novembre 2018 - New York, NY - Beacon Theatre
24 Novembre 2018 - New York, NY - Beacon Theatre
26 Novembre 2018 - New York, NY - Beacon Theatre
27 Novembre 2018 - New York, NY - Beacon Theatre
29 Novembre 2018 - New York, NY - Beacon Theatre
30 Novembre 2018 - New York, NY - Beacon Theatre

01 Dicembre 2018 - New York, NY - Beacon Theatre

______________________________________________________________________________________________________________________

Da Blake a Rimbaud: influenze letterarie nella poetica di Bob Dylan          clicca qui

 

 
Venerdì 14 Settembre 2018

Talkin' 10568 - zoppasm

https://medium.com/mitologie-a-confronto/twinology-f0b61d53d7ee

Un saluto, Marco

Grazie per la segnalazione ed un saluto anche a te, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Giovedì 13 Settembre 2018

Talkin' 10567 - confalonieri.c

Gentile Mr. Tambourine, mi saprebbe dire chi è il personaggio nella foto con Bob?
Grazie e complimenti per il sito, Cinzia.

Allora, Il bizzaro tipo nella foto con Dylan si chiama Michael Portnoy ed è, con beneficio d'inventario, un artista multimediale americano, coreografo, musicista, attore e curatore. Si definisce un "direttore del comportamento". È stato descritto in “Art in America” come "uno degli artisti di spettacolo più interessanti".
Per la performance di Bob Dylan di "Love Sick" ai Grammy Awards del 1998, Portnoy fu ingaggiato dallo Staff di Dylan per stare in disparte con altri ballerini per "dare alla musica di Bob una buona atmosfera". Invece, a metà dello spettacolo, Portnoy si strappò la maglietta, corse accanto a Dylan e iniziò a ballare e contorcersi spasmodicamente con scritto sul petto il poema di due parole "Soy Bomb". Interrogato dai giornalisti, Portnoy ha spiegato il significato del poema: "La soia ... rappresenta una vita nutrizionale densa, la bomba è, ovviamente, una forza distruttiva esplosiva, quindi la bomba di soia è ciò che penso che l'arte dovrebbe essere: vita densa, trasformativa, esplosiva". L’organizzazione dei Grammy scelse di non sporgere denuncia contro Portnoy per il suo comportamento, ma non gli venne pagato il “gettone” di presenza di 200 dollari.

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Mercoledì 12 Settembre 2018

Tour 2018: nuova data in Dicembre

3 Dicembre 2018 - Philadelphia, PA - The Met Philadelphia

Confermata da bobdylan.com la prima data di Dicembre che molto probabilmente sarà seguita da altre date nello stesso mese che chiuderanno il tour 2018.

___________________________________________________________________________________________________________________

Nicky Hopkins, il più "pianista"

Nicholas Christian Hopkins, detto Nicky (Londra, 24 febbraio 1944 – Nashville, 6 settembre 1994), fu il più noto pianista inglese, molti anni prima di Elton John. Oltre ad aver pubblicato diversi dischi da solista, fu il più ricercato pianista session man che la storia della musica rock negli anni '60 e '70 ricordi, avendo collaborato con i maggiori artisti del periodo, come Carly Simon, Hollies, Who, Rolling Stones, Kings, Jeff Beck, Beatles (White Album), John Lennon/Yoko Ono Plastic Ono Band, Jefferson Airplane, Quicksilver Messenger Service, Family, Donovan, Harry Nilsson, Ringo Starr, George Harrison, Peter Frampton, Joe Cocker, Alexis Korner, Jerry Garcia, Rod Stewart, Meat Loaf, Ron Wood, Jimmy Page, Jack Bruce, Paul McCartney, Gary Moore, David Bowie, Joe Satriani, Leo Sayer, Eric Clapton.
Nicky soffrì sempre di gravi problemi di salute che lo afflissero per tutta la vita e gli impedirono spesso di esibirsi dal vivo, costringendolo a limitare il suo grande talento quasi esclusivamente nelle registrazioni in studio.

con Joe Cocker

La sua prima registrazione come session man fu nel 1963 per il singolo One Way Ticket/I'm Gonna Love del gruppo Casey Jones & The Engineers, di cui faceva parte anche Eric Clapton. Fu quindi ricoverato in ospedale dove gli fu diagnosticata la malattia di Crohn, con gravi complicanze che posero a rischio la sua vita e lo costrinsero a una degenza di 18 mesi. Fu in tale periodo che morì Cyril Davies, e quando Hopkins riprese la carriera nei primi mesi del 1965, era ormai famoso e fu subito invitato a suonare nei primi singoli e nell'album di esordio My Generation degli Who, con i quali avrebbe inciso in seguito anche Who's Next e The Who by Numbers. Nel 1965 collaborò anche con Peter and Gordon e in due album dei Kinks, con i quali suonò in diverse occasioni. Fu anche membro per un breve periodo di The Lancasters e The Outlaws, dove suonò con Ritchie Blackmore. Il 1966 vide le sue prime pubblicazioni, il singolo Mr. Big ed il primo album The Revolutionary Piano of Nicky Hopkins.

Jagger, Taylor, Wyman, Bobby Keys, Keith Richards

Verso fine anno prese parte alle incisioni per la colonna sonora di Brian Jones del film Vivi ma non uccidere, con una band di cui facevano parte Jimmy Page e lo stesso Jones. Questi fu impressionato dal suo talento ed ebbe subito inizio la lunga collaborazione di Hopkins con i Rolling Stones, partecipando al singolo Something Happened to me Yesterday e realizzando la sovraincisione al piano per l'album Between the Buttons. Altri album del gruppo londinese in cui ha suonato sono Their Satanic Majesties Request (1967), Beggars Banquet (1968), Let It Bleed (1969), Sticky Fingers (1971), Exile on Main St. (1972), Goats Head Soup (1973) e It's Only Rock 'n' Roll (1974). Le canzoni degli Stones in cui il suo contributo è maggiormente celebrato sono Angie, She's a Rainbow, Gimme Shelter e Tumbling Dice.

  con i Quicksilver Messenger Service

Hopkins ha collaborato con i Rolling Stones alternandosi assai spesso con quello che avrebbe dovuto essere il pianista "titolare" degli Stones, Ian "Stu" Stewart ed è Hopkins ad essere ricordato come "la sesta pietra". Durante le pause di registrazione per l'album Let It Bleed degli Stones, ebbe modo di incidere anche il disco Jamming with Edward! improvvisando con Ry Cooder, Mick Jagger, Charlie Watts e Bill Wyman. Registrato nel 1969, l'album fu pubblicato nel 1972.

con Paul McCartney e Keith Richards

Nell'aprile del 1967 prese parte alle registrazioni dell'ultimo album degli Yardbirds “Little Games”. Il mese dopo suonò nella registrazione del brano degli Stones Sing This All Together (See What Happens), a cui presero parte anche John Lennon e Paul McCartney, che invitarono Hopkins per l'incisione del singolo dei Beatles Revolution del 1968. Altri musicisti con cui ha suonato in questo periodo sono Rod Stewart, Keith Richards, Keith Emerson, Georgie Fame, Jeff Beck Group, Bill Wyman, John McLaughlin, Andy White e Marc Bolan. Nel brano di quest'ultimo, Jasper C. Debussy, oltre a Hopkins parteciparono David Bowie e Jimmy Page. Nel 1968 suonò per il disco The Cheerful Insanity of Giles, Giles & Fripp con Robert Fripp, che poco dopo avrebbe fondato i King Crimson. Quello stesso anno fu attribuito a Hopkins e ad altri musicisti, tra cui Jimmy Page, John Paul Jones e Albert Lee, l'album No Introduction. In quel periodo ricevette l'invito a diventare membro dei Led Zeppelin, ma preferì rinunciare per gli impegni presi con Jeff Beck.

con John Lennon

Avendo suonato nelle principali band della British Invasion, Hopkins divenne famoso anche negli Stati Uniti. Ebbe modo di apprezzare gli States e la sua scena musicale durante le frequenti tournée americane che fece con il Jeff Beck Group, gruppo del quale era il pianista. Durante la prima, avvenuta nel 1968, Jimi Hendrix suonò con il gruppo durante diversi concerti, rimanendo impressionato da Hopkins. Nella seconda ebbe modo di suonare con Frank Zappa e di registrare due album con la Steve Miller Band. In questo periodo, il gruppo suonò per l'album Barabajagal di Donovan. Nel corso della nuova tournée americana, nel 1969 Hopkins lasciò la band e si stabilì a Mill Valley, nei dintorni di San Francisco, dove era entrato in contatto con altre band della West Coast, come i Jefferson Airplane e i Quicksilver Messenger Service. Sommerso dagli impegni, gli Stones dovettero volare a Los Angeles per finire con lui le registrazioni di Let it Bleed. Al ritorno a San Francisco partecipò alle incisioni di Volunteers dei Jefferson, suonando con la band al Festival di Woodstock nell'agosto 1969.

   con Jefferson Airplanes a Woodstock

Diventò quindi membro dei Quicksilver in occasione di Shady Grove, il secondo album della band, nel quale eseguì un notevole assolo di piano nel brano Edward, the Mad Shirt Grinder. Sarebbe rimasto con la band per quattro album, compreso quello delle riunione nel 1975. Nel periodo iniziale a Mill Valley, sposò in prime nozze Linda. Nel 1972 prese parte alla famosa tournée americana degli Stones. Il successo procuratogli dalla pubblicazione di Jamming with Edwards gli valse un contratto con la Columbia e poté realizzare nel 1973 il suo secondo album, The Tin Man Was a Dreamer, che malgrado un cast di grandi musicisti comprendente George Harrison, dimostrò lo scarso richiamo di Hopkins nelle vesti di front man. Il successivo No More Changes del 1975 non ebbe maggior fortuna e fu il suo ultimo album solista. Dopo un breve periodo in Inghilterra tornò negli Stati Uniti, dove rimase diversi anni.

con Jerry Garcia band

Dopo lo scioglimento dei Beatles, Hopkins ebbe modo negli anni settanta di lavorare in album di tutti e quattro i membri del gruppo: Imagine e Walls and Bridges di Lennon, Living in the Material World di Harrison, Ringo di Ringo Starr e Flowers in the Dirt di McCartney. Verso la fine degli anni settanta aggravò la propria salute esagerando nel consumo di droghe e alcolici; i concerti che fece con Jerry Garcia e Joe Cocker furono spesso rovinati da comportamenti deprecabili. Già debilitato dalla malattia cronica, fu quindi costretto a seguire un programma di disintossicazione. Il talento e la professionalità gli permisero di continuare a lavorare con molti musicisti, compresi Rod Stewart, Graham Parker, Meat Loaf, Julio Iglesias e molti gruppi emergenti.

con The Who

Dopo aver divorziato nel 1986 dalla prima moglie, conobbe e sposò Moira Buchanan, con la quale visse felice gli ultimi anni di vita. Ritornò in patria e collaborò nei lavori di Art Garfunkel, Jack Bruce, Gary Moore e degli Sky, ma l'ambiente musicale non lo soddisfò. Si trasferì allora a Los Angeles, dove molto del suo lavoro fu concentrato su musiche per film e televisione, ottenendo grande successo in Giappone con le colonne sonore.

  con Keith Richards

Un nuovo aggravamento della salute lo costrinse nel 1993 ad un nuovo ricovero ospedaliero e all'inizio del 1994 andò a vivere a Nashville, in Tennessee. Continuò a lavorare fino alla morte, che avvenne nel 1994 quando aveva 50 anni per complicazioni legate alla sua vecchia malattia e alla sua fragilità.

con Ron Wood e Rod Stewart

Con le sue collaborazioni in centinaia di dischi, pochi hanno suonato in così tanti lavori di alto livello come Hopkins. Fu grandemente richiesto dai migliori artisti per la velocità e precisione con cui sapeva eseguire qualsiasi tipo di musica gli fosse richiesto. Era inoltre gradito ai colleghi non solo per la sua abilità, ma anche per la sua professionalità ed allegria. Bill Wyman dei Rolling Stones lo ha definito il più grande pianista del rock and roll, i Kinks gli hanno dedicato il brano Session Man nell'album Face to Face del 1966, il critico statunitense Dave Marsh lo ha considerato il più importante session man di tutti i tempi. Nils Lofgren disse che "Nicky scrisse il libro sul pianoforte nel rock and roll".

La biografia di Julian Dawson And on Piano - Nicky Hopkins: The Extraordinary Life of Rock's Greatest Session Man a lui dedicata è stata pubblicata nel 2011.

Clicca sul link sottostante per vedere l’elenco di tutti gli album ai quali Nicky ha collaborato:
https://www.allmusic.com/artist/nicky-hopkins-mn0000400522/credits 

 

 
Martedì 11 Settembre 2018

Talkin' 10566 - barbarabelloni

Salve a voi tutti di Maggiesfarm.eu! Volevamo segnalarvi il nostro prossimo concerto, che si svolgerà SABATO 15 SETTEMBRE presso i giardini dell'arena romana di Padova, dato che avremo l'onore di ospitare un paio di musicisti di un certo certo spessore nel panorama musicale italiano.
Per l'occasione si uniranno a noi, infatti, l'armonicista vicentino Marco Pandolfi e l'organista bolognese Pippo Guarnera.
Pandolfi è ormai un solidissimo nome nella scena blues internazionale e le sue collaborazioni sono arrivate anche oltreoceano (è stato l’unico partecipante europeo al Delta Groove All Star Blues Revue del 2008, a Clarksdale, Mississippi).
Guarnera, siciliano di nascita ma bolognese d’adozione, è uno degli organisti più presenti e storici nella scena italiana, con collaborazioni che vanno dalla fusion dei Napolicentrale alla canzone d’autore di Finardi, Jannacci e molti altri, ma con le radici solidamente ancorate al blues, come dimostra la sua partecipazione al prestigioso Kansas City Blues & Jazz Fest con Al Green e Taj Mahal.
La serata è organizzata in collaborazione con la Promovies (biglietti 8€, 7€ per i tesserati, oppure in prevendita qui)
Grazie e alla prossima! ^_^

Barbara Belloni Band

Dylaniani padovani siete avvisati, don't dare to miss it! Mr.Tambourine, :o)

____________________________________________________________________________________________________________________

Vent'anni senza Lucio Battisti - di Paolo Vites                                           clicca qui

Riflessioni a vent'anni dalla scomparsa di Lucio Battisti                         clicca qui

Lucio Battisti, Sony pubblica tutti i suoi album                                        clicca qui

 

 
Lunedì 10 Settembre 2018

Talkin' 10565 - mmontesano

Ciao, su Tomtomrock Marco Zoppas parla del libro di Alessandro Portelli, Bob Dylan, pioggia e veleno. Ecco il link:

http://www.tomtomrock.it/journal/rock-e-letteratura-alessandro-portelli-bob-dylan-pioggia-e-veleno/

Marina Montesano.

:o))))) Live long and prosper, Mr.Tambourine.

 

 
Sabato 8 Settembre 2018

Talkin' 10564 - sebastiano.giulia

Dopo la mail di informazione di mio figlio dei primi di maggio, eccone l'esito, direttamente da Boston.
Cin Cin!
Riccardo.

Allora cin cin!!! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

 

 
Giovedì 6 Settembre 2018

Bob Dylan Live: 1962-1966 - Rare Performances From The Copyright Collections

Prima ancora di andare elettrico, una manciata di concerti di Bob Dylan vennero registrati dalla Columbia Records per un possibile album che sarebbe stato intitolato “In Concert”. Mentre diverse esibizioni tratte da queste registrazioni furono incluse in diverse compilations da archivio, né l'album come originariamente programmato, nè nessuna delle varianti considerate, e nemmeno gli spettacoli completi hanno ottenuto una pubblicazione specifica. L'apparizione nel 2011 di un concerto ultra-raro dai suoi giorni da folksinger si è rivelata, fino ad ora, un'idea autonoma.
Tuttavia, la Columbia ha ritenuto opportuno offrire ore di materiale vecchio, inizialmente su base limitata, per preservare la propria licenza di copyright e probabilmente con l'ipotesi che sarebbero stati piratati e distribuiti comunque. I primi tre anni della sua carriera discografica sono stati "protetti" in questo modo, quindi quasi tutte le note acquisite del 1965 e del 1966 sono state pubblicate tramite formati box set deluxe.
Come detto prima, non è tutto oro, e mentre alcuni sfegatati devono avere tutto ciò che l'uomo ha pronunciato o strimpellato, c'è a malapena abbastanza tempo per ascoltare tutto, tanto meno memorizzarlo. Ciò rende l'apparizione improvvisa di un set di dischi doppio chiamato "Live 1962-1966: Rare Performances From The Copyright Collections" sembra una grande idea finché non l’hai ascoltato. Data l’elevato numero di composizioni davvero rare tra cui scegliere, solo "Seven Curses" e "John Brown" rappresentano brani non presenti negli altri albums originariamente pubblicati in quel periodo. Storicamente parlando, c'è "Blowin 'In The Wind" con solo due strofe, "When The Ship Comes In" della Marcia su Washington con Joan Baez, l'elettrico "It's Many To Laugh" dal Newport Festival e "Maggie's Farm" dall'Hollywood Bowl. La stessa versione di "Ballad Of A Thin Man" è ripetuta nelle Bootleg Series Vol.7; ma avremmo preferito l'incendiaria "Like A Rolling Stone" dall'ultimo concerto alla Royal Albert Hall.
Certo, la musica è eccellente, e il sequenziamento illustra il suo sviluppo da alter ego di Woody Guthrie al leggendario artista che ha ispirato generazioni. Coloro che non hanno intasato i propri Hard Discs con questa roba, probabilmente apprezzeranno che questa uscita sarà resa disponibile e ad un prezzo relativamente basso. Ma è una collezione terribilmente casuale, che nasconde la sua origine come pubblicazione solo per il Giappone, un sorta di seguito di altri albums che almeno offrivano alcune rarità reali. La produzione casuale è sottolineata dalla cattiva correzione delle bozze sul dorso, che dice "PREFORMANCE", insieme alla vergognosa omissione di Richard Manuel sulle piste elettriche del 1966.

( Fonte: http://everybodysdummy.blogspot.com/2018/09/bob-dylan-64-live-1962-1966.html )

 

 
Martedì 4 Settembre 2018

Christchurch, New Zealand - Horncastle Arena, August 28, 2018

di Bill Hester

Pensieri casuali notturni.....

Grande setlist, voce forte, grande piano ed armonica di Bob, superba band, da non perdere (soprattutto se riuscite ad avere una buona visione, un buone ascolto e buoni posti a sedere).
Sono stato a guardare e ad ascoltare per molto tempo. Due canzoni del concerto di Christchurch le ho dentite per la prima volta dal vivo quasi 54 anni fa a Boston alla Symphony Hall, un luogo pieno di storia della musica. It Ain't Me baby e Don’t Think Twice, canzoni cantate bene anche quando era un 23enne con la sola chitarra folk.
E poi le stesse due canzoni ascoltate dal vivo in una grande arena moderna chiamata Horncastle Arena a Christchurch nel 2018, un'arena usata poco per la musica che questa volta ha accolto un uomo di 77 anni con la sua band di supporto stretta intorno a lui. Per fortuna il suono era molto buono (dove ero seduto io) secondo i grandi standard dell'arena, e le sue parole suonano ancora vere, lo stesso le due canzoni decostruite e rimaneggiate così bene.
Il concerto è stato il mio preferito dei suoi sedici concerti in Nuova Zelanda che ha tenuto negli anni. Un'esperienza molto positiva, voce forte in tutte i e venti le canzoni, arrangiamenti drammatici, meravigliosa band e un paio di canzoni a sorpresa dopo essersi rintanato nel buio con alcuni membri della sua band.
Spero che Bob scelga di continuare quello che fa così bene e spero di poter esserci anche per il prossimo concerto in cui le nostre strade si incroceranno nel tempo e nello spazio. Come ha detto lui molto tempo fa: "Poi hai sentito la mia voce cantare e tu conosci il mio nome ".

Bill Hester, Wellington

 

 
Lunedì 3 Settembre 2018

Talkin' 10563 - iosella.sommovigo

Ciao, scusami, ma a te risulta che Bob Dylan faccia concerti a New York o che Ustica (15 novembre) sia vicina a New York, raggiungibile in serata da New York?.
Grazie mille, Iosella.

Nessuna data a New York, però Bob terrà due spettacoli nelle seguenti località:

14 Novembre - Rochester, New York - Auditorium Theatre 
15 Novembre - Utica, New York - Stanley Center For The Arts - Stanley Theatre

Purtroppo le distanze sono notevoli cara Iosella, Rochester dista da New York 538 Km per un viaggio previsto in autobus o auto di 5 ore e 10 minuti, Utica invece dista 386 Km per un viaggio stimato di 3 ore e 53 minuti, quindi difficilmente raggiungibile in serata da NY. Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

__________________________________________________________________________________________________________________

Talkin' 10562 - giacomocarveni

Salve,
Le riscrivo perché non ho più una sua risposta su Maravich.
Grazie mille e buona giornata.

Caro Giacomo, probabilmente ti è sfuggita ma ho risposto alla tua domanda il giorno 6 Agosto 2018. Ti riporto sotto la risposta così non dovrai far fatica a cercarla! Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Lunedì 6 Agosto 2018

Talkin' 10547 - giacomocarveni

Oggetto: Maravich

Salve,
Non sono un grande conoscitore di Dylan (al contrario di mio padre che è un cultore ), ma mi sono imbattuto nella storia di Pete Maravich attraverso Federico Buffa e vorrei capire se come viene detto, ci sia una sorta di dedica a lui all’interno del brano Dignity. Vi ringrazio in anticipo per la risposta.


Ciao Giacomo, molto probabilmente anche tra i nostri "accaniti" lettori non tutti sanno che "Dignity" fu ispirata dalla morte di Pete Maravich che fu forse il miglior giocatore che il basket americano abbia mai avuto. Quando le radio diffusero la notizia Dylan fu molto colpito dalla morte di quello che forse, era stato uno degli idoli sportivi di Bob. Si ritirò in casa sfogando tutto il suo dispiacere scrivendo una fantastica canzone "stile Dylan", appunto "Dignity", trattando un tema già affrontato in altri modi da Dylan, alla sua maniera, narrando che aveva fatto molte domande ma senza avere avuto nessuna risposta. Nella canzone non c'è nessuno specifico riferimento a Pete, ma la sua improvvisa scomparsa fu quella che spinse Dylan a chiedersi con disillusione se qualcuno avesse mai visto di persona la dignità. La dignità, specialmente nella nascente America che ha sfruttato tutto e tutti per diventar grande, era una cosa non nota e non di moda, ne sanno qualcosa i nativi americani sterminati senza pietà, i milioni di negri comprati e venduti come animali per lavorare nei campi di cotone del sud, per arrivare ai giapponesi che si son beccati 2 bombe atomiche in testa dai civilissimi americani. Comunque, passando sopra alle premesse negative, ecco un pò il riassunto della storia:

“La notizia, passata da tutte le radio, era che Pete Maravich, detto “Pistol Pete”, il famosissimo fuoriclasse del basket, era crollato su un campo a Pasadena e non si era più rialzato. Maravich era qualcosa da vedere – zazzerone di capelli stile Beatles, calzini abbassati, un vero prestigiatore del parquet di basket, uno che avrebbe potuto giocare con una benda sugli occhi”.
Un certo Bob Dylan, interprete di folk songs ormai lontane nel tempo, seppure ignorasse che Pete da piccolo, nel sottoscala di casa si allenava davvero con gli occhi bendati e guanti da apicoltore su pressante volere del padre Peter, fu veramente scosso dalla notizia della sua morte. Di conseguenza si rinchiuse in casa per qualche giorno per comporre una canzone davvero commovente, intitolata Dignity, un pezzo nel quale affida a personaggi strambi, uno grasso, uno magro, uno povero, uno cieco, una cameriera, un inglese ed altri, la domanda vana di dove si potesse trovare la cosìdetta dignità, senza ottenere in cambio alcuna risposta, nemmeno dal Principe Filippo di Edimburgo, consorte della Regina Elisabetta II. Il 5 gennaio 1988, mentre giocava una partitella dimostrativa (si era da tempo ritirato dal basket) nel ginnasio di Pasadena (invitato da un giornalista), mentre sta bevendo un pò d'acqua alla fontanella a bordo campo, si accascia a terra improvvisamente colpito da infarto. Analisi successive rivelano che in realtà aveva una malattia congenita mai diagnosticata: non aveva l'arteria coronaria sinistra.

ACCADE OGGI, 5/1/1988: a Pasadena, CA, su un campo da gioco muore Pete “Pistol” Maravich

Il viaggio di oggi, lo ammettiamo, è triste, davvero triste per chi ama la palla a spicchi. Ma, come sempre, ci piace partire da lontano, per farvi vivere più intensamente possibile questa storia, con uno sguardo prima al passato e poi all’immediato attimo dopo l’evento che vi stiamo per raccontare. Partiamo da quest’ultimo: se siete amanti di Robert Zimmerman, più noto come Bob Dylan, conoscete la canzone Dignity, incisa nella notte tra il 5 e il 6 gennaio del 1988. Testo forte, come in ogni canzone della star del Minnesota, e con un significato particolare, dedicato proprio al nostro protagonista: Peter Press Maravich, ma per tutti Pistol Pete. Era mattina quando Bob Dylan apprese tramite radio la notizia della scomparsa del suo giocatore preferito, era con sua zia e, incredulo, ricordava tutte le giocate che gli vide fare una delle tante sere in cui Pistol dava spettacolo. Non poteva essere vero, no. Un uomo del genere non può andarsene così, con così poco clamore. Andava onorato, come si fa con i veri idoli della propria infanzia. Quella notte fu incisa “Dignity” ( https://www.youtube.com/watch?v=gSy267PTSnY  ). Cosa spinse quella sera Robert o Bob che sia a scrivere quella canzone commemorativa non è importante, ciò che più conta è quello che Pete aveva lasciato dentro i cuori di tutte quelle persone che almeno una volta lo avevano visto con una palla in mano. Passo indietro, di circa 24h. Da casa della zia di Zimmerman ci spostiamo nell’estremo sud della California, sulla costa occidentale degli Stati Uniti, a Pasadena. Nella scuola di un ginnasio vecchia maniera, legato alla Chiesa del Primo Nazareno, sta disputando, su invito probabilmente di James Dobson, giornalista di Focus on the Family, una partitella in cui si vede la doppia natura di Pistol Pete. Da un lato ancora in grado, a 40 anni, di comporre sonetti su un campo da basket, di stupire chi non riesce a staccare gli occhi da lui, dall’altro una persona che non ha più reali contatti col mondo terreno, che ha dedicato le ultime battute della sua vita alla conversione totale al cristianesimo e all’idea che l’ufologia fosse fondata e che, prima o poi, saremmo andati incontro ad una nuova civilizzazione. Questo dualismo, che lo ha accompagnato duranti gli ultimi 5 anni della sua vita, non lo ha reso meno straordinario, anzi. Questa sua capacità di vivere due mondi diversi lo ha reso ancor più speciale, anche se agli occhi di qualcuno poteva sembrare del tutto lunatico. Saranno sue le parole “I want to be remembered as a Christian, a person that serves Him [Jesus] to the utmost, not as a basketball player” (Voglio essere ricordato come un cristiano, una persona che ha servito Gesù al massimo, non solo come un giocatore di basket). No, come ripeteva Bob Dylan, non può essere. Non poteva finire. Dopo qualche giro difensivo di riposo, qualcuno urla “Water break!”, per rifiatare. Come in ogni palestra c’è la solita fontanina, dove basta premere un pulsante per veder saltar fuori un getto d’acqua. Stando a quello che hanno raccontato i presenti, fortunati come pochi, Dobson udì le ultime parole di Pete: “Pete come ti senti?” chiese James. La risposta fu immediata: “I feel great, sto benissimo!”. Ecco, quelle furono le sue ultime parole. Qualche attimo dopo, vicino a quella stessa fontanina, cade a terra, senza vita, vittima di un’insufficienza cardiaca. Sarà la sua ultima caduta, quella più importante, quella più brutta. L’autopsia rivelerà, però, una delle cose più sconcertanti. La sua morte non è dovuta ad un “semplice” infarto o come lo abbiamo definita prima. Il dottore che lo ispeziona non conosce Pete Pistol e non crede alle parole dei cari quando gli spiegano che era un Pro Basketball. Con la dovuta cautela, il dottore spiega alla moglie Jackie e ai figli che Pete è stato un miracolato, perché ha vissuto 40 senza l’arteria coronaria sinistra. Per gli altri esseri umani, escludendo Maravich quindi, il tempo di vita stimato è di 8 anni. Non appena l’arteria coronaria destra non ha retto, il cuore, il grande cuore di Pete Pistol si è fermato.
Il ricordo di Pete Pistol a Baton Rouge, Louisiana. (waymarking.com)
Si è fermato su un campo da basket e non poteva essere diversamente. Così come i soldati cadono sul campo di battaglia, così come i pugili si accasciano sul ring, così il cuore di Pistol ha smesso di battere su un parquet lucido, pulito, come ai vecchi tempi in cui gioca a LSU. C’era quando è stato inserito nella Hall of Fame ma non c’era quando è stato inserito tra i migliori 50 giocatori di sempre. A ricevere quell’onorificenza c’erano gli stessi figli che ascoltarono quelle parole dal dottore. Ci furono due scene estremamente toccanti: la prima è con Isaiah Thomas, la seconda è con Magic Johnson. Il playmaker dei Detroit Pistons, nel sottopassaggio, fermò i figli di Pete e gli disse: “Volevo dirvi che ogni mio movimento sul campo è stato ispirato da vostro padre”. La stessa cosa fece Magic che ammise: “I miei grandi Lakers sono stati chiamati la squadra dello Show Time. Ma il vero Show Time era il vostro papà”. Ad entrambi gli All Star non fu dato nulla più di un semplice “Grazie”.

Ed è lo stesso GRAZIE che noi rivolgiamo agli dei del basket, al papà Peter detto Press, alla mamma Helen, a chi lo ha forgiato, a chi ha creduto in lui, a chi gli ha permesso di giocare ed insegnare che cos’è la pallacanestro. Grazie Pete, ti saremo sempre riconoscenti. Non lo dimenticheremo mai!

(Fonte: http://www.nba24.it/wordpress/news/accade-oggi-511988-a-pasadena-ca-su-un-campo-da-gioco-muore-pete-pistol-maravich/  )

From Bob to Pete: storia di musica, basket e dignità
http://www.basketinside.com/nba/news-mercato-e-focus/from-bob-to-pete-storia-di-musica-basket-e-dignita/ 

Per conoscere più dettagliatamente la storia di Pete:
Maravich: il giorno in cui Pete divenne Pistol
https://www.nbalife.it/maravich-il-giorno-cui-pete-divenne-pistol/ 

Live long and prosper, Mr.Tambourine, :o)


__________________________________________________________________________________________________________________

A Tulsa, OK, sorgerà il Centro Bob Dylan                                               clicca qui

__________________________________________________________________________________________________________________

Chiude il Village Voice                                                                             clicca qui

 

 

Sabato 1 Settembre 2018

Christchurch, New Zealand - Horncastle Arena, August 28, 2018

by John Stringer

Dylan, sorridente e felice, ha fatto il sold-out alla Hornchock Arena di Christchurch, Nuova Zeland, con un tuorbillon di canzoni ri-arrangiate dagli album degli ultimi sei decenni.

A 77 anni, vestito con una giacca da smoking grigio argento, pantaloni da autista di autobus e una camicia western nera con bottoni argentati e una cravatta col bolo, la mummia di marca Dylan, senza cappello stavolta, ha dimostrato di essere ancora vivo e vegeto.
Cantando senza voci di coriste di supporto, solo la sua band dal vivo composta da cinque musicisti, l'uomo di Duluth ci ha spedito in un viaggio con una serie di canzoni ri-arrangiate senza interruzioni per due ore filate.
Il via è stato Things Have Changed , dal film Wonder Boys (per il quale ha vinto il suo Academy Award che era sul palco) e It ain’t Me Babe, e con Highway 61 Revisited Dylan ci ha portato verso una una nuova versione di Summer Days con un po' di sapore del sud dal violino.
Si alzava in piedi in vari modi, o si sedeva suonando il lucente pianoforte a coda, vigoroso o melodico, e con tanti interventi di armonica. Due volte Dylan ha lasciato il pianoforte a coda per un grande applauso e ha cantato al centro della scena. Evidentemente si stava divertendo con i suoi tipici movimenti e la mano sul fianco.

C’era il blues, il rock per la chitarra elettrica, alcune ballate soul, il folk e lo swing. Accompagnato dl mandolino elettrico, chitarra ritmica, basso (incluso un contrabbasso pizzicato e suonato con l'arco), tastiere e violino, cinque chitarre e tamburi pazzeschi, Dylan era fiducioso e la sua voce forte. Ha bevuto da un semplice bicchiere di carta, che durante Early Roman Kings è stato sostituito con quello che sembrava un caffè da asporto.
Bob Dylan ha suonato a Christchurch per la quarta volta.
Il divieto di utilizzo di dispositivi portatili, registrazioni o foto e video è stato rigorosamente applicato. Le persone sono state incoraggiate a godersi semplicemente la performance per una volta invece di distrarre tutti con piccoli schermi illuminati sui loro volti. Eravamo a 20 metri di distanza e vedevamo ogni smorfia e sfumatura di Dylan. Si stava davvero divertendo. È stato divertente vedere la band guardare Dylan come si guarda un falco per vedere dove stesse andando e quale giro di accordi seguire. Classic Dylan!

Con lo sfondo di enormi tende di velluto rosso, la band indossava fedore nere e giacche smoking abbinate con i bordi in argento scintillante. Dylan aveva un cravattino argentato abbinato sulla sua camicia western. Il palcoscenico era pieno di nostalgie retrò come il set sospeso di sette spot per le luci stile film vintage, un cerchio di otto luci più grandi in stile retrò su supporti di un arancio luminoso, poi c’era il Grammy e quel busto neoclassico che Bob porta ovunque.

Dylan ci ha dato: Tangled Up in Blue, Early Roman Kings, Like A Rolling Stone, Honest with Me, Make You Feel My Love, Love Sick, Thunder on the Mountain, Don’t Think Twice tra le altre. Alcune erano nuove interpretazioni irriconoscibili. Non ho riconosciuto Desolation Row fino alla fine.
Forse il momento clou della serata è stata una nuova versione di Gotta Serve Somebody da Slow Train Coming del 1979, ma con un nuovo testo divertente: "Sei un vero matto ..." qualcosa su un "pettine a denti stretti" e "allucinante", “potresti aver visto un fantasma" a "potresti anche non sapere il giorno della tua nascita!" che è stato accolto da un applauso in standing ovation con Dylan raggiante.
Ha incantato la gente dopo 110 minuti con una bella “Blowin' In the Wind” sostenuta da un incantevole violino, e ha finito con una grintosa Ballad Of A Thin Man ("Do Ya, Mr Jones?") del 1965. Il pubblico le ha apprezzate e Dylan sembrava compiaciuto, sorridendo e sorridendo per tutto il tempo.

 

PREVIOUS PAGE - PAGINA PRECEDENTE

MOTORE DI RICERCA INTERNO

cerca in maggiesfarm.eu

ARCHIVIO NEWS